Squilibrio chimico come causa di Depressione?

di E. Renter

Che cosa succede se confidiamo ad uno spacciatore di soffrire di depressione, e costui ci offre una sostanza che a sua detta può farci stare meglio? Cosa succede se per lo stesso motivo ci rivolgiamo ad un medico, ed il medico ci offre una sostanza che a sua detta ci farà stare meglio?

Depressione Benché le sostanze trattate dalle due figure siano diverse, in entrambe i casi qualcuno ci sta essenzialmente offrendo una soluzione “farmacologica” finalizzata a ridurre i sintomi negativi del nostro stato d’animo.

I medici, i media e la società sostengono che gli stati depressivi dipendano da uno “squilibrio chimico”, ma in realtà dietro gli stati depressivi non esiste alcuno squilibrio chimico.

La dottoressa Joanna Moncrieff, esperta di salute mentale presso il dipartimento dei servizi di salute mentale dell’University College di Londra, sta adottando un approccio ‘politicamente scorretto’ nella caratterizzazione dei farmaci anti-depressivi e di tutti gli altri psicofarmaci, sostenendo che non siano altro che una nuova forma di dipendenza.

Libri e varie...

Prima della Depressione

Manuale di prevenzione dedicato alle donne

di Elvira Reale

PRIMA DELLA DEPRESSIONE
Manuale di prevenzione dedicato alle donne
di Elvira Reale

Oggi in Italia sono almeno 1,5 milioni gli adulti che soffrono di depressione. L'Organizzazione Mondiale della Sanità ritiene che la depressione sia la quarta causa di disabilità e che la sua incidenza stia crescendo rapidamente. Se poi si guarda ai gruppi specifici, essa è la causa principale di infermità per le donne comprese tra i 15 e i 44 anni.
 Dunque la depressione è oggi in aumento, e specie tra le donne. Perché? Come è possibile prevenirla? Per intervenire efficacemente è necessario guardare, innanzitutto, a quei fattori di rischio (stress da doppio carico di lavoro, burn-out e maltrattamento) nascosti nelle relazioni sociali, in famiglia e nell'ambiente lavorativo, insomma nella vita quotidiana. Non solo: è necessario superare i pregiudizi che spesso accompagnano le ipotesi sulle cause delle patologie e favorire uno spostamento di prospettiva, per disegnare una prevenzione a misura di donna.
 Ma i ritardi del mondo medico in questo ambito impongono alle donne di farsi carico della propria salute, tutelandola anche con un cambiamento personale di mentalità: le tappe biologiche come il menarca, la gravidanza, il post-partum e la menopausa sono eventi fisiologici, che non possono essere considerati cause di malattia o, ancor più, come causa prevalente di depressione.
 Ecco dunque un percorso diretto alle donne per aggirare i pregiudizi della società e della medicina nel rapporto con il corpo e la mente femminili, uno strumento di prevenzione - arricchito da schede di approfondimento, questionari di autovalutazione, casi tratti dall'esperienza clinica e testimonianze dirette - che vuole fornire un aiuto concreto per fronteggiare i rischi della depressione....

L'Infarto dell'Anima

Superare burnout, boreout e depressione

di Ruediger Dahlke

L'INFARTO DELL'ANIMA
Superare burnout, boreout e depressione
di Ruediger Dahlke

Un libro che cambierà la vita di quanti saranno disposti a sottoporre la propria attuale visione del mondo a una radicale revisione. Un'opera che fornisce consigli pratici e terapeutici per condurre un'esistenza appagata e passare dalla sopravvivenza alla vita.
 L'infarto dell'anima, definizione coniata dal medico olistico Rüdiger Dahlke, è il crollo che conduce la vita a uno stato di arresto ed è il risultato di sindromi da burnout e boreout non trattate adeguatamente, nonché di una grave depressione.
 Il burnout (esito patologico di un processo stressogeno che colpisce le persone che esercitano professioni d'aiuto, qualora non rispondano in maniera adeguata ai carichi eccessivi di stress che il loro lavoro li porta ad assumere) e il boreout (variante del burnout che si manifesta piuttosto a seguito di noia, di carenti pressioni e stimoli, e non per un eccesso di sollecitazioni) sono manifestazioni sintomatiche di un quadro clinico assai serio per il quale finora, a dispetto delle numerose pubblicazioni sul tema, esistono soltanto approcci terapeutici insoddisfacenti.
 Per Dahlke l'infarto dell'anima può essere curato solamente se considerato in una prospettiva multidimensionale che permetta di addentrarsi fino alla radice del problema.
 In questo testo fondamentale egli esorta a spingere lo sguardo fin dietro le quinte della società meritocratica e prestazionale, individuando le modalità comportamentali ed esistenziali portatrici di malattia e sottolineando soprattutto la dimensione spirituale dell'essere umano.
 La seconda parte del libro, dedicata alle indicazioni di carattere pratico, fornisce un programma dettagliato per il rafforzamento di corpo, anima e spirito, incoraggiando a delineare una propria visione di vita. Solo quest'ultima, infatti, può darci la forza di resistere ai condizionamenti della nostra società.
 Come possiamo difenderci dall'infarto dell'anima?
 Che cosa possiamo fare realmente per il nostro risanamento psicospirituale?
 Troverete le risposte in questo libro.
 "Questo libro potrà cambiarvi la vita se sarete disposti a sottoporre la vostra attuale visione del mondo a una radicale revisione"
Rudiger Dahlke...

