Stanno cercando di infinocchiarci:+59% sulle Bollette Energetiche… ma poteva andare “Peggio”!

di Rossella Fidanza

Morale del post: chi cade sotto una simile sottigliezza, la bolletta se la merita quintuplicata. Se la supposta – precisamente da 59 cm di diametro – fosse ricoperta d’oro, rimarrebbe sempre una supposta, no? Ecco. Un gran bel “suppostone”, per l’esattezza.

L’Autorità di Regolazione per Energia, Reti e Ambiente ha da pochissimo reso note le tariffe del prezzo dell’elettricità, comunicando che il quarto trimestre 2022 il costo della luce per le fasce in tutela aumenterà del 59%: dunque dal famoso primo di Ottobre.

Oltre alla cifra precisa, di aumenti “mai visti prima” eravamo già stati (r)avvisati per tempo: quindi, in realtà, nulla che tutti quanti non sapessimo già. Il problema è un altro: con l’assist e la complicità di Governo e stampa, l’ARERA ha indorato la suppostona. Nel rapporto, l’autorità per la regolazione dei prezzi sottolinea che senza un intervento “straordinario” il costo dell’energia sarebbe stato del “+100%”.

Infatti, si legge dal rapporto che “Con un intervento straordinario, ritenuto necessario per le condizioni di eccezionale gravità della situazione, ARERA limita l’aumento dei prezzi dell’energia elettrica per le famiglie ancora in tutela e, pur rimanendo su livelli molto alti, evita il raddoppio”. Raddoppio, eh? Paraculi. Lasciamo stare.

Si continua a leggere nella nota che L’intervento eccezionale dell’Autorità per il quarto trimestre del 2022, che si somma agli interventi del Governo, pur non essendo in grado di limitare gli aumenti, ha ridotto al +59% l’aumento del prezzo di riferimento dell’energia elettrica per la famiglia tipo in tutela.

Molti si chiederanno come avrebbe fatto l’ARERA a compiere questa idillica impresa di “salvataggio”, per cui tutti noi italiani, cuocendo la pasta senza gas,  il pollo nella lavastoviglie e le meringhe sul cruscotto dell’auto dovremo essergliene grati.

Ebbene… l’Autorità, per limitare ulteriormente gli aumenti dei prezzi su famiglie e imprese, ha deciso di posticipare eccezionalmente il necessario recupero della differenza tra i prezzi preventivati per lo scorso trimestre e i costi reali che si sono verificati, anch’essi caratterizzati da aumenti straordinariamente elevati”.

Dunque, chiunque stia leggendo questo post, ha capito bene; non abbiamo bevuto prima di scrivere e avete inteso perfettamente: non è che le bollette sono aumentate del 59%… bensì sono diminuite del 41%. Per fortuna, qualcuno dentro e fuori il Bel Paese sta già iniziando a incazzarsi.

Riferimenti: https://www.lindipendente.online/2022/09/30/bollette-della-luce-arriva-la-stangata-59-dal-primo-ottobre

Articolo di Rossella Fidanza

Fonte: https://t.me/RossellaFidanza

LUNARIO DELLA DEA 2023 — CALENDARIO
Calendario mestruale e delle donne

Lunario della Dea 2023 — Calendario

Calendario mestruale e delle donne

Ogni donna vive una giungla di emozioni, ogni giorno nuova, splendida, spaventosa, incredibile. Prova ad immaginarla: sei circondata da una fitta vegetazione, versi di strani animali sconosciuti, colori, meraviglie.

Ti senti profondamente invasa da stupore e gratitudine ma anche da una antica sensazione di timore e paura. Questa giungla sei tu stessa, per te.

Quest'anno viaggeremo alla scoperta delle tue meraviglie e dei tuoi tesori per creare in te quella bussola forte e sicura capace di orientarti nella tua giungla, in quel mistero potente e profondo che ti chiama a sentirti eternamente completa, integra, autentica, selvaggia.

In questo Lunario della Dea 2023 troverai esercizi che puoi provare a praticare nel corso dei mesi, unitamente ad alcune proposte di uso degli oli essenziali, informazioni ricevute direttamente dagli Esseri di Luce, i quali propongono l'uso puro di alcune essenze floreali al fine di innalzare le vibrazioni, entrare in contatto con aspetti di te stessa dimenticati o messi in stand-by, rievocare memorie perdute.

Tutto ciò che trovi qui è l'apertura ad una riflessione, non la risposta. Nulla è prescrittivo od obbligatorio. Ricorda che sei tu a scegliere il tuo cammino. Buon viaggio verso te!

Un calendario unico, dedicato alle donne, e facile da appendere per conoscere meglio sé stesse

Il calendario mestruale può essere uno strumento in grado di favorire il riscatto personale e sociale. Conoscendosi, e definendo i propri limiti, è possibile affermare i propri punti di forza, accettarsi evitando di subire passivamente ingiurie, offese, sessismo e violenza di qualsiasi forma. 

Il Lunario della Dea è un calendario mestruale, e un potente strumento di consapevolezza. Offre la possibilità di ricordare con precisione i giorni del ciclo mestruale, così da gestire le sensazioni prodotte da specifici stadi del ciclo. Inoltre consente di scoprire come le energie si muovono in forma ripetuta nel corso del mese e dell’anno, connettendosi con esse. Grazie alle semplici istruzioni contenute nel Lunario ognuna potrà imparare a entrare in contatto con se stessa.

Usare con costanza un calendario mestruale permette di essere consapevole del modo in cui il proprio corpo reagisce al ciclo mestruale, l’effetto che ha sui mensili cambi di personalità, del corpo ed energetico, imparare ad ascoltare ciò che il corpo vuole dirti, accettarlo e riconoscerlo come una parte di te!

È un calendario non più lineare come siamo abituate a concepire il tempo, ma tondo proprio a sottolineare la ciclicità e spiralità delle nostre mestruazioni. Si può scrivere al suo interno e ogni mese scoprire come la tua energia si muove.

È costituito di una “ruota lunare”, ossia un cerchio suddiviso nei giorni del mese, all’interno dei quali poter introdurre, attraverso simboli, colori e parole, i giorni del proprio ciclo mestruale e, annesse, tutte le fasi emotive che si vivono durante il mese.

In ogni pagina puoi:

  • Scrivere i giorni di flusso e i pensieri ad esso collegati
  • Registrare l’emotività, le energie che variano giorno dopo giorno

Questo ti permetterà di vedere concretamente come il corpo femminile modifica gli stati d’animo.
 

...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.