Pandemia autoritaria Globale

La pandemia Covid-19 ha innescato una deriva politica autoritaria in tutto il mondo.
Una deriva politica autoritaria, non solo nei regimi già considerati disciplinari o tirannici, ma anche nelle democrazie liberali, consolidate con sistemi di garanzia costituzionale dei diritti fondamentali.
Questa deriva autoritaria dei governi in nome dell’emergenza sanitaria è caratterizzata, nel contesto attuale, da diverse combinazioni di abuso governativo ed amministrativo, dall’adozione di misure di emergenza eccessive e sproporzionate, dall’annullamento delle libertà civili e delle libertà fondamentali, dall’incapacità di impegnarsi in un processo decisionale trasparente e dalla centralizzazione di tale processo decisionale, fino alla sospensione di un efficace controllo democratico…

Vai all’articolo

★ Bottiglie in vetro programmato, adesivi energetici e pietre per informare l'acqua e migliorare la sua struttura vibrazionale! ★
lo sai che l'acqua è dotata di "memoria"?
Masaru Emoto ha messo a punto una tecnica che ha consentito di scoprire e di ammirare i molteplici segni della risposta dell'acqua agli stimoli esterni: l'acqua sottoposta alle vibrazioni di parole, brani musicali, pensieri e stati d'animo, cambia la sua struttura vibrazionale.
È possibile informare l'acqua, cambiando la sua vibrazione, e farla diventare simile alla struttura dell'acqua di sorgente, migliorandone notevolmente la qualità!
Nel nostro Bio-Catalogo puoi trovare numerosi prodotti naturali in grado di migliorare la qualità energetica dell'acqua.
  • Bottiglie di vetro programmato, che mediante la procedura TPS, contengono diversi tipi di informazioni naturali che vengono trasferiti all'acqua, riportandola al suo stato più puro.
  • Adesivi energetici, che tramite le vibrazioni rivitalizzano l'acqua e altri liquidi.
  • Pietre per purificare l'acqua, per ricaricare di energia l'acqua che beviamo.
Migliora la sua vibrazione energetica grazie a questi strumenti naturali.
Provali subito! ›››

Siamo ormai al “Percolato televisivo”

di Sergio Figuccia
Mai lo stato della tv italiana sia essa pubblica o privata è risultato tanto pestilenziale e insopportabile.
Già da tempo abbiamo rilevato il degrado irreversibile dei media del nostro disgraziato Paese, ma forse è proprio in questi ultimi tempi che la gente si è resa maggiormente conto di questo gravissimo fenomeno.
Fatte le dovute rarissime eccezioni, la televisione è giunta ormai nel fondo dell’abisso in cui è precipitata da quando la balorda competizione globale, che afflige l’era contemporanea, ha contaminato lo specifico settore delle telecomunicazioni.
La guerra (perché di questo si tratta, non è di certo leale concorrenza fra pubblico e privato) che si è aperta per la conquista dei più alti ascolti e di continui record dell’audience, e quindi dei maggiori business pubblicitari connessi, ha comportato un immenso scadimento nella qualità del prodotto televisivo, specialmente nel comparto dell’intrattenimento…

Vai all’articolo