8 cose da ricordare quando credi di non essere all’altezza

della Dott.ssa Daniela Mascaro

Tutti noi almeno una volta abbiamo fatto un pensiero negativo su noi stessi. Io stessa fino a qualche tempo fa, mi sentivo meno degli altri e avevo la sensazione che gli altri fossero migliori di me in molte cose.

Può essere che pensiamo di non essere abbastanza bravi, di non essere in grado di fare qualcosa, di non aver ottenuto abbastanza o di non avere ciò che serve per avere successo. Magari stiamo attraversando un periodo difficile e lo rendiamo ancora più duro con pensieri tipo: “Mi succede sempre così”, “Non sarò mai in grado di realizzare ciò che voglio”, “E ‘troppo difficile per me cambiare”, “Per gli altri è tutto più facile”.

Queste però sono tutte storie che ci raccontiamo nella testa: se ci troviamo nella condizione di dover affrontare una certa situazione, allora vuol dire che in qualche modo possiamo farlo.

E ve lo dice una che negli anni passati non credeva che sarebbe mai riuscita a parlare con le persone senza essere in imbarazzo (e no, non era proprio compatibile con il lavoro da psicologa che avevo scelto). Ero convinta che tutti gli altri avessero una marcia in più e che quando stavano distribuendo il coraggio io stessi probabilmente pensando alle farfalle. Di cose, però, ne ho imparate negli ultimi anni e ora voglio condividerle, perché sono sicura che se ce l’ho fatta io ce la può fare chiunque legga questo articolo.

1. Tu non sei i tuoi pensieri

Ripenso a quando, appena finita l’università, ho deciso di prendermi un anno per decidere cosa fare della mia vita. Eppure quando finisci l’università dovresti aver già deciso che lavoro vorrai fare no? Nell’indecisione generale, faccio la scuola di psicoterapia, faccio la psicologa, boh che faccio? ho deciso di prendermi un anno e trasferirmi ad Amsterdam.

Tutto questo non senza un po’ di fifa. Cosa farò quando sarò li? Come farò a pagare le bollette, una casa e mantenermi? Non parlavo nemmeno troppo bene l’inglese e nella mia mente hanno iniziato a comparire tutta una serie di scenari tragici e disastrosi, scenari in cui io non ce l’avrei fatta. L’ho fatto lo stesso, sono partita, ma non senza paura. Beh sapete una cosa? Una volta lì mi son dovuta preoccupare di mille altre cose che non erano neanche lontanamente presenti nelle mie preoccupazioni preventive, mentre tutto quello che avevo pensato e di cui avevo paura  non si è neanche verificato.

Ho trovato un lavoro, una casa, ho imparato l’inglese e vi dirò di più, ad Amsterdam ho fatto la mia prima esperienza da psicologa occupandomi di un bambino sospetto ADHD. Anche lì tanta indecisione e insicurezza ma, memore dell’esperienza del trasferimento, mi son detta “Ok, ce la posso fare, e se non ce la faccio sarà comunque una bella esperienza”. E puf, spariti i pensieri negativi, spariti i fantasmi della mia mente.

Siate svegli nelle vostre scelte, sentite cosa volete fare e muovetevi in base a quella spinta vera, che viene da dentro non da fuori. E non lasciate che la vostra mente vi spaventi, ci proverà sempre, ma siete che decidete, non lei. 

2. L’erba del vicino (non) è sempre più verde

Spesso ci sentiamo giù di morale perché ci confrontiamo con gli altri e pensiamo cose del tipo: “Vorrei essere in gamba come lui” o “che fortunato che è!”. Bene queste persone probabilmente staranno vivendo anche loro le proprie sfide quotidiane, anche se noi non lo vediamo. Mentre noi ci focalizziamo su un solo aspetto delle loro vite, magari sul fatto che hanno successo nel loro lavoro, c’è tutta una parte di storia che non sappiamo e non è che essere loro ci renderebbe immediatamente felici.

Per non parlare del fatto che non si tratta di ottenere successo, felicità, soldi bensì di permettere a noi stessi di essere chi realmente siamo. Per fortuna in questo mondo siamo tutti diversi, ognuno con il proprio viaggio. Non è meglio apprezzare ciò che si ha piuttosto che guardare a ciò che non si ha?

3. Tu puoi fare la differenza

Quante volte abbiamo voglia di fare la differenza, ma pensiamo di essere troppo piccoli o incapaci per aiutare a cambiare il mondo? Finché non accettiamo che, non importa quanto grandi o piccole siano le nostre azioni, possiamo comunque fare la differenza, saremo sempre assediati da questo bisogno di fare qualcosa, cambiare qualcosa.

