• Se cerchi un libro o un prodotto BIO, prova ad entrare nel sito di un nostro partner, Macrolibrarsi, il Giardino dei Libri, sosterrai così il nostro progetto di divulgazione. Grazie, Beatrice e Mauro
    Canale Telegram

Nei Terreni Europei e Usa Stanno Sperimentando Nuovi Pesticidi Genetici (Quasi in Segreto)

di Francesca Biagioli

Aziende biotecnologiche, in primis l’americana GreenLight Biosciences, stanno testando pesticidi genetici basati sulla RNA-interferenza (RNAi) sia negli Stati Uniti che in Europa.

Al centro delle sperimentazioni sarebbe la Francia e a lanciare l’allarme è la ONG Pollinis. Negli Stati Uniti ma anche in Europa, in particolare in Francia, aziende biotecnologiche stanno sperimentando, quasi in segreto, nuovi pesticidi genetici basati sulla RNA interferenza (RNAi). È quanto denuncia la ONG francese Pollinis che lancia l’allarme e una petizione per fermare queste attività, evitando le terribili conseguenze di tali esperimenti su api e impollinatori, oltre che più in generale sull’ambiente (e sulla salute delle persone… ).

La GreenLight Biosciences, un’azienda nordamericana specializzata in biotecnologie, è una delle tre società coinvolte nei test sui nuovi pesticidi in campo aperto e ha dichiarato ufficialmente le sperimentazioni già nel 2022, includendo come luoghi dei suoi test Paesi come gli Stati Uniti, la Germania, la Spagna e la Francia.

Tuttavia, secondo le indagini della ONG Pollinis, le prove in Francia si sono svolte senza adeguata trasparenza e senza che l’Agenzia ambientale francese (Anses) fosse pienamente informata su luogo e date di tali sperimentazioni, il che ovviamente solleva preoccupazioni sulla mancanza di valutazione del rischio associata ai test e l’assenza di studi approfonditi sulle potenziali conseguenze ambientali di questi nuovi pesticidi. La Pollinis ha sottolineato che la Francia sembra essere diventata il campo da gioco per le aziende agro-genetiche, mettendo in evidenza la mancanza di controllo.

L’Agenzia sanitaria francese (Anses) ha confermato di aver registrato tre dichiarazioni di avvio di prove con pesticidi RNAi (1 su colza e 2 su patate), sottolineando che queste sperimentazioni sono state condotte “sotto il regime di deroga al permesso di sperimentazione, quindi senza documentazione presso l’Anses”.

La Pollinis ha sollevato ulteriori preoccupazioni riguardo agli effetti “fuori bersaglio” di questi pesticidi, sottolineando che possono influenzare negativamente gli impollinatori e altri ausiliari delle colture. La somiglianza tra i patrimoni genetici degli insetti essenziali per gli ecosistemi e quelli dei parassiti bersaglio potrebbe infatti portare a conseguenze impreviste.

La GreenLight Biosciences non è l’unica azienda coinvolta ma vi sono anche BASF e Syngenta, anch’esse impegnate nei test sui pesticidi RNAi su terra francese. La deroga alle norme Ue ha consentito a queste aziende di condurre le prove in campo aperto, presentando solo una semplice comunicazione e non, come sarebbe stato dovuto, una valutazione del rischio preventiva.

Ma l’associazione francese avverte: i pesticidi RNAi sono una nuova minaccia e per utilizzarli si sacrificano gli insetti impollinatori.  Questi nuovi pesticidi, presentati come alternative sostenibili alla chimica sintetica, sembrano in realtà riprodurre gli stessi rischi (o peggio?) per gli impollinatori delle varianti di fitofarmaci più tradizionali.

Come Funzionano i Pesticidi RNAi

Dopo l’era dei pesticidi chimici, le aziende agrochimiche stanno sfruttando la genetica per affrontare gli insetti che rovinano le colture. I pesticidi RNAi, progettati per bloccare l’espressione genica negli insetti dannosi, seguono un approccio simile a quello dei loro predecessori chimici, ma utilizzano la manipolazione genetica per raggiungere il loro obiettivo.

La Dorifora, uno degli insetti bersaglio di questi pesticidi, rappresenta un caso emblematico. Questo coleottero dannoso per le coltivazioni è noto per la sua adattabilità e resistenza agli insetticidi chimici. Le aziende agrochimiche si stanno orientando allora verso i pesticidi RNAi, sperando che questi possano offrire soluzioni più efficaci.

L’RNA-interferenza è un meccanismo che impedisce la sintesi delle proteine negli organismi viventi. Nel caso dei pesticidi RNAi, questo meccanismo è sfruttato per bloccare l’espressione genica negli insetti, causandone la morte. Tuttavia, questa azione mirata può avere comunque effetti “fuori bersaglio” e influenzare anche gli impollinatori e altri organismi utili per gli ecosistemi.

La Pollinis ha giustamente richiesto una valutazione completa dei rischi per api, impollinatori selvatici, biodiversità ed ecosistemi da parte di un’agenzia indipendente.

La Petizione

Pollinis lancia un appello ad unirsi alla petizione, già sottoscritta da oltre 75mila cittadini, per sollecitare l’attuazione del principio di precauzione in Europa e una sospensione immediata dei procedimenti in corso e delle richieste di autorizzazione. In aggiunta, l’associazione insiste per una valutazione completa dei rischi.

Articolo di Francesca Biagioli

Fonte originale: https://www.greenme.it/ambiente/nuovi-pesticidi-genetici-sperimentati-in-campo-aperto-e-quasi-in-segreto-lallarme-di-unong-in-francia

CALENDARIO DELLE SEMINE DI MARIA THUN® 2024
In omaggio il calendario da parete
di Titia e Friedrich Thun

Calendario delle Semine di Maria Thun® 2024

In omaggio il calendario da parete

di Titia e Friedrich Thun

L'originale Calendario delle semine basato sui moti stellari, planetari e lunari è ora alla sua sessantaduesima edizione.

Concepito da Maria Thun per gli agricoltori e orticoltori biodinamici, per i quali costituisce un indispensabile strumento di lavoro, il Calendario è utilizzato con profitto anche dal floricultore professionale e casalingo. Le operazioni di semina, raccolto, trapianto, concimazione e taglio danno migliori risultati se effettuate nei giorni indicati dal Calendario come favorevoli.

I consigli contenuti nel Calendario delle semine costituiscono l'applicazione pratica di alcune indicazioni presenti nelle conferenze di Rudolf Steiner che nel 1924 diedero avvio all'agricoltura biodinamica.

Tra i suoi vari aspetti, l'agricoltura biodinamica postula l'influenza delle forze cosmiche sulla crescita delle piante, e la verifica sperimentalmente. Il Calendario pone particolare attenzione proprio su questo aspetto.

Il tema centrale di quest'anno riguarda una serie di sperimentazioni effettuate da Maria Thun dal 1994 fino al 1997. Nel corso di questo lavoro di ricerca Maria Thun ha studiato gli effetti della distribuzione di infusi e di decotti sulla crescita delle piante, ottenendo molteplici risultati che verranno trattati esaurientemente nel presente Calendario.

Proseguendo a trattare questo tema vengono presi in considerazione anche i macerati vegetali, descrivendo le singole piante che Maria Thun ha scelto per la preparazione dei suoi infusi e decotti. Alcuni testi del presente calendario sono stati scritti da Maria Thun, in parte pubblicati in libri che attualmente sono esauriti.

L'agricoltura biodinamica, promossa da Rudolf Steiner nel 1924, è una moderna presa di coscienza sull'agricoltura.

Essa propone di:

  • creare un sistema bilanciato il cui scopo principale è la vivificazione dei terreni con rotazioni e colture intercalari, con sovesci, con mezzi di difesa non pericolosi per gli esseri viventi, con una maggiore valorizzazione del bestiame, con il rispetto della fauna e quindi con il ripristino di un equilibrio naturale;
  • valorizzare l'uso del letame, curare l'allestimento dei cumuli e del composto, usare i trattamenti con i preparati biodinamici (che sono elaborazioni di sostanze vegetali e animali esposte a particolari influssi cosmici);
  • lavorare il terreno con arature superficiali, affinare le tecniche di diserbo meccanico, favorire l'impiego delle leguminose attraverso le quali i batteri nel terreno possono rendere disponibili molti chilogrammi di azoto per ettaro, mantenere e sviluppare l'humus nel terreno, patrimonio incalcolabile per le attuali e future generazioni.

Una preziosa raccolta di informazioni per seminare, trapiantare e lavorare la terra, sulla base delle ricerche sulle costellazioni.

Calendario da Gennaio a Dicembre 2024.

In omaggio il calendario da parete!

Traduttore Lucy Milenkovic'

...

Un commento

  1. Purtroppo temo che tutto ciò stia accadendo anche in Italia, nella città in cui vivo passano minutamente droni ed elicotteri che non solo sporcano il cielo ma lasciano nell’aria un odore terribile, provocando irritazione alla gola, senso di nausea e bruciore agli occhi. Forse è arrivato il momento di fare qualcosa…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *