Stella misteriosa stupisce gli astronomi: spunta l’ipotesi della tecnologia aliena

Sono state osservate variazioni della luminosità inspiegabili con i modelli esistenti. Alcuni esperti si sbilanciano e non escludono che siano il segno della presenza di una civiltà aliena avanzata.

<b>Sono state osservate variazioni della luminosità inspiegabili con i modelli esistenti. Alcuni esperti si sbilanciano e non escludono che siano il segno della presenza di una civiltà aliena avanzata.</b>


Per ora è solo una stranezza inspiegabile, però… al momento non è possibile escludere nulla. Nemmeno l’ipotesi più affascinante: quella del fenomeno misterioso causato da una civiltà aliena.
Stella sorprendente
A catturare l’attenzione e la fantasia degli astronomi è una stella che si trova tra le costellazioni del Cigno e della Lira: KIC 8462852. Il suo nome è assai pocoPer ora è solo una stranezza inspiegabile, però? al momento non è possibile escludere nulla. Nemmeno l’ipotesi più affascinante: quella del fenomeno misterioso causato da una civiltà aliena.

Stella sorprendente

A catturare l’attenzione e la fantasia degli astronomi è una stella che si trova tra le costellazioni del Cigno e della Lira: KIC 8462852. Il suo nome è assai poco suggestivo, ma le sue caratteristiche sorprendono. Un articolo scientifico scritto da esperti di vari paesi e ancora in attesa di pubblicazione, riferisce che la luminosità di quell’astro lontano 1.500 anni luce e visibile solo con i telescopi, ha delle variazioni assolutamente inedite.

Fenomeno inspiegabile

Le osservazioni condotte con il telescopio spaziale Kepler, hanno mostrato frequentissimi cali e aumenti della luminosità che non rispettano alcuno schema. In un caso è diminuita addirittura del 22% e non è possibile individuare una periodicità di alcun genere fra una flessione e l’altra.

Non è un pianeta

Per capire di cosa si tratti, si è inizialmente andati per esclusione. È noto, che quando un pianeta extrasolare passa davanti alla sua stella, si nota una riduzione della sua luminosità, ma questo avviene con un ritmo ben preciso e con caratteristiche sempre simili. Inoltre, anche un pianeta enorme come Giove causerebbe una flessione pari solo all’1%, decisamente lontana da quanto osservato.

Libri e varie...

Le prime ipotesi

A filtrare la luce emessa da KIC 8462852, è dunque qualcosa di molto più grande o di molto più strano. Gli autori dell’articolo, ipotizzano che si possa trattare di una nube di detriti generata da un violentissimo impatto tra pianeti. In questo caso, però, si dovrebbe osservare un eccesso di infrarossi dovuti al riscaldamento delle polveri, ma il fenomeno è assente.

Un’altra ipotesi è quella di una serie di comete che passano davanti alla stella, ma anche in questo caso è difficile pensare che, per quanto siano numerose, possano arrivare a bloccare il 22% della luce.

Megapannelli solari alieni?

L’articolo non cita mai gli alieni, ma il principale autore della ricerca, Tabetha Boyajian dell’Università di Yale, ha contattato un esperto di astrobiologia, Jason Wright della Penn State University.

Per quanto sia improbabile, una possibile spiegazione ? spiega a The Atlantic ? è che ad orbitare intorno alla stella siano delle megastrutture costruite da una civiltà aliena avanzata, magari per catturare l’energia emessa dall’astro. In pratica degli enormi pannelli solari, uno scenario finora relegato ai libri di fantascienza. Per chiarire il mistero non resta che continuare a studiare KIC 8462852, senza preclusioni.

Fonte: http://www.rainews.it

Libri e varie...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*