Vincere la Depressione

L'alimentazione e il movomento che aiutano a tornare padroni della propria vita

di Carolyn Humphries

VINCERE LA DEPRESSIONE
L'alimentazione e il movomento che aiutano a tornare padroni della propria vita
di Carolyn Humphries

La depressione colpisce un numero così elevato di persone da essere considerata il 'male del secolo'.
 Le sue cause sono numerose e spesso difficili da identificare, ma la carenza di sonno, un'alimentazione poco equilibrata e uno stile di vita non salutare sono senz'altro fattori di rischio. È per questo che la giusta combinazione di dieta ed esercizio fisico può aiutare a combatterla, almeno nelle sue forme più lievi, anche nel caso in cui sia già stata avviata una terapia farmacologica.
 Il programma proposto nel libro, molto facile da seguire, aiuta a riprendere gradualmente il controllo della propria vita. La dieta è studiata in modo da influenzare la chimica del cervello, contrastando l'opprimente senso di negatività; gli esercizi fisici contribuiscono a rendere più sereni e positivi.
 Un libro di grande aiuto anche per chi, stando accanto a una persona depressa, può avere un ruolo fondamentale nel processo di guarigione....

La Depressione

Come affrontarla, come curarla

di Roberto Pagnanelli

LA DEPRESSIONE
Come affrontarla, come curarla
di Roberto Pagnanelli

Un affermato psichiatra triestino analizza il problema in modo facile e pratico. Spiega come conoscerla, come capirla e affrontarla. Fornisce al lettore un'ampia gamma di rimedi, naturali e non, per tornare a far scorrere le energie dentro di noi e ritrovare serenità, benessere e fiducia in se stessi.
 - Che cos'è la depressione
 - Come si manifesta
 - Quali sono le sue cause
 - La depressione nelle varie età della vita
 - Uso ed effetto degli psicofarmaci
 - Omeopatia, fiori di Bach e oligoelementi
 - Un'ottima ricetta dalla fitoterapia
 - Terapia ayurvedica e alimenti antidepressivi
 - Simboli e colori della depressione
 - Approccio psicoterapeutico
 - Esercizi per vincere la depressione
 La patologia più antica, la depressione, è un fiume che non scorre più, è un'acqua che si fa stagnante, è la vita che inaridisce....

Liberarsi dalla Depressione in 8 Passi

Vincere il male oscuro con gli insegnamenti della mindfulness

di Marco Gradassi

LIBERARSI DALLA DEPRESSIONE IN 8 PASSI
Vincere il male oscuro con gli insegnamenti della mindfulness
di Marco Gradassi

Mentre il mondo là fuori sembra una rivista patinata, dove tutti sono contenti, felici, belli, sempre in forma e sorridenti, il tuo mondo piano piano perde i suoi colori, i suoi sapori, le sue fragranze e quello che prima ti piaceva e ti faceva battere il cuore ora ti è indifferente e richiede uno sforzo enorme.
 Partendo dagli insegnamenti della Mindfulness, attraverso parole come gentilezza, curiosità, desideri, consapevolezza, il lettore viene accompagnato lungo un percorso dove comincia a scoprire che la sofferenza non riguarda solo poche persone sfortunate, la sofferenza non guarda in faccia a nessuno e colpisce milioni di persone in tutto il mondo.
 È importante imparare a calmare la mente, fare esercizio fisico regolare, conoscere i meccanismi del pensiero e coltivare una buona intimità con se stessi. Ma la cosa essenziale è che non importa quanto è profonda e radicata la sofferenza, qualsiasi sofferenza può essere sconfitta....

