Trump sfida Big Pharma

di Andrea Amata

Trump emana quattro Ordini esecutivi per calmierare i prezzi dei farmaci.

Trump abbassa il prezzo dei farmaci firmando tre ordini esecutivi ...

Donald Trump continua a spiazzare i Democratici con provvedimenti popolari che rischiano di provocare una voragine tra il mainstream e i ceti sociali più esposti alla virulenza della crisi, che negli Stati Uniti ha causato 20 milioni di disoccupati e falcidiato la ricchezza nazionale, con un decremento veemente di oltre il 30% del Pil.

Tuttavia, il 45esimo presidente degli Stati Uniti non è rimasto impotente al clima afflittivo generato dal Covid, ed ha reagito emanando 4 ordini esecutivi per calmierare i prezzi dei farmaci. Una battaglia, certamente popolare, contro Big Pharma e le sue lobby, che sono sempre riusciti a disinnescare le iniziative del Congresso americano in funzione dei prezzi farmaceutici più equi.

Contro i colossi dell’industria farmaceutica, le precedenti amministrazioni non hanno prodotto riforme per limitarne lo strapotere, che si materializza in un cartello oligopolista. In tale cornice i prezzi non li fa il mercato, ma direttamente i produttori che convergono nella massimizzazione dei profitti, con effetti di ingiustizia sociale per le categorie più deboli.

Trump, durante l’intervento alla firma degli ordini esecutivi sulla riduzione dei prezzi dei farmaci, ha usato toni euforici per descrivere il passaggio memorabile del governo degli Stati Uniti: “Oggi sto intraprendendo un’azione audace e storica, molto significativa per ridurre il prezzo dei farmaci da prescrizione per i pazienti e gli anziani americani”.

Non si può disconoscere la portata storica dell’iniziativa di Donald, considerando l’inerzia delle precedenti amministrazioni sul contenimento dei prezzi. Anzi, durante il mandato di Barack Obama i prezzi dei farmaci sono aumentati del 55%, penalizzando le comunità “periferiche” a cui di fatto è precluso l’accesso a cure mediche dispendiose.

Il repubblicano Trump ha agito con ordini esecutivi, esprimendo un concreto indirizzo politico orientato ai principi della giustizia sociale. Mentre a sinistra si abusa del concetto, intestandosi un primato teorico, la destra trumpiana ne ha dato una declinazione pratica, scontrandosi con le multinazionali farmaceutiche e assicurando maggiore libertà nell’accesso all’assistenza sanitaria.

La stampa progressista leggerà con il solito pregiudizio i provvedimenti esecutivi di Trump, attribuendogli un valore strumentale, nell’imminenza delle presidenziali, per ghermire il voto della popolazione nera. Così il 2020 potrebbe replicare il canovaccio del 2016, quando l’informazione del politicamente corretto fallì nei suoi pronostici avventati e disprezzanti, che ignorarono i brusii di malessere della profondità sociale americana, rimanendo sconfitti e rintronati da un risultato che ne certificò la divergenza con il Paese reale.

Articolo di Andrea Amata

Fonte: https://www.nicolaporro.it/trump-sfida-big-pharma/

Libri e varie...
SCOPERTE MEDICHE NON AUTORIZZATE
Le cure proibite osteggiate dalle multinazionali del farmaco
di Marco Pizzuti

Scoperte Mediche non Autorizzate

Le cure proibite osteggiate dalle multinazionali del farmaco

di Marco Pizzuti

Marco Pizzuti prende in esame una serie di scoperte nel campo della medicina che, per quanto censurate, screditate e bandite dall'establishment medico asservito a "Big Pharma", trovano conferma in documenti, ricerche scientifiche e testimonianze di numerosi pazienti.

Molti malati sono infatti guariti da patologie finora ritenute incurabili (cancro, AIDS, autismo, sclerosi multipla ecc.), si sono alzati dalla sedia a rotelle o hanno migliorato le loro condizioni in modi che hanno fatto pensare al miracolo.

Scoperte mediche non autorizzate mette finalmente a nudo i meccanismi che trasformano la propaganda commerciale delle case farmaceutiche in "scienza medica" e che etichettano grandi scoperte alla stregua di "clamorose bufale". Forte di una mole di dati clinici interamente verificabili, Marco Pizzuti riporta fonti corroborate da interviste e dichiarazioni di eminenti luminari nel campo della sanità. Elenca inoltre per la prima volta tutte le informazioni di contatto necessarie per poter consultare i "medici eretici" citati nel testo. A volte, ascoltare la cosiddetta "altra campana" può salvare la vita!

"Fin da bambini ci è stato insegnato che la scienza medica lotta contro le malattie per difendere la salute. Nessuno però ci ha spiegato che la malattia rappresenta il terzo business a livello mondiale e che esiste un insanabile conflitto d'interessi tra salute del malato e profitto delle multinazionali. Appena ho iniziato a cercare seriamente informazioni sulle società che dirigono gli studi scientifici, ho dovuto constatare tutto ciò che si nasconde dietro l'industria farmaceutica. Il fatto più inquietante è la scoperta di un giro d'affari internazionale che ostacola il progresso della medicina per ragioni di profitto. In molti casi le cure di molte malattie terribili esistono, ma le multinazionali esercitano pressioni per tenerle nascoste.

Questo è il motivo per cui da anni la ricerca non fa passi avanti, nonostante i grandi investimenti pubblici e privati, mentre le scoperte più rivoluzionarie provengono quasi esclusivamente da scienziati accademici senza mezzi o addirittura da medici improvvisati Ora sono finalmente in grado di rivelare al pubblico le principali "cure proibite" che hanno come denominatore comune un basso costo di produzione o la non brevettabilità, ovvero quei "difetti" di mercato che si pongono oggettivamente contro gli interessi dell'industria farmaceutica".

...

Un commento

  1. di vico giuseppina

    Anche in Italia i prezzi dei farmaci sono carissimi, ma nessun governo interviene.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *