La mania per Cani e Gatti espolde in tutto il mondo

Se si guardano i cani felici di correre liberi, si può percepire come siano cambiate le loro vite negli ultimi decenni. Una volta i cani raramente potevano entrare in casa.
In Corea del Sud alcune persone che hanno dei gatti in casa non si definiscono “proprietari” e nemmeno “genitori”, un termine che ha fatto la sua comparsa negli Stati Uniti negli anni novanta e da allora si è diffuso ovunque. Si definiscono piuttosto “maggiordomi”. Alcuni portano i loro padroni felini in un albergo per gatti nel quartiere Gangnam di Seoul. Somiglia a un salone di bellezza, con cuscini ben imbottiti e colori pastello. Le stanze e le suite, che costano dai 35 ai 50 dollari al giorno, sono attrezzate con scalini e gallerie dove i gatti possono giocare, e che hanno videocamere e microfoni.
Tenere animali da compagnia non è certo una novità, così come non lo è coccolarli. Gli archeologi hanno scoperto tombe risalenti a più di diecimila anni fa con scheletri di esseri umani e cani. Alcuni animali soffrivano di malattie e si presume che i loro padroni se ne prendessero cura. I ritratti del diciottesimo secolo sono pieni di animali ben pettinati. Tuttavia, mai prima d’ora così tante persone hanno avuto animali da compagnia o li hanno riempiti di così tante smancerie. Nel bene o nel male, sta emergendo una cultura pressoché globale…

Vai all’articolo

Lascia il lavoro, vende tutto e parte per un viaggio “on the road” col suo gatto: le foto fanno sognare ad occhi aperti

Chi ha detto che solo i cani sono i migliori amici dell’uomo? La storia di Rich e della sua gatta nera Willow, dimostra che non è sempre così.
Da maggio 2015, il giovane originario di Hobart, Tasmania, e il suo inseparabile felino hanno infatti percorso oltre 50 mila chilometri in viaggio per l’Australia, a bordo di un camper, la loro casa su ruote.
Un’esperienza entusiasmante, attraverso lo sconfinato Stato australe, che per Rich ha rappresentato un taglio netto con la sua vita precedente. Dopo aver venduto la casa, i suoi beni e lasciato il lavoro, l’unica cosa da cui non si è potuto separare, è stato proprio il suo gatto.
Così, questa avventura “on the road” è stata arricchita dalla compagnia dell’animaletto domestico. Definirlo “domestico”, tuttavia, dopo questi anni di viaggio è riduttivo. Come una vera esploratrice, Willow gira per la zona dove Rich e lei si accampano di volta in volta, è rilassata e curiosa e, soprattutto, ama questo stile di vita…

Vai all’articolo

I gatti sono attratti dalle persone che non li amano: perchè?

Cat

di Silvia Lazzerini
Chi ama i gatti e ne possiede uno o più, avrà avuto modo di osservarne il comportamento. I gatti sono animali particolarmente sensibili, molto percettivi e a volte danno origine a comportamenti che non sono facili da capire.
Ad esempio, se un gatto entra in una stanza dove vi sono più persone intente a fare conversazione,  dopo averle osservate tutte, esso si dirigerà verso l’unica persona che ha paura dei felini, suscitando in questa sgomento. Perchè? Molti profani ancora legati alle antiche dicerie, pensano che c’è qualcosa di intrinsecamente cattivo nella personalità di questo felino e credono il gatto scelga deliberatamente chi ne ha fobia per metterlo in imbarazzo. Quale sciocchezza superstiziosa!…

Vai all’articolo

Il gatto protegge l’uomo da sempre

Gatto magico

Come sostenevano gli Egizi, il gatto sembra vedere gli spiriti dei morti e… molto altro.
Chiunque abbia un gatto può riferire come il micio di casa, solitamente sonnacchioso e pigro, qualche volta alzi lo sguardo, addirittura soffiando furiosamente, verso qualcosa che il padrone non scorge. 

La capacità che i gatti hanno, ad esempio, di riuscire a vedere con i propri occhi quel particolare fenomeno che è costituito dalle Orbs, le sfere di energia che appaiono nelle fotografie realizzate con le macchine digitali o con le pellicole più sensibili, è facilmente dimostrabile e…

Vai all’articolo

Gatti… il magico potere delle loro fusa

Gattino grigio su stoffa rossa

Tutti ormai siamo a conoscenza del fatto che gli antichi Egizi adoravano i gatti e li consideravano creature meravigliose e magiche.
E infatti una delle divinità che adoravano, chiamata Bastet, ha la sembianza di un gatto nero. Non c’è dunque alcun dubbio che in questa civiltà il gatto fosse ampiamente celebrato. La loro arte, la cultura e il loro stile di vita, ci parlano ancora oggi del loro amore per questi piccoli felini. Ma da dove arrivava tale adorazione? È possibile che gli antichi egizi sapessero qualcosa sui gatti che noi non sappiamo?
Secondo alcuni studi effettuati a questo riguardo, sembra che i gatti abbiano una capacità di auto-guarigione davvero unica, che esiste in tutte le specie feline. Si è dimostrato che le fusa dei gatti effettivamente agiscono…

Vai all’articolo