Viaggiare nei Cambiamenti

Tutto scorre, tutto cambia, tutto si trasforma…
Le cose cambiano, giorno dopo giorno. I cambiamenti avvengono costantemente e in maniera spesso impercettibile. E anche quanto non sembra che ci siano differenze evidenti nella nostra vita, quando andiamo a letto sappiamo che ci avviciniamo ad un prossimo, inevitabile cambiamento. Le cose cambiano, si evolvono in modi che neanche ci aspettiamo. Tutto scorre, tutto cambia, tutto si trasforma.
I cambiamenti però spaventano: le nostre certezze, la nostra quotidianità, le nostre abitudini diventano improvvisamente i ricordi di ciò che siamo stati, di ciò che probabilmente non saremo più. E a volte, allora, per paura di cambiare, persistiamo in situazioni che non sopportiamo più, perché non siamo abbastanza forti per intraprendere una nuova strada.
Eppure dobbiamo cambiare le cose…

Vai all’articolo

Non giudicate chi porta un messaggio di Cambiamento

di Carlo Zanni
Capita che a causa di ignoranza e chiusura mentale, spesso persone che impegnano la propria vita per portare un messaggio di cambiamento rispetto ai soliti schemi, vengano derise e ingiuriate.
Spesso giudichiamo, deridiamo o addirittura attacchiamo persone che impegnano tutta la loro vita per portare un messaggio innovativo, rivoluzionario e diverso dalle nostre schematiche abitudini, senza comprendere che queste persone stanno cercando di aiutarci e portarci ad un livello superiore, stanno cercando di far aprire la nostra mente verso nuovi orizzonti.
L’ignoranza e la rigidità mentale fanno in modo che invece che accogliere e prendere in considerazione queste nuove informazioni… si resti statici allo stesso punto. Ma, in questo modo, l’evoluzione rallenta e il cambiamento non arriva mai…

Vai all’articolo

La lezione dell’Impermanenza

Tutte le esistenze, gli oggetti, in una parola i fenomeni, sono manifestazioni momentanee, lampeggiamenti effimeri che durano soltanto per un momento, dato che scompaiono non appena comparsi, per essere seguiti da altri, altre esistenze e così via.
Impressionato dalla transitorietà e dall’incessante mutazione e trasformazione dei fenomeni, Gautama Buddha li considera forze, movimenti, sequenze e processi, adottando così una concezione dinamica della realtà. Il mutamento, il divenire, è la consistenza stessa della realtà.
Qualunque fenomeno abbia una causa deve perire, perché contiene in se stessa l’implicita necessità della dissoluzione. Nel mondo non c’è né permanenza né identità. Non vi è nulla di stabile, di duraturo e di permanente…

Vai all’articolo