Toscana misteriosa: 3 luoghi sospesi tra storia e leggenda

La Toscana è una terra antica, dove è passata tantissima storia, dagli Etruschi al Rinascimento: per questo è così ricca di luoghi misteriosi, dove gli eventi storici si intrecciano con le leggende.

La splendida Abbazia di San Galgano

La splendida Abbazia di San Galgano

In questo articolo vi portiamo alla scoperta di tre di questi angoli sospesi nel tempo, che meritano assolutamente una visita.

1. Partiamo dall’Abbazia di San Galgano,

che si trova nelle campagne intorno a Chiusdino, borgo medievale delle Terre di Siena. Una costruzione affascinante che risale al 1200 e oggi è a cielo aperto, ovvero senza tetto, perché rimasta senza copertura sin dal Settecento: anche il pavimento non esiste più e dell’antico splendore di un tempo sono rimaste solo le colonne e le maestose facciate.

Ma l’Abbazia è famosa anche per un altro motivo: lì accanto si trova infatti l’Eremo di Montesiepi, una cappella dove si trova l’unica spada nella roccia conosciuta al mondo: secondo la leggenda questa spada conficcata saldamente dentro un masso sarebbe appartenuta a San Galgano, il cavaliere che la piantò nella roccia, proprio quando decise di abbandonare tutti i suoi averi per dedicarsi alla vita spirituale.

La spada nella roccia nell’Eremo di Montesiepi [Photo Credits: Fabio Gismondi]

La spada nella roccia nell’Eremo di Montesiepi [Photo Credits: Fabio Gismondi]

2. La leggenda intreccia la storia anche nel sottosuolo di Siena…

Dante nella Divina Commedia afferma che sotto la città del Palio scorre la Diana, un mitico fiume che però non è stato mai trovato: in realtà si tratta dei Bottini, una rete di oltre 25 chilometri di cunicoli scavati nel tufo sin dai tempi dei Romani che altro non sono se non un acquedotto.
I Bottini sono un capolavoro di ingegneria idraulica per le conoscenze dell’epoca: per secoli questa rete sotterranea ha raccolto l’acqua piovana e l’ha portata nelle case dei senesi e ancora oggi alimenta diverse fonti della città, tra cui Fonte Gaia in Piazza del Campo. I più avventurosi possono calarsi nei Bottini grazie a visite guidate.

Uno dei Bottini nel sottosuolo di Siena

Uno dei Bottini nel sottosuolo di Siena

3. Ci spostiamo in Maremma, per fare una passeggiata affascinante nelle Vie Cave: 

scavate nel tufo dagli Etruschi nelle profondità dei boschi, questi sentieri di pietra con le pareti alte fino a venti metri, restano un mistero, a metà tra vie di comunicazione e necropoli per i morti… sono molto affascinanti da percorrere. Le Vie Cave si trovano nell’area che collega Sovana, Sorano e a Pitigliano.

Un tratto delle Vie Cave a Sovana [Photo Credits: Monica Boattini]

Un tratto delle Vie Cave a Sovana [Photo Credits: Monica Boattini]


Fonte: http://www.turismo.intoscana.it/allthingstuscany/diari-di-viaggio/2016/02/24/toscana-misteri-leggende/

Libri e varie...

L'Abbazia dei Misteri - Vol. 3: Il Segreto del Grande Riformatore

di Fabio Barbero

L'ABBAZIA DEI MISTERI - VOL. 3: IL SEGRETO DEL GRANDE RIFORMATORE
di Fabio Barbero

Il giovane Andreas, cresciuto nell'Abbazia dell'Arcobaleno, ha dovuto abbandonare le mura amiche per risolvere il mistero delle sparizioni dei monaci, alla ricerca dei colpevoli si imbarca verso la Città Grande, una Genova medievale tra commerci e intrighi. Lì dovrà scegliere se seguire il suo destino, per diventare forse un giorno l'Abate Riformatore di cui parlano le profezie, o seguire il suo cuore abbandonando l'abito monastico per vivere con la sua amata Principessa. 
 Chi avrebbe mai pensato che anche Genova potesse essere l'ambientazione ideale per romanzi in stile Harry Potter o, per guardare ai grandi classici del genere, come Il Nome della Rosa? Da oggi invece anche la città Superba ha i suoi intrighi da risolvere, nel romanzo L'Abbazia dei Misteri. Il segreto del Grande Riformatore dove la storica famiglia dei Fieschi aiuta a combattere una minaccia che arriva dai conti di Fosdinovo in Lunigiana...
 Ma andiamo con ordine: il romanzo in questione è il terzo titolo di una trilogia ambientata in una Liguria medievale e fantastica, dove il protagonista, Andreas, un orfano di 14 anni che ha sempre vissuto all'interno dell'Abbazia di Pruneto nei pressi della Spezia, è chiamato a risolvere i misteri che aleggiano sull'Abbazia.
 Se nel primo volume, grazie a prove alla Harry Potter, il nostro protagonista si era distinto ed era entrato in contatto con il mondo al di fuori delle mura del monastero (una struggente Portovenere ed un assaggio di Lunigiana), nel secondo volume scopriva l'inganno dei monaci scomparsi misteriosamente dall'Abbazia, peregrinando tra Aulla, Parma e il castello di Fosdinovo.
 In questo terzo ed ultimo romanzo, per smascherare una volta per tutte i colpevoli, il nostro piccolo monaco indagherà nella città Superba, e in particolare nella cattedrale di San Lorenzo, che scopriremo avere una fitta rete di sotterranei dove si svolge la scena madre del romanzo....

La Spada e la Roccia

San Galgano: la storia, le leggende

di Andrea Conti, Mario Arturo Iannaccone

LA SPADA E LA ROCCIA
San Galgano: la storia, le leggende
di Andrea Conti, Mario Arturo Iannaccone

E' questo il libro che va alla scoperta del vero volto di San Galgano, arricchito da uno studio, unico nel suo genere, sull'iconografia della spada nella roccia.
 San Galgano, il santo della spada nella roccia, è una figura di grande fascino, protagonista di leggende e di un percorso di santità che echeggia, curiosamente, Artù, Galahad e i cavalieri della Tavola Rotonda. 
 Per ricostruire la sua storia e spiegare le somiglianze che presenta con i sogni letterari e le squisite invenzioni allegoriche del ciclo del Graal, Andrea Conti - il maggiore esperto della storia di san Galgano - e Mario Arturo Iannaccone - studioso di storia della cultura e dell'immaginario - sono ricorsi alle fonti originali, alla letteratura agiografica, ai primi documenti iconografici fino alle moderne rivisitazioni del santo toscano....

Il Messaggio dei Costruttori di Cattedrali

di Christian Jacq

IL MESSAGGIO DEI COSTRUTTORI DI CATTEDRALI
di Christian Jacq

Le cattedrali medievali sparse per l'Europa sono uno dei tesori più preziosi che i nostri antenati ci abbiano lasciato in eredità. Anche l'osservatore meno attento prova un'intensa emozione quando si trova di fronte a una di esse.
 Facciate, campanili, sculture, capitelli, vetrate, chiostri testimoniano di un'epoca nella quale l'uomo raggiunse uno dei punti più alti della sua parabola. Della loro costruzione conosciamo in genere molti dettagli, e così delle successive vicende di cui sono state protagoniste. Eppure, scrive Christian Jacq, conosciamo poco il loro significato più autentico.
 Il nostro tempo dominato dal razionalismo e dall'individualismo confina questi capolavori in una dimensione esclusivamente artistica e storica. Eppure essi parlano all'uomo a un livello assai più profondo perché racchiudono misteri e contengono simboli legati all'essenza stessa della vita spirituale.
 Le cattedrali gotiche sono scrigni di Saggezza, centri di quel sapere che va oltre i credo e le tradizioni e che appartiene a tutto il genere umano. Oscurato dalla civiltà greco-romana, questo patrimonio oggi negletto esprime la straordinaria ricchezza esoterica dell'Occidente, che trae la propria linfa dalle culture del bacino del Mediterraneo, in primo luogo dall'Egitto dei Faraoni.
 Ma chi furono allora i costruttori delle cattedrali? Geniali artisti, abili capimastro, eccellenti artigiani? Oppure soprattutto i depositari di una sapienza antica espressa in simboli capaci di attraversare i secoli e le culture, per parlare di Dio a ogni uomo e portare a tutti la Conoscenza?...

Toscana Misteriosa

I personaggi fantastici, le storie segrete e i luoghi magici di una regione tutta da scoprire

di Carlo A. Martigli

TOSCANA MISTERIOSA
I personaggi fantastici, le storie segrete e i luoghi magici di una regione tutta da scoprire
di Carlo A. Martigli

Se la fata Morgana vive a Bagno a Ripoli e il Diavolo fa i ponti a Borgo a Mozzano, se a Chiusi ci si può perdere nei labirinti di Porsenna e a Firenze bisogna prestare attenzione al quadrilatero della morte, allora bisogna riconoscere che la Toscana è una regione ancora da scoprire e che, dietro l'arte e la cultura di questa terra, esiste un mondo oscuro: un paesaggio dove l'Ulivo del Sabba di Magliano, la spada nella roccia di Montesiepi, il borgo fantasma di Palaia e la volpe d'oro di Poggibonsi sono solo alcune tappe di un viaggio in cui il mistero è l'attore principale....

I Luoghi Magici del Mondo

di Laura Rangoni

I LUOGHI MAGICI DEL MONDO
di Laura Rangoni

Un viaggio alla ricerca delle terre misteriose e delle zone energetiche che sono legate ad un'atmosfera di sacralità....
TOSCANA MISTERIOSA
I personaggi fantastici, le storie segrete e i luoghi magici di una regione tutta da scoprire
di Carlo A. Martigli

Se la fata Morgana vive a Bagno a Ripoli e il Diavolo fa i ponti a Borgo a Mozzano, se a Chiusi ci si può perdere nei labirinti di Porsenna e a Firenze bisogna prestare attenzione al quadrilatero della morte, allora bisogna riconoscere che la Toscana è una regione ancora da scoprire e che, dietro l'arte e la cultura di questa terra, esiste un mondo oscuro: un paesaggio dove l'Ulivo del Sabba di Magliano, la spada nella roccia di Montesiepi, il borgo fantasma di Palaia e la volpe d'oro di Poggibonsi sono solo alcune tappe di un viaggio in cui il mistero è l'attore principale....

Toscana Misteriosa

I personaggi fantastici, le storie segrete e i luoghi magici di una regione tutta da scoprire

di Carlo A. Martigli

Se la fata Morgana vive a Bagno a Ripoli e il Diavolo fa i ponti a Borgo a Mozzano, se a Chiusi ci si può perdere nei labirinti di Porsenna e a Firenze bisogna prestare attenzione al quadrilatero della morte, allora bisogna riconoscere che la Toscana è una regione ancora da scoprire e che, dietro l'arte e la cultura di questa terra, esiste un mondo oscuro: un paesaggio dove l'Ulivo del Sabba di Magliano, la spada nella roccia di Montesiepi, il borgo fantasma di Palaia e la volpe d'oro di Poggibonsi sono solo alcune tappe di un viaggio in cui il mistero è l'attore principale.

...

2 commenti

  1. La signora Patrizia Rossi scrive delle inesattezze incredibili: 1) l’abbazia è nel comune di Chiusdino, controlli pure nelle mappe dell’I.G.M., non in quello di Monticiano! Che poi sia piu’ vicina a Monticiano che a Chiusdino, è un altro paio di maniche, ma la competenza è del comune di Chiusdino – 2) l’eremitaggio non è affatto avvenuto nelle piana dell’abbazia, ma sul colle di Montesiepi – si rilegga la signora le vite del santo! – La spada è al suo posto da ottocento anni e passa, e nessuno l’ha mai mossa da lì – 3) infine si dice e si scrive “Montesiepi” e non Montassiepi.

  2. patrizia rossi

    L’ABAZIA DI SAN GALGANO È NEL TERRITORIO DI MONTICIANO(SI)
    CHIUSDINO NE RIVENDICA L’APPARTENENZA SOLO PERCHÉ GALGANO È NATO A CHIUSDINO.
    MA IL SUO EREMITAGGIO È AVVENUTO NELLA PIANA DELL’ABAZIA,DOVE FINO A NON MOLTI ANNI FA ERA INFISSA ,IN UN MASSO, LA SPADA.
    POI SAGGIAMENTE SPOSTATA NELLA PIEVE DI MONTASSIEPI,CHE È AD UN TIRO DI SCHIOPPO DALLA ABAZIA CIRCESTENSE.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*