La Vera origine della Razza umana? La storia, i media, la scienza e i governi la tengono segreta

La storia della razza umana fa acqua da tutte le parti. I dubbi sono molti, le scoperte che vanno in contrasto con la teoria ufficiale, ancora di più.
Cosa accade, per esempio, se durante degli scavi vengono ritrovate impronte di scarpe o utensili “moderni” che però risalgono a milioni di anni fa? Secondo Philip Johnson, docente della Facoltà di Legge dell’Università della California, non succede nulla, perché nessuno, o quasi, lo verrà a sapere, a causa di ciò che lui definisce “il filtro delle conoscenze”, l’unico vero “protettore” delle teorie ufficiali.
“I reperti dei primi esseri umani o dei loro attrezzi vengono accettati e riconosciuti solo se rientrano nei modelli ortodossi dell’evoluzione umana” afferma Johnson, che continua: “certe scoperte scompaiono presto dalla stampa e nel giro di poche generazioni diventano invisibili, quasi non fossero mai avvenute”

Vai all’articolo

L’ipotesi rettiliana: ”Dinosauri intelligenti sono sopravissuti all’estinzione e si sono evoluti in civiltà interstellare”

Sorprendenti evidenze scientifiche durante questo secolo e lo scorso, hanno portato alcuni ricercatori a credere che una razza dell’era dei dinosauri non si sia mai completamente estinta: questa razza di rettili, la più intelligente, sarebbe sopravvissuta.
Questi esseri altamente adattabili e astuti potrebbero essere sopravvissuti all’impatto dell’asteroide nello Yucatan milioni di anni fa e al conseguente massiccio cambiamento climatico. Sarebbero i predecessori di quelli che, secondo alcuni scienziati, sono diventati poi una razza evoluta e intelligente, i rettiliani. 
Costoro avrebbero creato tecnologie avanzate con tanto di navi interstellari e sviluppato una super-scienza e una conoscenza molto vasta. Nel corso del tempo, avrebbero potuto esplorare e colonizzare altri pianeti, creando una rete di società anche al di fuori della Terra.
Alcuni ricercatori che studiano i casi di “contatti extraterrestri”, sostengono che molti degli incontri di oggi con ET, non sono alieni di un altro mondo, ma dinosauri evoluti del nostro pianeta. La razza dei dinosauri avrebbe verosimilmente visto l’umanità evolversi nel corso di milioni di anni, spingendola sottilmente e segretamente verso certi obiettivi utili al loro tornaconto… un’agenda misteriosa, forse terrificante, che solo loro conoscono…

Vai all’articolo

E se qualcuno di noi… venisse dalle Pleiadi?

di Bisonte Che Corre (Enzo Braschi)
I Cherokee (Ani Yonwiyah) ovvero “Il popolo capo” è antico come le pietre.
“Ne ho conosciuti alcuni – biondi e con gli occhi azzurri – durante la ‘Danza del Sole’ del 1998, nella Riserva dei Lakota Sicangu di Rosebud, in Sud Dakota. Erano un padre e due figli”.
“Sembrate inglesi, scozzesi, non so… ” dissi, “ma non Cherokee”. 
I tre risero: “Veniamo da Atlantide, e prima ancora dalle Pleiadi.”
“Raccontami” dissi.
Il ragazzo spiegò: “La nostra lingua, la sua radice originaria, oggi parlata da un’esigua minoranza di ultra ottantenni, si chiama Elati. Io non la so parlare, qualcuno ancora la ricorda, ma contiamo quel qualcuno sulla punta delle dita. Si tratta di suoni crescenti e decrescenti che vengono pronunciati senza quasi muovere la bocca. Ciò che ne scaturisce possiede una bellezza e una musicalità del tutto particolari, considerato che si tratta di una lingua gutturale”

Vai all’articolo

Per loro era meglio governare attraverso rappresentanti terreni…

Gli Elohim sono dietro i poteri forti

Intervista a Mauro Biglino 
“Electric Sheep Comics”, ha il piacere d’intervistare Mauro Biglino, autore e saggista piemontese di numerose pubblicazioni.

Mauro Biglino ha lavorato per le “Edizioni San Paolo”, la casa editrice cattolica italiana del Vaticano, contribuendo alle traduzioni professionali dell’Antico Testamento. Questa collaborazione si è interrotta dopo la pubblicazione del suo primo studio ”Il libro che cambierà per sempre le nostre idee sulla Bibbia”, Uno Editori.

Le tematiche trattate nelle sue opere hanno sollevato accese discussioni tra teologi e credenti,…

Vai all’articolo