Il Potenziale Quantico del Cervello

Perché alcune persone riescono nella vita, hanno successo e altre no?
Riuscire nella vita, non è sempre dovuto alla fortuna, all’intelligenza o alla dedizione: spesso ciò che fa la differenza è la capacità di sfruttare l’intero potenziale nascosto del proprio cervello.
Fin da quando nasciamo, il nostro cervello accumula “programmi mentali”: istruzioni che ci dicono cosa fare e pensare in ogni situazione e che, con il tempo, iniziano ad essere eseguite in modo automatico (a livello inconscio). Un meccanismo straordinario che ci permette di imparare e fare sempre più cose. C’è un solo problema: se nel nostro cervello girassero le istruzioni sbagliate?…

Vai all’articolo

Grazie a questo libro, professionisti, medici, fisioterapisti, specialisti in educazione fisica verranno introdotti a una "nuova era" di consapevolezza, comprensione, accettazione e rispetto per questo importante muscolo e la sua capacità di influire simultaneamente sulla mente, sul corpo e sullo spirito...
Conosci lo Psoas?
Questo muscolo è chiamato anche il muscolo dell'Anima perché, secondo le filosofie indiane, è il luogo fisico dove si somatizzano stress, paure ed emozioni negative.
Lo Psoas è il tuo muscolo più importante. Conoscerlo e allenarlo è indispensabile per:
- fermare il mal di schiena, i dolori ad anche e ginocchia;
- mantenere una corretta postura;
- ridurre i traumi;
- migliorare la respirazione;
- ridurre ansia e stress;
- risolvere i problemi digestivi;
- aprire i canali energetici.
In questo manuale troverai illustrazioni dettagliate, esercizi di stretching e rafforzamento e approfondimenti su yoga e pilates utilissime per ritrovare il benessere fisico, emozionale e spirituale... ›››

Apparenti successi e insuccessi nella vita

Successo o insuccesso?

di Marco Ferrini (Matsyavatara Dasa)
Lo sviluppo della conoscenza di sé, permette di fare un adeguato inventario interiore, di riconoscere quel che abbiamo in noi di sano ed efficiente e ciò che invece ha bisogno di essere ancora educato e sviluppato.
Possiamo così giungere ad eliminare pericolose illusioni, errori e vane presunzioni, senza però cadere nell’errore opposto di un’auto svalutazione e auto commiserazione. Svalutarsi e commiserarsi induce, infatti, a rinunciare a perfezionarsi e, soprattutto, a livello inconscio, si corre il rischio di crearsi attraverso l’auto punizione una comoda quanto sterile giustificazione.
Dunque, pentimento e correzione dovrebbero avvenire senza infliggersi pene, bensì attraverso azioni che dimostrino, anche a noi stessi, che abbiamo…

Vai all’articolo