Etichette: obbligo di indicare l’Origine di tutti gli Alimenti

È stato approvato dalle Commissioni Lavori pubblici e Affari costituzionali del Senato, l’emendamento che dispone l’obbligo di indicare in etichetta l’origine di tutti gli alimenti.
Ad oggi in Italia l’obbligo di indicazione d’origine riguarda solo pelati e concentrati di pomodoro, latte e derivati, riso, grano della pasta e pollo. A livello Ue, l’obbligo è invece esteso anche ai derivati del pollo, carne bovina, frutta e verdura fresche, uova, miele, olio extravergine di oliva e pesce.
Con l’emendamento appena approvato viene data la possibilità di estendere l’obbligo anche ad altri alimenti. Per ora, in attesa del decreto necessario, restano ancora senza l’etichetta d’origine i salumi, la carne di coniglio, la carne trasformata, le marmellate e i succhi di frutta, i legumi in scatola, la frutta e la verdura essiccata, il pane, le insalate in busta e i sottolio…

Vai all’articolo

Sicurezza alimentare: oli buoni e oli cattivi

Oli vegetali vari

Ecco la top ten degli oli più sani

Quale olio fa bene e quale fa male? Qual è il più indicato per la frittura? Per provare ad orientarsi nella galassia dei condimenti abbiamo stilato una classifica con l’aiuto del professor Francesco Orio, docente di Endocrinologia dell’Università Parthenope di Napoli. Prima di parlare degli oli “buoni”, partiamo dalla lista di quelli “cattivi”.
Oli “cattivi”
Al primo posto tra gli oli peggiori c’è l’olio di palma. Il prof. Orio lo considera un olio pericoloso e dannoso. È un acido palmitico, quindi un grasso saturo che non può…

Vai all’articolo

L’importanza di disinfettare frutta e verdura per eliminare veleni e pesticidi

Lavare e disinfettare frutta e verdura

Lavare e disinfettare frutta e verdura, dovrebbe essere sempre il primo gesto che tutti facciamo, prima di consumare questi alimenti.
A differenza di altri cibi, frutta e verdura sono prodotti che compriamo freschi, privi di conservanti, ciononostante il modo in cui questi vengono coltivati può essere per noi fonte di preoccupazione.

Ci riferiamo ovviamente a pesticidi e diserbanti che spesso vengono adoperati dagli agricoltori per allontanare insetti o uccidere le piante infestanti. In qualità di consumatori, anche noi veniamo a contatto con le sostanze chimiche impiegate, pertanto,…

Vai all’articolo