Specchi

Un uomo pieno di sé fece ricoprire di specchi le pareti e il soffitto della sua stanza più bella. Spesso vi si rinchiudeva, contemplava la propria immagine, si ammirava minuziosamente, sopra, sotto, davanti, dietro. Si sentiva così tutto ringagliardito e pronto ad affrontare il mondo.

Un mattino, lasciò la stanza senza chiudere la porta. Vi entrò il suo cane che, vedendo altri cani, li annusò; dato che essi lo annusavano, ringhiò; dato che essi ringhiavano, li minacciò; dato che essi minacciavano, abbaiò avventandosi su di essi. Fu una lotta spaventosa: le battaglie contro se stessi sono le più terribili che ci siano! Il cane morì, sfinito.

Un asceta passava di là, mentre il padrone del cane, desolato, faceva murare la porta della stanza degli specchi. “Questo luogo può insegnarti molto – gli disse – lascialo aperto”. “Che intendi dire?” chiese l’altro.

“Il mondo è neutro quanto uno specchio. A seconda che siamo ammirativi o ansiosi, esso ci rimanda ciò che gli diamo. Se sei felice, il mondo lo è. Se sei inquieto, lo è anch’esso. Vi combattiamo incessantemente i nostri riflessi e moriamo nello scontro. Questi specchi ti aiutano a capire: in ogni essere e in ogni istante, felice, facile o difficile, non vediamo né le persone né il mondo, ma la nostra sola immagine. Se lo capisci, ogni paura, ogni rifiuto, ogni lotta ti abbandoneranno”.

Tratto da: “Racconti dei Saggi dell’India” di Martine Quentric-seguy 

Fonte: http://www.faredelbene.net/public/news/articoli/5628/specchi.html

Libri e varie...

Reality Transurfing - Le Regole dello Specchio

Il seguito della trilogia del Transurfing - Cofanetto con 2 libri non vendibili separatamente (La Gestione della Realtà Le Mele Cadono dal Cielo)

di Vadim Zeland

REALITY TRANSURFING - LE REGOLE DELLO SPECCHIO  - LIBRO
Il seguito della trilogia del Transurfing - Cofanetto con 2 libri non vendibili separatamente (La Gestione della Realtà  Le Mele Cadono dal Cielo)
di Vadim Zeland

Torna Vadim Zeland con il seguito della trilogia che ha conquistato l'Italia.
È possibile superare ogni difficoltà e ostacolo grazie al Transurfing? Con il suo aiuto possiamo davvero imparare a gestire la realtà?
Coloro che sono riusciti a mettere in pratica questo straordinario metodo raccontano con meraviglia come i loro pensieri si siano materializzati in modo sorprendente, come il mondo circostante abbia cambiato aspetto sotto i loro occhi, come – senza un motivo evidente – le persone abbiano iniziato a rivolgersi a loro con simpatia e come si siano aperte quelle porte che prima sembravano chiuse.
Per quanto strano possa essere, non c'è nessuna magia, è tutto vero.
Applicando alla realtà quotidiana la potente tecnica del Transurfing, vi stupirete dei risultati che otterrete e sarete entusiasti della vostra nuova vita.
Vadim Zeland – in questo straordinario cofanetto – ci spiega come tutti noi possiamo gestire la realtà: l'aspetto più importante è la nostra sensazione di libertà interiore, il privilegio di vivere secondo il proprio "credo".
 
Dopo il successo della trilogia del Reality Transurfing, Vadim Zeland torna con questa straordinaria opera - suddivisa in due volumi – per spiegarci che è davvero possibile gestire la realtà.
Volume 1 : La gestione della realtà
Volume 2 : Le mele cadono in cielo

Secondo l'autore l'aspetto più importante è la nostra sensazione di libertà interiore, il privilegio di vivere secondo il proprio "credo". Per quanto strano possa essere, non c'è nessuna stregoneria, è tutto reale. Per questo, verificando nella pratica quotidiana la potente tecnica del Transurfing, tenetevi ben saldi a terra per non cadere in cielo dallo stupore e dall'entusiasmo. 
"Alla fine si formerà nello specchio il riflesso necessario e avverrà ciò che si è soliti definire miracolo: il sogno che sembrava irrealizzabile si sarà trasformato in realtà".