E Se Non Fosse Depressione?

Un approccio innovativo e la soluzione definitiva

di Peter Bongiorno

E SE NON FOSSE DEPRESSIONE?
Un approccio innovativo e la soluzione definitiva
di Peter Bongiorno

Hai provato vari farmaci ma i risultati non ti sono sembrati soddisfacenti? Ti senti giù di corda ma non vuoi saperne degli antidepressivi?  Ti chiedi perché gli altri sono felici e tu no? Peter Bongiorno ti offre le risposte che cercavi: il suo programma per guarire in maniera definitiva dalla depressione ha dimostrato tutta la sua efficacia anche nei casi più complessi.
 La depressione affonda spesso le radici in disturbi di tipo fisico più che mentale. Anche quando sembra causata da momenti difficili della tua vita, l'esposizione allo stress intenso e prolungato può non trovare il giusto supporto del tuo organismo, se questo è già prostrato a causa di carenze vitaminiche e minerali, disidratazione, squilibri tiroidei, alimentazione inadeguata, infiammazioni croniche e scarsa esposizione alla luce diurna. In questi casi, i farmaci antidepressivi non sono l'unica opzione.
 Con un linguaggio chiaro ed esaustivo, E se non fosse depressione? descrive in dettaglio un programma diagnostico e di trattamento naturale per farti ritrovare l'equilibrio psicofisico, offrendoti fin dalle prime pagine utili consigli pratici, grazie ai quali potrai testare immediatamente gli straordinari effetti benefici di questo approccio innovativo.
 
 - Test e questionari per l'autovalutazione della depressione
 - Quali esami clinici eseguire
 - Il fattore alimentazione
 - Che cos'hanno in comune le persone felici
 - Integratori per il benessere quotidiano
 - Esercizio fisico e umore
 - Psicoterapia, yoga, meditazione, massaggi, musicoterapia
 - Quando è necessario ricorrere ai farmaci ...

Asserisce che, sebbene medici, media e società in generale continuino a ripetere il concetto secondo cui sindromi come la depressione e l’ansia siano l’effetto di uno “squilibrio chimico” cerebrale, in realtà non esiste alcuna prova concreta a sostegno di tale luogo comune“La ricerca scientifica non ha rilevato alcuna anomalia del sistema della serotonina nelle persone affette da depressione.” 

Molte persone hanno finito per persuadersi che il loro problema di depressione dipenda da questo fantomatico “squilibrio chimico”, e dunque accettano di buon grado la soluzione di assumere dei farmaci come soluzione, mentre in realtà il vero problema è la leggerezza con cui si prestano alla assunzione di farmaci.

PsicofarmaciIn generale, si trascura di spiegare che i farmaci usati in psichiatria sono droghe psicoattive a tutti gli effetti, proprio come l’alcool e la cannabis. I farmaci psicoattivi hanno l’effetto di suscitare in chi li assume una serie di alterazioni nello stato fisico e mentale. E questo effetto riguarda chiunque, a prescindere dal fatto che abbia un disturbo mentale. Pertanto, un modo alternativo di comprendere le modalità con cui i farmaci psichiatrici influenzano le persone, è esaminare gli effetti psicoattivi che producono.

La Moncrieff afferma che i farmaci come gli antidepressivi spesso producono gli stessi effetti di altre droghe dichiarate illegali. La sola differenza risiede nel fatto che i primi sono prescritti da medici professionisti e commercializzati in un modo “politicamente corretto”.

Siamo stati persuasi che questi farmaci servano a correggere un difetto nel cervello; che siano la cura di uno squilibrio chimico. Ma il problema è che tale squilibrio non è mai stato dimostrato. Certo, si può sostenere che il prodotto farmaceutico faccia sentire meglio, tuttavia non è forse vero che anche numerose altre sostanze considerate illegali abbiano il potere di farci sentire “meglio”?

La dott. Moncrieff non sta suggerendo di assumere altre e più economiche droghe illegali, che producono effetti simili a quelli delle droghe legali. Il suo intento è di responsabilizzare coloro i quali assumano farmaci ansiolitici ed antidepressivi; indurli a riflettere su ciò che stanno realmente facendo a se stessi quando ogni mattina si alzano e assumono la stessa pillola, fino al giorno in cui si ritrovano a dover innalzare il dosaggio, perché il loro organismo ha sviluppato una tolleranza.

Dato che ormai un americano su dieci assume regolarmente un farmaco antidepressivo, è giunto il momento di dedicare uno sguardo più critico a questo commercio di droghe legali.

Articolo in lingua inglese: http://naturalsociety.com/depression-chemical-imbalance-doesnt-exist/

Traduzione a cura di Anticorpi.info

Fonte: http://www.anticorpi.info/2014/10/squilibrio-chimico-come-causa-di.html

Libri e varie...

Musicoterapia per la Depressione

CD di terapia guidata per affrontare depressione, panico e ansia

di Roberto Pagnanelli

MUSICOTERAPIA PER LA DEPRESSIONE
CD di terapia guidata per affrontare depressione, panico e ansia
di Roberto Pagnanelli

Undici brani di musica e terapia guidata utili per ritrovare fiducia, serenità, stima di sè, voglia di ritornare protagonisti del proprio benessere.
 Un'innovativa tecnica psicoterapeutica propone un percorso di serenizzazione con immagini positive.
 Il dottor Roberto Pagnanelli, psichiatra, psicoterapeuta e omeopata applica la Musicoterapia Cinematografica che, unendo il potere catartico della musica alle virtù terapeutiche delle parole, permette di superare depressione, crisi di panico, ansia e altri disturbi psichici....

Prima della Depressione

Manuale di prevenzione dedicato alle donne

di Elvira Reale

PRIMA DELLA DEPRESSIONE
Manuale di prevenzione dedicato alle donne
di Elvira Reale

Oggi in Italia sono almeno 1,5 milioni gli adulti che soffrono di depressione. L'Organizzazione Mondiale della Sanità ritiene che la depressione sia la quarta causa di disabilità e che la sua incidenza stia crescendo rapidamente. Se poi si guarda ai gruppi specifici, essa è la causa principale di infermità per le donne comprese tra i 15 e i 44 anni.
 Dunque la depressione è oggi in aumento, e specie tra le donne. Perché? Come è possibile prevenirla? Per intervenire efficacemente è necessario guardare, innanzitutto, a quei fattori di rischio (stress da doppio carico di lavoro, burn-out e maltrattamento) nascosti nelle relazioni sociali, in famiglia e nell'ambiente lavorativo, insomma nella vita quotidiana. Non solo: è necessario superare i pregiudizi che spesso accompagnano le ipotesi sulle cause delle patologie e favorire uno spostamento di prospettiva, per disegnare una prevenzione a misura di donna.
 Ma i ritardi del mondo medico in questo ambito impongono alle donne di farsi carico della propria salute, tutelandola anche con un cambiamento personale di mentalità: le tappe biologiche come il menarca, la gravidanza, il post-partum e la menopausa sono eventi fisiologici, che non possono essere considerati cause di malattia o, ancor più, come causa prevalente di depressione.
 Ecco dunque un percorso diretto alle donne per aggirare i pregiudizi della società e della medicina nel rapporto con il corpo e la mente femminili, uno strumento di prevenzione - arricchito da schede di approfondimento, questionari di autovalutazione, casi tratti dall'esperienza clinica e testimonianze dirette - che vuole fornire un aiuto concreto per fronteggiare i rischi della depressione....

I Quaderni della Naturopata - Depressione

Come cambiare prospettiva con piccoli gesti quotidiani

di Emanuela Cafagna

I QUADERNI DELLA NATUROPATA - DEPRESSIONE
Come cambiare prospettiva con piccoli gesti quotidiani
di Emanuela Cafagna

Oggetto di molteplici studi, la depressione rimane comunque il male che colpisce più persone nel mondo occidentale.
 Con il suo stile positivo e chiarissimo, Emanuela Cafagna ci illustra un programma quotidiano per combattere la depressione, conoscerne meglio gli effetti e affrontare le nostre battaglie di ogni giorno senza paura.
 Semplici consigli che partono da uno stile di vita più sano, più sereno e rispettoso della nostra persona; prendendo in considerazione: fitoterapia, rimedi di bach, Medicina tradizionale cinese, ayurveda, trattamenti enrgetici, etc.
 Un programma quotidiano per combattere la depressione, conoscerne meglio gli effetti e affrontare le nostre battaglie di ogni giorno senza paura.
 Semplici consigli che partono da uno stile di vita più sano, più sereno e rispettoso della nostra persona; prendendo in considerazione: Fitoterapia,
 Rimedi di Bach, Medicina Tradizionale Cinese, PHYL" , trattamenti energetici, ecc....

