Camminare nella natura per curarsi

di Massimo Clementi
Il Dott. Robert Zarr è un pediatra dell’Upper Cardozo Health Center, che nutre un fortissimo interesse per i benefici che derivano dall’attività fisica che si svolge all’aria aperta.

È il medico simbolo del “Parks DC Rx”, un innovativo programma di salute pubblica creato con l’obbiettivo di combattere gli effetti negativi della vita urbana, attraverso la prescrizione di attività da svolgersi all’aria aperta.

Il Dott. Zarr quando parla di questo programma sanitario ha in mente moltissimi disturbi che stanno diventando un vero flagello per le popolazioni occidentali, come l’obesità, il diabete e i diversi disturbi legati all’ansia e alla depressione.

Trovare delle strategie per contrastare queste patologie, è stata la leva…

Vai all’articolo

Antibiotici naturali: erbe e piante per curarsi

Quali piante possono essere utilizzate come veri e propri antibiotici naturali? Scopritene proprietà e utilizzi.
Come sappiamo, la Natura è una preziosa alleata della nostra salute e del nostro benessere, capace di offrire i rimedi naturali più adatti ad ogni specifica esigenza. Per la cura delle malattie stagionali più comuni e delle sindromi da raffreddamento, poi, il mondo vegetale è ricco di erbe e piante dalle molteplici proprietà benefiche simili – e a volte perfino più efficaci – delle medicine tradizionali.
Vediamo insieme quali sono i migliori alleati naturali della nostra salute e quali le piante e le erbe che possiamo utilizzare come antibiotici naturali prima di ricorrere all’uso di quelli chimici.
Cosa sono gli antibiotici naturali
Per antibiotici naturali si intendono sostanze estratte dalle piante che le piante stesse sviluppano per rafforzare il loro sistema immunitario e difendersi a propria volta da batteri e microorganismi, come l’uomo fa abitualmente con gli antibiotici di sintesi.
La Medicina naturale utilizza questi estratti dalle piante direttamente o in infusi e preparati, per sfruttare i benefici che possono avere anche sull’uomo, con il vantaggio di minori effetti collaterali per il corpo umano rispetto agli antibiotici di sintesi…

Vai all’articolo