Il senso di fragilità personale: l’Ipocondria

di Simona Chiari
Cos’è l’ipocondria? L’ipocondria è un disturbo legato all’idea o al timore di avere una grave malattia, a volte anche mortale. Le persone che soffrono di questo disagio, tengono costantemente sotto controllo il loro organismo, verificando di continuo la presenza di eventuali segni di malattia.
La conoscenza produce forza, ma anche preoccupazione. I continui progressi della medicina scientifica ci hanno resi  più consapevoli dei mali che potrebbero colpirci, nel corpo e nell’anima. A dimostrazione di una cultura del presente che è però antica, in occidente siamo diventati ipocondriaci da almeno un paio di millenni: Ippocrate descrisse il concetto di ipocondria nel “Male degli ipocondrici”, come un disordine della mente e dello stomaco, che procurava problemi digestivi, grave melanconia e paura di morire. La connessione di stomaco e tristezza non ci sorprende: i greci pensavano, infatti, che nell’addome fosse situata la sede dei sentimenti e delle passioni umane…

Vai all’articolo

Per essere in perfetta salute…

“Dovete visualizzarvi sempre in perfetta salute e non dubitare mai di questa salute perfetta! Nel momento in cui dubitate, emettete dei pensieri contrari a ciò che desiderate”.
“Quella che chiamate cattiva salute non fa infatti parte della natura umana. Sono semplicemente i vostri pensieri riguardanti le disarmonie che impregnano costantemente tali pensieri e quindi il vostro corpo, poiché avete sempre paura di qualcosa. Appena avete l’impressione di un cattivo funzionamento nel vostro corpo, ecco che emettete un pensiero di paura o di «malattia».
Tutto ciò è umano, ma evitate di farlo! Bloccate subito questo pensiero dicendo: «no, il mio corpo funziona perfettamente e sono in perfetta salute»! Questo è un modo per programmarla di continuo. Se dite «io sono ammalato, mi fa male qui, mi fa male là», voi programmate delle disfunzioni in voi! Se affermate «io sono in perfetta salute», la pianificate dentro di voi…

Vai all’articolo