La Depressione

Come affrontarla, come curarla

di Roberto Pagnanelli

LA DEPRESSIONE
Come affrontarla, come curarla
di Roberto Pagnanelli

Un affermato psichiatra triestino analizza il problema in modo facile e pratico. Spiega come conoscerla, come capirla e affrontarla. Fornisce al lettore un'ampia gamma di rimedi, naturali e non, per tornare a far scorrere le energie dentro di noi e ritrovare serenità, benessere e fiducia in se stessi.
 - Che cos'è la depressione
 - Come si manifesta
 - Quali sono le sue cause
 - La depressione nelle varie età della vita
 - Uso ed effetto degli psicofarmaci
 - Omeopatia, fiori di Bach e oligoelementi
 - Un'ottima ricetta dalla fitoterapia
 - Terapia ayurvedica e alimenti antidepressivi
 - Simboli e colori della depressione
 - Approccio psicoterapeutico
 - Esercizi per vincere la depressione
 La patologia più antica, la depressione, è un fiume che non scorre più, è un'acqua che si fa stagnante, è la vita che inaridisce....

E Se Non Fosse Depressione?

Un approccio innovativo e la soluzione definitiva

di Peter Bongiorno

E SE NON FOSSE DEPRESSIONE?
Un approccio innovativo e la soluzione definitiva
di Peter Bongiorno

Hai provato vari farmaci ma i risultati non ti sono sembrati soddisfacenti? Ti senti giù di corda ma non vuoi saperne degli antidepressivi?  Ti chiedi perché gli altri sono felici e tu no? Peter Bongiorno ti offre le risposte che cercavi: il suo programma per guarire in maniera definitiva dalla depressione ha dimostrato tutta la sua efficacia anche nei casi più complessi.
 La depressione affonda spesso le radici in disturbi di tipo fisico più che mentale. Anche quando sembra causata da momenti difficili della tua vita, l'esposizione allo stress intenso e prolungato può non trovare il giusto supporto del tuo organismo, se questo è già prostrato a causa di carenze vitaminiche e minerali, disidratazione, squilibri tiroidei, alimentazione inadeguata, infiammazioni croniche e scarsa esposizione alla luce diurna. In questi casi, i farmaci antidepressivi non sono l'unica opzione.
 Con un linguaggio chiaro ed esaustivo, E se non fosse depressione? descrive in dettaglio un programma diagnostico e di trattamento naturale per farti ritrovare l'equilibrio psicofisico, offrendoti fin dalle prime pagine utili consigli pratici, grazie ai quali potrai testare immediatamente gli straordinari effetti benefici di questo approccio innovativo.
 
 - Test e questionari per l'autovalutazione della depressione
 - Quali esami clinici eseguire
 - Il fattore alimentazione
 - Che cos'hanno in comune le persone felici
 - Integratori per il benessere quotidiano
 - Esercizio fisico e umore
 - Psicoterapia, yoga, meditazione, massaggi, musicoterapia
 - Quando è necessario ricorrere ai farmaci ...

L'Infarto dell'Anima

Superare burnout, boreout e depressione

di Ruediger Dahlke

L'INFARTO DELL'ANIMA
Superare burnout, boreout e depressione
di Ruediger Dahlke

Un libro che cambierà la vita di quanti saranno disposti a sottoporre la propria attuale visione del mondo a una radicale revisione. Un'opera che fornisce consigli pratici e terapeutici per condurre un'esistenza appagata e passare dalla sopravvivenza alla vita.
 L'infarto dell'anima, definizione coniata dal medico olistico Rüdiger Dahlke, è il crollo che conduce la vita a uno stato di arresto ed è il risultato di sindromi da burnout e boreout non trattate adeguatamente, nonché di una grave depressione.
 Il burnout (esito patologico di un processo stressogeno che colpisce le persone che esercitano professioni d'aiuto, qualora non rispondano in maniera adeguata ai carichi eccessivi di stress che il loro lavoro li porta ad assumere) e il boreout (variante del burnout che si manifesta piuttosto a seguito di noia, di carenti pressioni e stimoli, e non per un eccesso di sollecitazioni) sono manifestazioni sintomatiche di un quadro clinico assai serio per il quale finora, a dispetto delle numerose pubblicazioni sul tema, esistono soltanto approcci terapeutici insoddisfacenti.
 Per Dahlke l'infarto dell'anima può essere curato solamente se considerato in una prospettiva multidimensionale che permetta di addentrarsi fino alla radice del problema.
 In questo testo fondamentale egli esorta a spingere lo sguardo fin dietro le quinte della società meritocratica e prestazionale, individuando le modalità comportamentali ed esistenziali portatrici di malattia e sottolineando soprattutto la dimensione spirituale dell'essere umano.
 La seconda parte del libro, dedicata alle indicazioni di carattere pratico, fornisce un programma dettagliato per il rafforzamento di corpo, anima e spirito, incoraggiando a delineare una propria visione di vita. Solo quest'ultima, infatti, può darci la forza di resistere ai condizionamenti della nostra società.
 Come possiamo difenderci dall'infarto dell'anima?
 Che cosa possiamo fare realmente per il nostro risanamento psicospirituale?
 Troverete le risposte in questo libro.
 "Questo libro potrà cambiarvi la vita se sarete disposti a sottoporre la vostra attuale visione del mondo a una radicale revisione"
Rudiger Dahlke...
PRIMA DELLA DEPRESSIONE
Manuale di prevenzione dedicato alle donne
di Elvira Reale

