Scuola a distanza: Abusi e Soprusi!

di Gianni Lannes
Il “Bullismo istituzionale” è un orrendo esempio altamente diseducativo, di cui non si parla mai.
Troppo brava e troppo preparata per essere creduta. Una studentessa quindicenne di un liceo di Verona si è sentita imporre la richiesta di bendarsi dalla prof di Tedesco durante l’interrogazione.
Non è tutto, c’è di peggio, quando certi dipendenti dello Stato stipendiati dai contribuenti, si riempiono la bocca di legalità, ma poi nella realtà vanno in un’altra direzione. Il bullismo istituzionale è un orrendo esempio altamente diseducativo, di cui non si parla mai. Anche in Puglia sono in voga le umiliazioni correnti inflitte agli alunni d’ogni età, anche ai pargoli.
Una circolare scolastica interna vale più di un’ordinanza regionale. È accaduto a Vico del Gargano, nell’Istituto Statale “Manicone-Fiorentino”, al rientro dalle festività pasquali. Bambini delle elementari presenti nelle aule digitali delle lezioni a distanza, mortificati e scacciati bruscamente dalla classe virtuale…

Vai all’articolo

Bambini non arrampicatevi sugli alberi, è pericoloso, sovversivo e diseducativo!

di Paolo Ermani
L’Italia ha bisogno di persone “responsabili e coscienziose” per educare al meglio i propri figli, non certo “estremisti sovversivi” criminosamente amanti della natura e della libertà!
Giampiero Monaca, insegnante di una scuola primaria di Serravalle d’Asti, per fare lezione con i bambini, ha osato portarli in un prato e pare che alcuni di loro abbiano incautamente avuto anche l’ardire di attaccarsi ai rami di un albero, altrettanto incautamente e criminosamente lasciato crescere in quel prato. Sono in corso accertamenti se qualcuno di questo sovversivi in tenera età abbia in qualche modo anche tentato di arrampicarsi sul pericolosissimo e letale albero…
Notizie come queste sono scandalose e vanno oltre ogni immaginazione: come può infatti una persona adulta nel pieno delle sue facoltà mentali, pensare di portare dei bambini in una zona nociva per la loro salute come un prato e ancora di più permettergli addirittura di avere un qualsiasi contatto con un albero?…

Vai all’articolo