Angeli, Demoni e affini

In molte culture sparse in tutto il mondo, fin dall’antichità, è sempre esistita la credenza nell’esistenza di Entità spirituali positive e negative, che nella nostra cultura chiamiamo Angeli e Demoni.
Ci sono differenti tipologie di “spiriti”. Proprio come le persone, alcuni di questi sono benevoli, altri meno. Generalmente, la prima tipologia di spiriti spinge l’essere umano verso un’evoluzione spirituale volta ad aiutarlo nella vita terrena e ad avvicinarlo alla Luce Divina, mentre la seconda tipologia tende a fare esattamente l’opposto, spingendo l’uomo verso l’autodistruzione.
Chi sono gli Angeli
Il termine “angelo” ha origine dal latino angelus, a sua volta derivato dal greco ánghelos, tradotto con il significato di “inviato”, “messaggero” e come messaggero degli Dei, il termine “angelo” appare per la prima volta nelle credenze religiose della Civiltà classica e successivamente assorbito nella cultura ebraica e cristiana, dove questo diventa “Messaggero di Dio”…

Vai all’articolo

Come si manifestano gli Angeli?

Angelo di luce

L’Angelo non possiede i caratteri parzialmente antropomorfi che ci sono stati trasmessi dall’arte e dall’iconografia corrente, che lo hanno presentato come creatura dotata di poderose ali, riccioli dorati, vesti sontuose.
In particolare, le ali non servirebbero a nulla, giacché egli può spostarsi istantaneamente in qualsiasi luogo a proprio piacimento. L’Angelo infatti è puro spirito, luce radiosa, vibrante energia.
Gli Angeli possono entrare in contatto con gli uomini in svariate maniere: come esseri umani, come figure di luce, sotto forma di voci, sussurri, pensieri, riflessioni, illuminazioni, sogni, visioni. In generale gli Angeli tendono a presentare connotati familiari e comprensibili alle persone oggetto delle loro apparizioni. Essi possono anche assumere l’aspetto di animali. Per esempio è lecito considerare una manifestazione angelica i corvi che, nella narrazione biblica, mattina e sera giungevano nel deserto per recare sostentamento al profeta Elia…

Vai all’articolo