L’Incertezza della Scienza

di Fabio Fracas
“Se una cosa non è scientifica, non significa che sia inutile, stupida, o sbagliata”. (Richard Phillips Feynman)
Richard Phillips Feynman, fu uno dei più importanti fisici del Novecento. Nel 1965, fu insignito – assieme al giapponese Sin-Itiro Tomonaga e all’altro americano Julian Schwinger – del Premio Nobel per la Fisica, “per il lavoro fondamentale svolto nell’elettrodinamica quantistica, con profonde conseguenze per la fisica delle particelle elementari”.
Sia il suo approccio alla ricerca sia la sua visione della conoscenza, erano oggetto di continue riflessioni e così, nell’aprile del 1963 durante una conferenza tenuta presso l’Università di Washington, Feynman pronuncio un discorso destinato a rivoluzionare lo stesso pensiero scientifico: “L’incertezza della scienza”…

Vai all’articolo

Puoi disporre della tua Vita, ma non della tua Salute!

 di Davide Mura
Oggi, più che la Scienza, è lo Scientismo a dominare, ovvero un costrutto dogmatico basato sull’idea che se una cosa la afferma la scienza, allora è sicuramente giusta. Esso considera, quindi, la scienza infallibile.
Qualche tempo fa, su Primoarticolo ho fatto una breve riflessione sui vaccini, in rapporto a quanto prevede la nostra Costituzione. Il sunto è questo: non è in alcun modo giustificata l’imposizione dei vaccini in assenza di un’emergenza sanitaria. Viene lesa la libertà individuale, perché viene imposto un trattamento sanitario obbligatorio (TSO), senza che vi siano comprovate ragioni di necessità e urgenza connesse a questa imposizione.
Salta all’occhio, perciò, che – attraverso i vaccini – si voglia imporre alla popolazione un sistema sanitario basico, terzomondista e coercitivo, non già basato su una scelta libera, responsabile e consapevole del cittadino, bensì su un assunto alquanto discutibile: l’infallibilità della scienza, che rappresenta la negazione della scienza stessa e si traduce in scientismo

Vai all’articolo

La Scienza ha toccato il fondo!

Creazione di legami carbonio-silicio

di Magda Piacentini
La notizia è molto recente, del 24 Novembre 2016: sulla rivista Science vengono pubblicati i risultati di una ricerca scientifica che noi “popolo ignorante sul piano scientifico”, noi “complottisti” definiamo allucinante; agli antipodi cioè del principio di “Rispetto per la vita”, principio che per noi, popolo che vogliamoci riprenderci il Pianeta, per noi, esseri semplicemente “Umani”, che tali vogliamo rimanere, è al primo posto dei valori.
“Sono state realizzate in laboratorio le prime cellule viventi che legano silicio e carbonio” I ricercatori guidati dall’ingegnere chimico Frances Arnold, del California Institute of Technology, a Pasadena, hanno imparato a legare carbonio e silicio usando catalizzatori artificiali, riuscendo in questo modo ad inserire il silicio in composti organici, cosa che l’evoluzione naturale ha scartato da millenni…

Vai all’articolo