Oggi in Italia sono almeno 1,5 milioni gli adulti che soffrono di depressione. L'Organizzazione Mondiale della Sanità ritiene che la depressione sia la quarta causa di disabilità e che la sua incidenza stia crescendo rapidamente. Se poi si guarda ai gruppi specifici, essa è la causa principale di infermità per le donne comprese tra i 15 e i 44 anni.
 Dunque la depressione è oggi in aumento, e specie tra le donne. Perché? Come è possibile prevenirla? Per intervenire efficacemente è necessario guardare, innanzitutto, a quei fattori di rischio (stress da doppio carico di lavoro, burn-out e maltrattamento) nascosti nelle relazioni sociali, in famiglia e nell'ambiente lavorativo, insomma nella vita quotidiana. Non solo: è necessario superare i pregiudizi che spesso accompagnano le ipotesi sulle cause delle patologie e favorire uno spostamento di prospettiva, per disegnare una prevenzione a misura di donna.
 Ma i ritardi del mondo medico in questo ambito impongono alle donne di farsi carico della propria salute, tutelandola anche con un cambiamento personale di mentalità: le tappe biologiche come il menarca, la gravidanza, il post-partum e la menopausa sono eventi fisiologici, che non possono essere considerati cause di malattia o, ancor più, come causa prevalente di depressione.
 Ecco dunque un percorso diretto alle donne per aggirare i pregiudizi della società e della medicina nel rapporto con il corpo e la mente femminili, uno strumento di prevenzione - arricchito da schede di approfondimento, questionari di autovalutazione, casi tratti dall'esperienza clinica e testimonianze dirette - che vuole fornire un aiuto concreto per fronteggiare i rischi della depressione....

Prima della Depressione

Manuale di prevenzione dedicato alle donne

di Elvira Reale

Oggi in Italia sono almeno 1,5 milioni gli adulti che soffrono di depressione. L'Organizzazione Mondiale della Sanità ritiene che la depressione sia la quarta causa di disabilità e che la sua incidenza stia crescendo rapidamente. Se poi si guarda ai gruppi specifici, essa è la causa principale di infermità per le donne comprese tra i 15 e i 44 anni.

Dunque la depressione è oggi in aumento, e specie tra le donne. Perché? Come è possibile prevenirla? Per intervenire efficacemente è necessario guardare, innanzitutto, a quei fattori di rischio (stress da doppio carico di lavoro, burn-out e maltrattamento) nascosti nelle relazioni sociali, in famiglia e nell'ambiente lavorativo, insomma nella vita quotidiana. Non solo: è necessario superare i pregiudizi che spesso accompagnano le ipotesi sulle cause delle patologie e favorire uno spostamento di prospettiva, per disegnare una prevenzione a misura di donna.

Ma i ritardi del mondo medico in questo ambito impongono alle donne di farsi carico della propria salute, tutelandola anche con un cambiamento personale di mentalità: le tappe biologiche come il menarca, la gravidanza, il post-partum e la menopausa sono eventi fisiologici, che non possono essere considerati cause di malattia o, ancor più, come causa prevalente di depressione.

Ecco dunque un percorso diretto alle donne per aggirare i pregiudizi della società e della medicina nel rapporto con il corpo e la mente femminili, uno strumento di prevenzione - arricchito da schede di approfondimento, questionari di autovalutazione, casi tratti dall'esperienza clinica e testimonianze dirette - che vuole fornire un aiuto concreto per fronteggiare i rischi della depressione.

...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*