“Una delle Malattie più diffuse è la Diagnosi”: adesso trattiamo anche i Sani!

di Donatella Lippi
“Le persone sane sono malati senza saperlo”. Per poter mantenere inalterato il mercato degli anni passati, sostenuto da mutualismo e gratuità, l’industria della salute deve rivolgersi alle persone sane. Questo fenomeno prende il nome di “disease mongering”.
Nel paesino di Saint-Maurice, il Dottor Parpalaid, medico condotto, decide di cedere il posto a un giovane collega, il Dr. Knock che, deluso dallo stato di buona salute degli abitanti del villaggio, si rende disponibile per consultazioni gratuite, durante le quali insinua nei suoi interlocutori l’idea di essere ammalati.
Per tutti, prescrive terapie di lungo corso, alleandosi col farmacista e trasformando il municipio in una clinica. Parpalaid, venuto a sapere della situazione, cerca di recuperare il suo posto, ma l’oratoria di Knock è tale da convincerlo di essere ammalato e di doversi far curare…

Vai all’articolo

Nel mondo ci sono 15 milioni di bambini e adolescenti sotto psicofarmaci

di Giulia Belardelli
L’allerta riguarda soprattutto le prescrizioni per diagnosi di depressione e “Sindrome di Iperattività e Deficit di Attenzione”.
Attenzione alla somministrazione di psicofarmaci a bambini e adolescenti, una pratica molto diffusa in altri Paesi e che rischia di prendere piede anche in Italia. È l’allarme lanciato dalla Rete Sostenibilità e Salute, un network che riunisce le associazioni del terzo settore più attive sul tema della “salute sostenibile”.
Nel caso dei minori, l’allerta riguarda soprattutto le prescrizioni per diagnosi di depressione e Sindrome di Iperattività e Deficit di Attenzione. In un saggio dedicato a un tema che è sempre più attuale e delicato, la Rete lancia un appello al ministro della Salute, Roberto Speranza, per consolidare un modello di controllo nazionale che vigili sulla prescrizione di psicofarmaci ai minori…

Vai all’articolo

Prevenzione gratuita… cure a pagamento!

Marketing della salute

Si chiama “Disease Mongering”, letteralmente la commercializzazione delle malattie ossia il “marketing della salute”, se così possiamo definirla. In pratica si è scoperto (e che scoperta!) che il cliente migliore è quello fidelizzato per tutta la vita.
E sì, è proprio così. Se ci pensi, quanti pap test o screening mammografici sotto casa ci propongono? Tutto a costo zero. Ma sveliamo il mistero: basta creare un malato perenne et voilà il gioco è fatto! La cosa si è spinta tanto in là che oggi giorno c’è una malattia per tutte le età. Dalla demenza senile, passando dal tumore, alle varie sindromi, fobie, manie, ai traumi, agli esaurimenti nervosi, alle depressioni, fino alle più svariate varianti psicologiche.
Qui sotto, un semplice esempio di calendario della prevenzione: trenta giorni per trenta patologie!…

Vai all’articolo