Perché vanno eliminati criticismo, dubbi e maldicenza

di Conny Méndez
Dobbiamo avere ben chiaro nella Mente e nel Cuore quale potenza possano avere le forze che possiamo scatenare con criticismo, diffidenza, dubbio, maldicenza, gelosia, sarcasmo o insinuazioni di vario genere.
Gli effetti principali sono due:
1. Quando critichiamo qualcuno o ne sparliamo, ci leghiamo alla natura inferiore di queste persone con un filo a doppio senso e assorbiamo tutti i loro difetti e le loro debolezze, nonché la loro energia di più basso livello. È proprio come se aprissimo una porta! Quando si hanno in mente solo i vizi e le colpe di qualcuno, si attirano tutte le entità più basse che si trovano nell’accusato e si fanno proprie. Come è vero anche il contrario…

Vai all’articolo

IL DOSSIER SULLA MULTITERAPIA DEI TUMORI IDEATA DAL PROFESSOR LUIGI DI BELLA...
Giuseppe Di Bella da anni prosegue il lavoro del padre Luigi di Bella, ideatore del noto metodo omonimo per il trattamento dei tumori.
In questo libro novità spiega in che cosa consiste oggi la terapia e quali sono i risultati concreti supportati da una documentatissima letteratura scientifica.
La multiterapia ideata da Di Bella riscuote ampi e autorevoli riconoscimenti internazionali con innumerevoli testimonianze dei miglioramenti dei malati.
In queste pagine scoprirai:
- cos'è la multiterapia dei tumori;
- qual è realmente l'importanza dell'alimentazione e dell'ambiente per la prevenzione e la cura;
- quali sono gli agenti cancerogeni interni all'organismo e quali quelli esterni, che possono essere pericolosi per la nostra salute;
- le possibilità concrete di abbattere l'incidenza, contrastare l'insorgenza e la progressione del tumore.
L'intento di questo libro è quello di aiutarti a districarti tra le informazioni frammentarie o ambigue utili a identificare le possibili cause, prevenire o guarire dalla malattia.
Nel 1996, dopo gli esiti positivi del Metodo Di Bella, si arrivò alla nota sperimentazione e al suo fallimento.
Ma la falsificazione della sperimentazione, viziata da anomalie e irregolarità che qui vengono documentate, non ha però portato alla delegittimazione del Metodo stesso, che è e rimarrà un documentato atto di accusa contro la dittatura terapeutica.
I benefici della multiterapia infatti sono avvalorati da un crescente numero di conferme sulle banche dati medico scientifiche internazionali.
Questo è un libro 4D: ovvero un libro che va oltre la carta. Oltre alle pagine da leggere, trovi infatti una serie di contenuti multimediali extra di approfondimento. All'interno del libro ci sono semplici istruzioni che ti spiegano come puoi accedere a questi contenuti da qualsiasi dispositivo: pc, tablet, smartphone e smart-tv... ›››

5 Consigli utili per raggiungere la Pace interiore

di Si-Je Elena Landini
Cos’è la pace interiore? Raggiungere la pace interiore vuole dire ottenere uno stato di calma e di serenità, smettendo di lottare contro le emozioni ed i pensieri negativi… che non spariscono, ma smettono di dominarci e farci del male.
Riuscirci non è impossibile, anzi è un percorso che tutti sono in grado di fare. Tutto ciò che bisogna fare, è lasciare andare le tensioni e le preoccupazioni della vita di tutti i giorni, cercando semplicemente di “esistere”, essere consapevoli delle meraviglie della vita e sentirsi connessi con l’universo e con noi stessi.
Molte persone sostengono che sia impossibile raggiungere uno stato di pace interiore, perché la vita quotidiana è talmente imprevedibile che non è possibile trovare la serenità, ed è vero! Almeno per queste persone…

Vai all’articolo

Difenditi così dagli “ipercritici”

Aggressione verbale

Nella vita, esistono persone che sembrano esistere solo per criticarci: se li lasciamo fare, alla lunga ci rendono fragili… ma “rimetterli al loro posto” è possibile!
È difficile trovare qualcuno che, una volta saputo qualcosa di noi, non abbia qualcosa da dire. Un consiglio, certamente in buona fede, un suggerimento spesso poco utile ma che a volte ricerchiamo per sentirci confortati, un commento, un paragone con altre situazioni vissute o ricordate. Si pensa che stare in silenzio sia segno di poca partecipazione, quando invece sono quasi sempre le parole a essere superflue…

Vai all’articolo