Una malattia chiamata Imperialismo

Quella dell’imperialismo è una brutta malattia. Una volta che ne vieni contagiato, diventa difficile liberarsi dal morbo.

Imperialismo americanoIn questo senso vanno le dichiarazioni di Al-Maliki, l’attuale presidente dell’Iraq, il quale accusa gli Stati Uniti di volersi prendere il merito per la sconfitta dell’ISIS a Mosul, “mentre sono stati loro che hanno contribuito a creare questa organizzazione”.

In una serie di dichiarazioni senza peli sulla lingua, riportate da RT, Al-Maliki ha detto che “la riconquista di Mosul è stata un successo del popolo iracheno, mentre ora gli Stati Uniti cercano di impadronirsene, sostenendo di essere stati loro a guidare quella guerra”.

“Certamente – ha aggiunto Al-Maliki – loro ci hanno aiutato con l’aviazione, ma il merito maggiore va ai soldati iracheni e alla milizia popolare. E questa vittoria ci è costata molto cara, con circa 20.000 soldati e poliziotti iracheni che sono morti o sono rimasti feriti nei combattimenti”.

Al-Maliki ha poi aggiunto che “mentre gli Stati Uniti hanno dato un supporto all’esercito iracheno, hanno anche contribuito alla nascita dell’ISIS in primo luogo. E ora Washington sta cercando di stabilire delle basi militari permanenti sul territorio iracheno, per riuscire a mantenere la loro influenza sulla regione”.

“L’ISIS ricorda molto i Talebani – dice Al-Maliki – che furono creati dall’amministrazione americana per combattere i russi in Afghanistan. Nello stesso modo, l’ISIS è stata creata per combattere certe scelte dell’Iraq, che non era d’accordo nel mettere l’embargo sulla Siria, che era contrario alle no-fly-zone in Siria, e contrario ad ospitare delle basi americane sul proprio territorio.

“La società irachena – ha concluso Al-Maliki – è contraria ad avere delle basi straniere sul proprio territorio, e abbiamo già avvisato gli americani perché non tornino qui in Iraq a piazzare le loro basi militari”.

Ma voi credete davvero che gli americani gli daranno ascolto?

Articolo di Massimo Mazzucco

Fonte: https://www.luogocomune.net/LC/index.php/16-geopolitica/4720-una-malattia-chiamata-imperialismo

Libri e varie...
Macrolibrarsi: "siamo operativi al 100% verso tutte le destinazioni in Italia, escluso la provincia di Bergamo e di Brescia".
PERCHè LO DICIAMO NOI
Come gli U.S.A. governano il mondo
di Noam Chomsky

Perchè lo Diciamo Noi

Come gli U.S.A. governano il mondo

di Noam Chomsky

Piano B edizioni presenta l'ultimo libro di Noam Chomsky, l'intellettuale americano oggi più influente e celebre al mondo, nonché il più incisivo e acuto critico degli stessi Stati Uniti d'America.

Perché lo diciamo noi presenta più di trenta saggi brevi ed energici, scritti tra il 2011 e il 2016, in cui Chomsky affronta il tema del potere globale esercitato dagli Stati Uniti in politica estere, economica, culturale ed energetica. Perché lo diciamo noi dà vita a una brillante contro narrazione della propaganda ufficiale dei grandi media riguardo le politiche globali americane durante questi ultimi 5 anni, anni di crisi economiche, guerre e destabilizzazione.

Gli scritti proposti affrontano i temi più pregnanti della politica mondiale di oggi. Terrorismo, potere della finanza e delle multinazionali, politiche climatiche, il fallimento dell'esportazione della democrazia, le conseguenze delle politiche di Obama e il rapporto Russia-Stati Uniti. Ma affronta anche temi molto diversi fra loro, dal caso Snowden e l'invasione della privacy dei cittadini da parte di governi e colossi dell'intrattenimento, a temi di filosofia politica, come l'importanza del concetto di bene comune in democrazia.

Nonostante la varietà dei temi affrontati, Perché lo diciamo noi riesce a fornire al lettore una mappa complessiva e inquietante della vita politica, culturale e sociale del mondo di oggi, globalizzato e americanizzato, riuscendo anche a indicare possibili vie d'uscita e forme di resistenza politica e culturale.

...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *