Tavolette Cuneiformi: ricreata un’antica Canzone Mesopotamica (Video)

Alcuni studiosi dell’Università della California hanno ricreato la canzone più antica del mondo, composta 3400 anni fa.

Il progetto è stato realizzato dopo la decifrazione e lo studio di una serie di antichi testi cuneiformi. La musica riprodotta, ci trasporta in atmosfere antiche e suggestive, mettendoci in contatto diretto con i nostri antenati mesopotamici.

Che suono avevano le canzoni dei popoli della Mesopotamia? Grazie al lavoro di un gruppo di studiosi dell’Università della California, Berkeley, sarà possibile rispondere a questa domanda. La decifrazione e lo studio di alcune tavolette cuneiformi risalenti al 1400 a.C. ha permesso di riportare in vita gli antichi suoni che animavano il gusto musicale dei popoli mesopotamici. Il risultato è stata la creazione di un brano musicale rimasto inascoltato per migliaia di anni.

Prima della scoperta delle tavolette avvenuta nei primi anni ’50 nell’antica città di Ugarit, nulla si sapeva della musica sumero-babilonese, a parte gli strumenti musicali illustrati nei bassorilievi e ritrovati nei siti archeologici. Gli studiosi erano completamente all’oscuro circa la teoria e la pratica di quella che era considerata un’arte divina, il cui patrono era il dio Enki/Ea, portatore della regalità, della magia, delle arti e dei mestieri.

Inoltre, la straordinaria scoperta ha gettato luce sull’ampia gamma di attività scientifico-sapienziali degli antichi Sumeri e Hurriti. Come riporta Ancient Origins, all’interno della collezione sono stati trovai quattro testi cuneiformi singoli, più una tavoletta che riporta la complessa notazione musicale di un inno sacro hurrita suonato più di 3400 anni fa, il canto più antico mai scoperto.

Il brano è dedicato a Nikal, la dea hurrita dei frutteti. Nella tavoletta sono state trovate anche le istruzioni per il cantante, che doveva essere accompagnato da un sammûm a nove corde, un tipo di arpa o di lira. Tuttavia, a causa delle difficoltà interpretative del linguaggio hurrita, il significato del testo non è del tutto chiaro e, al momento, è stata proposta una sola interpretazione. Non possiamo fare altro che proporre una traduzione italiana di una versione inglese semplificata del testo hurrita. Ecco, dunque, il testo e nel video l’esecuzione del brano:

Verrò sotto il piede destro del trono divino,
e sarò purificato e cambierò.
Una volta che i peccati sono perdonati, non dovranno più essere modificati,
mi sento bene dopo aver compiuto il sacrificio.

Ho fatto amare la dea e lei mi ama nel suo cuore,
l’offerta che porto può coprire interamente il mio peccato,
con timore, ti porto olio di sesamo per mio conto.

La sterile può diventare fertile,
il grano può essere portato via,
lei, la moglie, si farà carico al padre (dei bambini).
Ella può dare figli a chi ancora non li ha avuti.

Fonte: http://www.ilfattaccio.org/2014/10/13/tavolette-cuneiformi-ricreata-unantica-canzone-mesopotamica-video/

Libri e varie...
CHI SIAMO? DA DOVE VENIAMO? DOVE ANDREMO?
Sei pronto a scoprirlo?
di Daniela Bortoluzzi

Chi Siamo? Da Dove Veniamo? Dove Andremo?

Sei pronto a scoprirlo?

di Daniela Bortoluzzi

In questo libro l'autrice esamina alcune recenti scoperte della meccanica quantistica che ricalcano concetti della filosofia vedica.

Nella ricerca delle origini della vita e della specie umana, vengono analizzati antichi documenti storico-religiosi, per scoprire i messaggi esoterici che i nostri predecessori ci hanno voluto lasciare.

Possibile che il nostro pianeta sia stato teatro di genetica sperimentale e che alcuni organismi, come quelli dei nostri antenati, siano stati modificati al fine di ottenere creature più forti e intelligenti?

Investigando una serie di misteri che la scienza non sa ancora decifrare scopriremo la Forza capace di trasformare il vuoto in ciò che chiamiamo Realtà.

Da quando l'uomo ha l'uso della ragione si è sempre chiesto da dove viene e dove andrà dopo la sua parentesi terrena. Curiosità motivata dalla paura di morire, o sincero desiderio di sapere?

In questi ultimi decenni, la scienza ha fatto passi da gigante grazie soprattutto alla meccanica quantistica. In questo momento storico e cosmico, l'uomo si sta finalmente risvegliando, sta passando da uno stato di ignoranza e inconsapevolezza alla consapevolezza e al desiderio dell'Illuminazione. Nel suo Conscio riaffiorano intuizioni che gli permettono di scoprire le Leggi che governano l'Universo e le origini della vita.

In questa affascinante indagine sulle origini dell'uomo, l'autrice, illustrando studi e ricerche degli scienziati più autorevoli, presentando documenti storicoreligiosi e facendo emergere le sorprendenti affinità (se non coincidenze) tra alcuni aspetti della fisica quantistica e il vasto panorama dei sistemi filosofici orientali, ci guida alla scoperta dei messaggi esoterici che i nostri predecessori hanno voluto lasciarci per comprendere chi veramente siamo e da dove veniamo.

La nascita e la morte sono solo aspetti di una realtà illusoria. La mente, ovvero l'archivio di ogni aggregato egoico, va ripulita per riconoscere che siamo un'Anima immortale e immutabile.

"Quello che i nostri occhi vedono è una frazione infinitesimale di quello che la realtà è di fatto."
Massimo Teodorani (astrotisico)

...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *