Suicidio da Monsanto

L’India ha deciso di porre fine allo sfruttamento da parte della Monsanto delle proprie coltivazioni di cotone, tagliando le loro percentuali sulle royalties dei semi venduti di quasi il 70%.

Coltivazione cotone ogm in India

Coltivazione cotone ogm in India


“E’ ora di mettere fine a questa avidità basata sulle percentuali”
, ha dichiarato il ministro dell’agricoltura indiano, Sanjeev Kumar Balyan.

Imponendo sul mercato il proprio seme geneticamente modificato, infatti, la Monsanto è arrivata ormai a controllare il 90% della produzione indiana di cotone, fornendo il proprio prodotto ad oltre 7 milioni di piccoli coltivatori indipendenti. Ma il costo delle royalties, sommato all’alto prezzo dei semi stessi, e ai costi aggiuntivi richiesti da questo tipo di coltivazione, hanno portato centinaia di migliaia di piccoli coltivatori in bancarotta.

Il problema principale delle coltivazioni OGM, infatti, è che richiedono una quantità di acqua per l’irrigazione molto superiore alla norma, e questo naturalmente comporta costi aggiuntivi per i contadini locali, che spesso abitano in zone scarsamente irrorate.

CotoneAlexis Baden-Mayer, direttore della “Organic Consumers Association”, sostiene che il costo della coltivazione del cotone OGM è dell’8000% più alto di quello della coltivazione del cotone normale. Ma i semi di cotone normale in India sono ormai diventati impossibili da trovare, proprio perché è la stessa Monsanto a controllarne il mercato.

Dopo essere stati obbligati a convertire le proprie coltivazioni in OGM, quindi, gli agricoltori indiani sono costretti ad affondare nei debiti per mantenerle. E il suicidio del coltivatore indiano, che perde le proprie terre perché impossibilitato a ripagare i debiti, ormai è diventato un fatto di cronaca quotidiana.

Suicidi dei contadini indiani a causa degli ogmSecondo i dati dell’ufficio nazionale del crimine, circa 290.000 contadini indiani si sono tolti la vita negli ultimi 20 anni. Naturalmente, non si saranno suicidati tutti per aver accettato le coltivazioni OGM, ma è chiaro che siamo comunque di fronte a cifre esorbitanti.

Ora il governo indiano ha deciso di intervenire, cercando almeno di alleggerire la situazione dal punto di vista delle royalties. Ma la Monsanto, invece di abbozzare, ha risposto portando in tribunale la stessa commissione governativa che vorrebbe decurtare i loro guadagni perché, sostengono, “il governo non ha diritto di interferire nelle regole del libero mercato”.

Per chi vuole un assaggio di quello che potrebbe diventare la situazione in Europa con il passaggio del TTIP ( grazie al quale le multinazionali potranno portare in tribunale gli stessi governi che ostacolano il loro business), quello dell’India può essere certamente un caso esemplare.

Articolo di Massimo Mazzucco

Fonte: http://www.luogocomune.net

Libri e varie...
EBOOK - AGRI-BUSINESS
I semi della distruzione. Dal controllo del cibo al controllo del mondo.
di F. William Engdahl

eBook - Agri-business

I semi della distruzione. Dal controllo del cibo al controllo del mondo.

di F. William Engdahl

Esiste un disegno preciso dietro alle pressioni economiche o militari con le quali un ristretto gruppo di potenti agisce nei confronti dei paesi poveri, obbligandoli a distruggere il proprio millenario sistema di produzione alimentare e a sostituirlo con uno basato sulle grandi fattorie industrializzate e sulla diffusione degli OGM (organismi geneticamente modificati).

Questo disegno si chiama agribusiness, il business dell'industria alimentare, e ha come obiettivo il controllo del mondo attraverso il controllo della risorsa primaria per eccellenza: il cibo.

Un'inchiesta rigorosa, dettagliata e aggiornatissima. Un'analisi spietata della direzione in cui stiamo più o meno inconsapevolmente andando. Un grido d'allarme per cambiare subito rotta.

F. William Engdahl è tra i più acuti osservatori del sistema globale, con un interesse particolare per la geopolitica. In questo libro ricostruisce la più pericolosa delle alleanze, quella che governa l'industria alimentare. Da una parte le multinazionali (Monsanto, Dupont, Syngenta, Dow Chemical, Cargill), dall'altra i poteri forti (Bilderberg Group, Triateral Commission e Council on Foreign Affairs, insieme al governo americano, alla Banca Mondiale, al Fondo Monetario Internazionale e al World Trade Organization).

Nel mezzo i risultati devastanti dell'agribusiness: distruzione dei sistemi agricoli e di allevamento tradizionali, diffusione degli OGM, propagazione di virus o altre gravi malattie per la salute umana, dipendenza dell'agricoltura dei paesi poveri dalle multinazionali, crisi finanziarie, piani di controllo demografico.

Indice

  • Capitolo I – Washington lancia la "rivoluzione verde"
  • Capitolo II – Le volpi messe a guardia del pollaio
  • Capitolo III – L'"imbroglione" Dick Nixon e gli ancora più "imbroglioni" Rockefeller
  • Capitolo IV - Il memorandum segreto del Consiglio per la Sicurezza Nazionale degli Stati Uniti
  • Capitolo V – I fratelli della morte
  • Capitolo VI – Guerra "inevitabile" e "studi per la pace"
  • Capitolo VII – Rockefeller e Harvard inventano l'agribusiness statunitense
  • Capitolo VIII – Il cibo è potere
  • Capitolo IX – Inizia la rivoluzione nella produzione alimentare mondiale
  • Capitolo X – I semi della democrazia americana arrivano in Iraq
  • Capitolo XI – I semi della distruzione. Coltivare il "paradiso terrestre"
  • Capitolo XII – Grano "Terminator", "Traditore" e "Spermicida"
  • Capitolo XIII – Panico da influenza aviaria e galline OGM

Informazioni aggiuntive

Dimensione: 340 Pagine

Download File: Documento PDF (583 Kb)

N.B. : Riceverai una mail per lo scarico dell'ebook, una volta verificato il pagamento con carta di credito o circuito paypal. Non è possibile acquistare gli ebook pagando in contrassegno

 

...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.