Spesso le persone con le quali ho il piacere di parlare, mi ringraziano e mi dicono che dopo una chiacchierata con me gli sembra tutto diverso e si sentono molto meglio e ho notato che tutte le volte che non sono grata per questo ma penso a cosa potrei fare di più, li mi perdo e non mi rendo conto di quello che già sto facendo.

A volte un semplice gesto gentile può avere un impatto inimmaginabile su una persona, anche se noi non ne siamo consapevoli. Magari è aiutare una persona in difficoltà con una ruota a terra, magari è raccogliere dalla strada un gattino indifeso o dedicare un’ora del tuo tempo ad ascoltare un amico: gesti che sembrano di poca importanza a noi, ma che davvero possono fare la differenza.

Lo dice anche il Dalai Lama: “Non sottovalutare il tuo potere individuale..”  

esercizi di autostima

4. Sei esattamente dove devi essere

“Quando avrò finito l’università allora finalmente avrò un lavoro e sarò tranquillo!”

Quante volte lo abbiamo pensato o sentito? E’ un circolo vizioso che inizia quando guardiamo la situazione in cui ci troviamo e pensiamo che non sia buona abbastanza. Abbi fiducia in ciò che stai facendo, in te stesso e nel posto in cui sei.

Ciò non significa che non possiamo agire per modificare la situazione in cui siamo, semplicemente il punto di partenza è un altro: non più “Qui non sto bene, devo scappare” bensì “ok, da dove posso cominciare per migliorare la mia situazione?”. Il più delle volte la parte più bella è il viaggio, non la meta.

5. Cerca la felicità dentro di te, non fuori

La pace e la felicità sono una condizione interna, non arrivano da fuori. Ci intrappoliamo nella ricerca della felicità all’esterno, credendo che se facciamo questo e quest’altro allora si che saremo felici e in pace. Non è così: la pace viene da dentro, se non plachiamo l’anima e la mente, le situazioni di benessere saranno solo apparenti, la vera felicità non ha a che fare con ciò che facciamo, è uno stato dell’essere. 

6. Parlare male di noi stessi non migliora le cose

Questa, per quanto sembri strano, è una cosa molto comune. Sembra quasi che siamo abituati al fatto che, quando qualcuno ci chiede cosa stiamo facendo nella nostra vita o come ci sentiamo, le prime parole a uscire dalla nostra bocca siano qualcosa di negativo su noi stessi. Fateci caso!

Farlo non serve a nulla, anzi! Se non amiamo noi stessi, come possiamo pretendere che gli altri ci amino. Per non parlare del fatto che ripetersi cose negative sul proprio conto fa si che, ad un certo punto, ci si creda veramente. Ti capita di farlo? Inizia osservando quanto spesso lo fai e fai un piccolo sforzo per fermarti prima di iniziare la prossima volta. Ben presto spariranno anche i pensieri negativi su te stesso, comodo no?

7. Tu non sei ciò che fai

Tante volte ci facciamo prendere dall’idea che, se facciamo qualcosa (che sia prendere una laurea,trovare un lavoro, un credo religioso, ecc.), allora avremo più valore. Di conseguenza se NON facciamo quella cosa o NON raggiungiamo un certo obiettivo, ci sentiamo inutili o non abbastanza.

Ecco una verità da ricordare sempre e per sempre: Tu Non Sei Ciò Che Fai. Certo, è bene essere soddisfatti di se stessi se si è fatto qualcosa di grande, ma far si che questo qualcosa diventi parte della tua identità non è salutare. Allo stesso modo, il NON fare qualcosa non ti rende migliore o peggiore.

Se stai aspettando di fare qualcosa per sentirti OK, per sentirti abbastanza, guarda che potresti aspettare anche tutta la vita! Il sentirsi OK non viene dal fare ma dall’essere. Ricorda: sei ok così come sei (questa realizzazione mi ha aiutata molto nel mio percorso di crescita personale).

8. Pensa a quanti obiettivi sei riuscito a raggiungere

Questo è un consiglio che mi fu dato parecchio tempo fa e di cui ho fatto tesoro: prenditi un attimo per pensare a te, a come sei realmente. Anzichè focalizzarti su quanto ancora non hai raggiunto, su quanto non sei felice nella situazione in cui sei, su quanto vorresti cambiare, pensa a tutto ciò che di buono hai fatto e raggiunto. Perchè continuare a tenersi stretta quella sensazione di non essere abbastanza?

Dopodichè, se stai vivendo una situazione che non ti piace, chiediti come puoi cambiarla, sfida te stesso per esplorare e trovare le risposte. Imparerai molto su di te e su quello che puoi fare.

