• Se cerchi un libro o un prodotto BIO, prova ad entrare nel sito di un nostro partner, Macrolibrarsi, il Giardino dei Libri, sosterrai così il nostro progetto di divulgazione. Grazie, Beatrice e Mauro
    Canale Telegram

Intesa Sanpaolo chiude i Bancomat? Cosa sta Succedendo?

di Valentina Magri

Circola in rete da giorni con insistenza la notizia che Intesa Sanpaolo stia dismettendo i Bancomat, o sportelli di prelevamento automatico.

Sono voci fondate? Abbiamo chiesto direttamente alla banca cosa sta succedendo e cosa potrebbe succedere più avanti.

La Posizione di Banca Intesa Sanpaolo

Intesa Sanpaolo ha precisato che non sta dismettendo gli sportelli di prelevamento automatico. Al contrario, stiamo potenziando operatività e servizio ai clienti con alternative digitali e di prossimità, per una maggiore capillarità fisica e temporale. Il Piano d’Impresa 2022 – 2025 di Intesa Sanpaolo prevede infatti un nuovo modello di servizio omnicanale: già oggi il 93% della clientela è multicanale, svolgendo in autonomia la maggior parte delle operazioni di routine e acquistando online i principali prodotti bancari”.

Il modello di business della banca torinese prevede, oltre alla rete di filiali fisiche, la presenza di aree self con Atm e Mta, macchine evolute che consentono di svolgere in autonomia le principali operazioni di cassa (sono 3.400, con oltre 6.200 macchine in tutta Italia); la filiale digitale, che risponde ai clienti dal lunedì al giovedì dalle 7 alle 24, il venerdì dalle 7 alle 22 e nel weekend e festivi dalle 9 alle 19; canali diretti potenziati (internet banking/app Intesa Sanpaolo Mobile); e il circuito “Mooney”, che offre continuità al servizio soprattutto per i clienti senior e per quelli con esigenze bancarie di base e che comprende circa 45.000 tabaccherie, edicole e altri punti operativi in tutta Italia, dove si possono ricaricare le schede telefoniche, fare bonifici, pagare bollette, F24 e MAV e prelevare contante fino a 250 euro al giorno.

La Chiusura delle Filiali di Intesa Sanpaolo

Nei casi di “razionalizzazione” delle filiali, già previste e annunciate da Intesa Sanpaolo, sono attivate altre iniziative per i clienti: la gratuità su tutto il territorio italiano per dodici mesi dei prelevamenti presso il circuito “Mooney”; l’esenzione per sei mesi dalle commissioni sui prelevamenti presso ATM di terze reti; la possibilità di inserire il Comune nell’itinerario della “Banca Mobile”, che presidia a rotazione i territori grazie a camper allestiti come filiale.

Laddove sussista la disponibilità di locali comunali idonei, è inoltre previsto il mantenimento di ATM/MTA esternalizzato. Le agevolazioni per gli esercizi commerciali fanno invece riferimento all’iniziativa “Crescibusiness”, che prevede tra l’altro l’azzeramento per 12 mesi delle commissioni sui pagamenti POS in negozio fino a 15 euro e gratuità per un anno del canone su nuovi POS.

La Chiusura degli Sportelli Bancari

Ricordiamo che è in atto a livello italiano un trend di chiusura delle filiali da parte di tutte le banche, non solo Intesa Sanpaolo. I dati di Manageritalia dicono che nel 2021 le filiali bancarie sono scese da 23.481 di fine 2020, a 21.650 a fine 2021: ben 1.831 sportelli chiusi in un solo anno.

Questo ha portato 4.902 comuni a restare senza sportelli. Nel sud Italia, le banche sono presenti solo nei grandi centri abitati. A livello regionale, il fanalino di coda per numero di sportelli è la Calabria: 340 sportelli, ossia 18 ogni 100 mila residenti.

Di bene in meglio…

Articolo di Valentina Magri

Fonte: https://www.wallstreetitalia.com/intesa-sanpaolo-chiude-i-bancomat-cosa-sta-succedendo/

GLI OLIGARCHI DI DAVOS
Dal COVID-19 al grande Reset: come le élite strumentalizzano le crisi per creare un governo mondiale
di Enrica Perucchietti

Gli Oligarchi di Davos

Dal COVID-19 al grande Reset: come le élite strumentalizzano le crisi per creare un governo mondiale

di Enrica Perucchietti

Come la paura trasforma, provocando il collasso e uno stato di suggestionabilità intensificato che possono essere utilizzati dal potere per riprogrammare le menti.

Per i tecnocrati di Davos, il Great Reset intende creare un nuovo “ordine mondiale” tecnologico e post-umano in cui ogni aspetto della nostra vita rischierà di essere controllato, automatizzato e sorvegliato.

Per le élite mondialiste che si riuniscono ogni anno a Davos, l’emergenza pandemica è stata un’occasione per avviare la promozione di un’Agenda globale, nota come Great Reset.

Il fondatore del Word Economic Forum, l’ingegnere ed economista tedesco Klaus Schwab, descrive nei suoi libri uno stravolgimento globale della nostra società in una direzione post-umana. Il sogno degli oligarchi di Davos è rafforzare la governance globale e dividere la società in due livelli:

  • Da una parte il potere economico detenuto da una ristretta cerchia tecno-finanziaria di miliardari
  • Dall’altra la “massa”indistinta di individui sempre più poveri, senza diritti e senza radici, facili da sfruttare e controllare per il nuovo ordine post-umano che si sta costruendo.

Con questo libro scoprirai:

  • terrorismo mediatico, censura, digitalizzazione, sorveglianza, tecnologia e biopotere
  • la "nuova normalità" e i piani per la creazione di un governo unico mondiale
  • la quarta rivoluzione industriale e l'Agenda globale del Grande Reset
  • ...e molto altro ancora

"L'amore allontana la paura e, reciprocamente la paura allontana l'amore. E la paura non sconfigge solo l'amore; anche l'intelligenza, la bontà, tutti i pensieri di bellezza e verità, è solo muta disperazione; è, infine, la paura arriva a espellere l'uomo dall'umanità stessa."

Alidous Huxley

...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *