Olio Extravergine di Oliva: scopriamo perché è così importante per la Salute

metti a posto le immagini
L’olio extravergine di oliva è un alimento fondamentale nella dieta mediterranea ed è considerato un elemento importante per la cura e la prevenzione di diverse patologie.
Un uso abituale di questo olio riduce la presenza di colesterolo cattivo. Aumenta la percentuale di quello buono e diminuisce di circa il 30% la possibilità di infarto cardiaco, diminuendo anche la pressione arteriosa.
È un olio che si estrae dalle olive, ovvero i frutti della pianta dell’olivo. Si ricava dalla spremitura meccanica di questi frutti, escludendo qualsiasi trattamento chimico. Le olive sono tradizionalmente raccolte battendo i rami con bastoni flessibili per provocare il distacco dei frutti. Una volta caduti su apposite reti, vengono successivamente raccolti.
Dalla prima spremitura delle olive provengono i due oli più pregiati. Quello extravergine d’oliva e quello sopraffino vergine d’oliva…

Vai all’articolo

Onu, assurda tassa colpisce 1 prodotto “Made in Italy” su 3

di Alfredo Di Costanzo
L’annuncio dell’Onu di voler tassare, Parmigiano reggiano, Grana padano, vino, prosciutto e persino l’olio d’oliva, equiparandoli a cibi dannosi per la salute e scoraggiandone il consumo, colpisce oltre un prodotto agroalimentare “Made in Italy” esportato su tre, con effetti gravissimi sull’economia del Paese, ma anche sulla salute dei cittadini.
E’ quanto stima la Coldiretti nel denunciare l’atteggiamento schizofrenico dell’Organizzazione delle Nazioni Unite che da una parte riconosce il valore della “Dieta Mediterranea” come la migliore, tanto da essere stata dichiarata Patrimonio dell’Umanità, ma dall’altra pensa di colpire gran parte degli alimenti che ne fanno parte.
Sulla scorta dei sistemi di etichetta a semaforo – spiega la Coldiretti – adottati in Gran Bretagna e Francia, l’Onu, dopo la terza riunione sulle malattie non trasmissibili del 27 settembre scorso, si prepara a penalizzare i prodotti che contengono zuccheri, grassi e sale, equiparandoli di fatto alle sigarette, con anche l’inserimento di immagini choc sulle confezioni per scoraggiarne il consumo, mentre darebbe il via libera a tutti i prodotti dietetici e light delle multinazionali, come ad esempio le bibite gassate ricche di dannoso aspartame…

Vai all’articolo