Il tuo sistema di credenze crea la realtà in cui vivi. Tu diventi ciò che credi di essere, quindi se credi di non essere Ok così come sei, stai sicuro che la vita te lo confermerà.

So che per come vanno le cose  sembra il contrario, sembra che ciò che ci succede definisca le nostre vite. Non è così, tutt’altro! Come fare per cambiare tutto questo? Cambia dall’interno, modifica le tue credenze e la tua vita sarà uno specchio di ciò che credi di essere.

Il mio consiglio è di provare per 30 giorni questo esercizio: prendi una credenza che ti riguarda e per 30 giorni modificala, osserva quando compare e proprio in quel momento sostituiscila con ciò che vorresti che fosse. Alla fine dei 30 giorni ti accorgerai che è cambiato davvero qualcosa nella tua vita e non potrai fare a meno di continuare a farlo.

Dott.ssa Daniela Mascaro

Libri e varie...
SCATENA L'AUTOSTIMA
Come liberare il potere che c'è in te...e conquistare l'indipendenza emotiva, economica e mentale
di Marilyn J. Sorensen

Scatena l'Autostima

Come liberare il potere che c'è in te...e conquistare l'indipendenza emotiva, economica e mentale

di Marilyn J. Sorensen

Uno dei libri più letti e consigliati dagli psicologi che si occupano di autostima e automiglioramento.

Bestseller di pubblico e di critica negli Stati Uniti

La prima edizione italiana ha venduto molto bene (zero rese). Da allora le richieste per una ristampa sono continue.
Finalmente un libro che illumina chiaramente sull'esperienza devastante di chi soffre di bassa autostima: la paura e l'ansia che prendono il controllo dei pensieri; dei sentimenti e dei comportamenti.

La dott.ssa Sorensen ci spiega: lo sviluppo della bassa autostima nasce come un film nella nostra mente: registriamo e immagazziniamo gli eventi significativi nella memoria, formando le basi su cui vediamo e valutiamo noi stessi.

Se siamo stati ridicolizzati, criticati, umiliati, respinti, maltrattati o abbandonati, questo film sarà prevalentemente negativo; vedremo noi stessi come inadeguati, indegni e inamabili. Una volta formata, questa visione negativa e l'ansia che l'accompagna permeeranno ogni aspetto della nostra vita.

Attraverso un percorso costruito su esempi e spiegazioni, l'autrice permette la facile comprensione di un argomento complesso; e mediante l'uso di strumenti e strategie consolidati nel tempo, Scatena L'autostima offre un metodo di comprovata efficacia per spezzare le catene che ci ancorano al passato e riprogrammare il nostro futuro con una nuova "potente" visione di noi stessi...

Uno dei libri più letti e consigliati dagli psicologi che si occupano di autostima e automiglioramento.

"Capire come funziona l'autostima e come migliorarla è uno dei compiti più signi cativi nella vita. Questo libro dà molto, ma molto di più, di Una tisana calda per l'anima; ha una sua anima propria e diventerà la bibbia dell'autostima!"

ROBERT LUBOW, M.D., Psychiatrist, Cincinnati, Ohio

"Questo libro a ascinante presenta nuove informazioni importanti sull'esperienza della bassa autostima. Chiunque abbia lottato contro l'insicurezza, si sentirà profondamente compreso, rivalutato e aiutato dalla lettura del testo."

SANDRA K. PINCHES, Ph.D., Clinical Psychologist, Portland, Oregon

Finalmente un libro che illumina chiaramente sull'esperienza devastante di chi so re di bassa autostima: la paura e l'ansia che prendono il controllo dei pensieri; dei sentimenti e dei comportamenti.

La dott.ssa Sorensen ci spiega: lo sviluppo della bassa autostima nasce come un lm nella nostra mente: registriamo e immagazziniamo gli eventi signi cativi nella memoria, formando le basi su cui vediamo e valutiamo noi stessi.

Se siamo stati ridicolizzati, criticati, umiliati, respinti, maltrattati o abbandonati, questo lm sarà prevalentemente negativo; vedremo noi stessi come inadeguati, indegni e inamabili. Una volta formata, questa visione negativa e l'ansia che l'accompagna, permeeranno ogni aspetto della nostra vita.

Attraverso un percorso, costruito su esempi e spiegazioni, l'autrice permette la facile comprensione di un argomento complesso.

Mediante l'uso di strumenti e strategie consolidati nel tempo, Scatena L'autostima o re un metodo di comprovata e cacia per spezzare le catene che ci ancorano al passato e riprogrammare il nostro futuro, potenziando al massimo la stima di noi stessi.

...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *