Risveglio e critica al mondo contemporaneo

di Luca Carli
I tempi attuali, se così possiamo chiamarli, risultano ad un osservatore attento tanto curiosi quanto deprimenti. Li chiamo tempi, anche se non lo sono affatto, in quanto non vi è uno scorrere di tempo appunto, ma una stagnazione generale e collettiva.
L’arte, unica forma che distingue ed eleva l’essere umano dagli altri abitanti del pianeta è infatti assente. La Bellezza, sua logica conseguenza, è perciò dimenticata.
Si preferiscono e addirittura si ricercano lo sconto e lo scontato, ci si circonda di normalità e di norme, si rifugge dall’eccentrico quasi fosse la peste e le città diventano tane tecnologiche, fredde e tristi. Il passatempo preferito diventa l’addormentamento ipnotico, davanti a cellulari e tv…

Vai all’articolo

HAI MAI DATO UN'OCCHIATA ALLA NOSTRA SEZIONE DEI LIBRI SUPER-SCONTATI?

Idee: impossibile ucciderle perchè non appartengono all’uomo

Le idee non si possono uccidere

di Francesco Franz Amato
Un’idea è quello che è. Nasce nella mente di uno o più uomini, si arrotola nel pensiero e nel cuore come il fumo sulla lingua del fumatore di pipa, e poi, alla stessa stregua, viene esalata, data alla luce.
Concepita, appunto, da luogo a quella cosa che viene definita “concetto”. E da quel momento in poi, vive di vita propria. Un’idea è in qualche modo la rappresentazione di una presenza divina, giacchè quasi mai, per sua stessa natura, l’idea rappresenta qualcosa di preesistente.
Pensare è indispensabile ma le idee, come tali, nascono sotto l’egida delle stelle, nessuna creazione è a carico dell’uomo ma solo di Dio. Perchè le idee appartengono al mondo della creazione, e come tali dovrebbero essere considerate sacre…

Vai all’articolo

SCOPRI I BENEFICI DERIVANTI DALL'ASCOLTO DI MUSICHE RILASSANTI TERAPEUTICHE

Inghiottito dalle scie chimiche

Franco Caddeo

di Gianni Lannes
Il primo uomo in Italia ad occuparsi attivamente del pericolo delle scie chimiche, è scomparso nelle acque della sua amata Sardegna il 28 agosto 2009.

Non risultano siano state condotte indagini accurate su questo caso inquietante. Un mistero mai chiarito. Soltanto un trafiletto sul giornale locale. Franco Caddeo aveva preso il largo a Putzu Idu, con il gommone in un giorno tranquillo, col mare calma piatta. E non è più tornato dai suoi cari, dalle sue figlie Stefania e Valeria, dalla sua famiglia.

Addirittura, dopo 4 anni di lui su internet non si trova più…

Vai all’articolo