Il primo passo sul “Sentiero del Discepolato”

di Salvatore Brizzi 
L’individuo entra sul “Sentiero del Discepolato” con la ferma intenzione di compiere in un limitato numero di vite, ciò che l’uomo ordinario compirà in centinaia e centinaia di esistenze.
Tutti evolvono in maniera meccanica… ma con tempi geologici, mentre il discepolo contravviene alle leggi di natura, desiderando evolvere volontariamente e in tempi limitati. Anziché salire agevolmente utilizzando la strada che gira intorno al monte, egli vuole inerpicarsi su per il fianco scosceso, non volendo attardarsi sul sentiero già battuto da molti altri.
Quale sarà il primo risultato di questa indomita volontà? Si troverà coinvolto in difficoltà molto maggiori rispetto all’uomo comune. Quello che guadagnerà in tempo, lo pagherà con la dura fatica. Da quel giorno, precipizi e pareti a picco saranno per lui la norma. L’uomo che muove il primo passo sul sentiero del discepolato, chiama a sé tutto il suo karma passato, che deve essere in massima parte esaurito prima che egli sia pronto per la “Prima Iniziazione”…

Vai all’articolo