La Vita dei “Bianchi” non conta

di Paul Craig Roberts 
L’intenzione razzista di cancellare la civiltà bianca è seria. I bianchi devono essere umiliati e resi invisibili. Anche le immgini di Gesù sono considerate una “forma grossolana di supremazia bianca.
William Engdahl spiega da dove provengono i soldi per sovvenzionare Black Matter, Antifa, Act Blue e i partner associati all’Organizzazione socialista per il rovesciamento del whiteness ” (biancore): Ford Foundation, le varie fondazioni di Soros, Kellogg Foundation, Ben & Jerry’s, Hewlett Foundation, Rockefeller Foundation, Heinz Foundation, Apple, Disney, Nike.
Con George Washington, Thomas Jefferson, Ulysses S. Grant, Robert E. Lee e Teddy Roosevelt eliminati, anche Gesù e il cristianesimo sono in fila nella lista per essere abbattuti. Infatti le immagini di Gesù, in statue, dipinti e vetrate sono considerate una “forma grossolana di supremazia bianca” (anche se Gesù, in realtà, era mediorientale e non un bianco occidentale – ndr)…

Vai all’articolo

Proteste mondiali sotto l’egida del Caos

di Salvatore Barbagallo
Beh, non è che ci voglia tanto a capire che c’è qualcuno (uno, centomila?) che sta alimentando un odio “ingiustificato” verso tutto e tutti, con tanto di soldoni “investiti” nell’organizzazione di proteste “globali”.
È una storia già vista in passato, ma la memoria cancellata scientificamente porta giovani e meno giovani a scendere in piazza e a compiere atti che “razionalmente” non possono spiegare (probabilmente) neanche a se stessi. Provocare confusione e caos: questo è l’obbiettivo primario di quel “qualcuno” (uno, centomila?) che, alla fine, ne trarrà beneficio. Quale “beneficio” si potrà scoprire solo a conclusione di questo travagliato periodo.
Quel “qualcuno” prima ci ha provato tentando di imporre il “fenomeno Greta”, dietro il paravento della necessità di salvare il pianeta dal disastro climatico, poi è spuntato chissà da dove il Coronavirus che ha mietuto e miete vittime facendo crollare le economie dei Paesi più deboli, ora c’è in ballo la “questione razzismo” come se fosse un pericolo “nuovo”…

Vai all’articolo