Il respiro dell’Anima

di Maria Cristina Caccia
Nell’opinione comune, il respiro è semplicemente un atto meccanico e ripetitivo che permette all’uomo di sopravvivere.
In realtà l’ “alito vitale”, così definito dai grandi maestri d’Oriente, racchiude un significato simbolico, che rimanda ad uno scambio continuo tra noi e ciò che ci circonda, attraverso il ciclo inspirazione/espirazione.
L’armonia del ritmo respiratorio sottende a una inconscia volontà di “accogliere” la vita in tutte le sue manifestazioni. È un atto di condivisione reciproca con l’energia che permea noi stessi e l’universo. Contrariamente, un ritmo respiratorio bloccato e affannoso nasconde una evidente difficoltà ad accettare la realtà e le esperienze nel loro divenire, proiezione di un radicato disagio emotivo…

Vai all’articolo

Autoipnosi: come entrare in Trance

di Anto (vitasuprema.net)
Attraverso l’Autoipnosi, si raggiunge un particolare stato di coscienza (la Trance) attraverso il quale, auto-impartendosi suggestioni ad hoc, si agisce sul proprio Inconscio in maniera diretta ed efficace.
In quest’articolo ti proporrò una semplice tecnica per raggiungere lo stato di trance autoipnotica in modo semplice, piacevole e naturale.
Quando ci si avvicina all’Autoipnosi lo si fa, nella maggior parte dei casi, per un motivo ben preciso. Alcuni vogliono sviluppare una maggiore autostima, altri vogliono smettere di fumare, altri ancora vogliono dimagrire. C’è, insomma, almeno un obiettivo ben definito che ci spinge ad approfondire l’argomento…

Vai all’articolo

Come recuperare le proprie energie

Omraam Mikhaël Aïvanhov

di Omraam Mikhaël Aïvanhov
Troppo spesso vi lasciate trascinare da quella frenesia tanto dannosa all’equilibrio fisico e psichico dell’uomo, divenuta in questa epoca il vostro stato abituale.

Dovete prestare maggiore attenzione al vostro sistema nervoso, procurandogli di tanto in tanto un attimo di distensione.

Per esempio, ritirandovi in una camera tranquilla, potete stendervi supini su un letto, per terra, oppure su un tappeto, con le braccia e le gambe rilassate; in quella posizione lasciatevi andare, come se steste sprofondando in un oceano di luce, senza muovervi, senza pensare a nulla… Dopo uno o due minuti vi alzerete ricaricati. È tutto qui, ed è davvero poca cosa, ma molto importante!

A volte ci si trova in situazioni in cui non è possibile stendersi in…

Vai all’articolo