Anteprima - Reality Transurfing - La Gestione della Realtà - Libro di Vadim Zeland
La realtà ha due forme: una fisica, che si può toccare con mano, e una metafisica, che si estende al di là della percezione ma che non per questo è meno oggettiva. In un certo senso il mondo si configura come uno sconfinato specchio duale, che contiene da un lato l'universo materiale, e cela al di là, dall'altro lato, lo spazio metafisico della varianti, una struttura d'informazione che conserva gli scenari di tutti gli eventi possibili. Il numero delle varianti è infinito, così com'è infinito l'insieme delle posizioni possibili di un punto su un asse cartesiano. Qui è inciso tutto quello che è stato, è e sarà, da qui arrivano i sogni, la preveggenza, i saperi intuitivi e le illuminazioni.
L'uomo, incantato dallo specchio, crede che il riflesso che vede sia la vera realtà. L'effetto speculare genera l'illusione che il mondo esterno esista di per sé e non si presti a essere gestito. Ne risulta che la vita diventa simile a un gioco, gestito da regole decise non da voi. Certo, vi è permesso tentare d'influire sugli avvenimenti, ma siete privati di un fattore fondamentale: non vi è stato spiegato come trasformarvi, da pedina, in colui che tira il dado.
In questo libro si spiega perché la gestione della realtà è possibile e cosa la impedisce.Siete in grado di liberarvi dall'illusione del riflesso e di svegliarvi nel vostro sogno speculare a occhi aperti.
 Continua a leggere - Anteprima - Reality Transurfing - La Gestione della Realtà - Libro di Vadim Zeland

Anteprima - Reality Transurfing - Le Mele Cadono in Cielo - Libro di Vadim Zeland
Di questa realtà voi siete una parte e, al contempo, un elemento singolo e indipendente. Allo stesso modo percepite la vostra "singolarità" quando, riscuotendovi nel sogno, vi rendete conto che ora è il sogno a dipendere da voi e non più voi dal sogno. L'energia dei pensieri dell'uomo, a determinate condizioni, è in grado di materializzare l'uno o l'altro settore dello spazio delle varianti. In uno stato particolare che nel Transurfing si chiama unità di anima e ragione, prende vita una forza misteriosa, l'intenzione esterna.
Coloro che sono riusciti a mettere in pratica il Transurfing raccontano con meraviglia di come i loro pensieri si siano materializzati in modo incomprensibile, di come la realtà circostante si sia trasfigurata sotto i loro occhi, di come, senza un motivo evidente, la gente abbia incominciato a rivolgersi a loro con simpatia, di come si siano aperte le porte che prima sembravano chiuse senza speranza. Praticando, si cominciano a notare fenomeni curiosi, come il variare delle "sfumature delle decorazioni" o "i cerchi nella realtà", simili ai cerchi nell'acqua.
Questo succede perché lo strato del vostro mondo ritrova la sua freschezza perduta: il gelato ha ora lo stesso gusto che aveva quando si era piccoli, e anche le speranze acquistano lo stesso entusiasmo che si aveva in gioventù.
 Continua a leggere - Anteprima - Reality Transurfing - Le Mele Cadono in Cielo - Libro di Vadim Zeland...

Transurfing Vivo - Oltre i Confini della Matrix

Risvegliati dall'incubo - Transurfing Apocrifo in versione riveduta ed ampliata

di Vadim Zeland

TRANSURFING VIVO - OLTRE I CONFINI DELLA MATRIX  - LIBRO
Risvegliati dall'incubo - Transurfing Apocrifo in versione riveduta ed ampliata
di Vadim Zeland

La realtà in cui viviamo non è la stessa di qualche decennio fa e le regole di sopravvivenza sono cambiate. L'umanità ha compiuto una svolta radicale, allontanandosi dal suo stato naturale e seguendo uno sviluppo tecnologico che ha portato la creazione di nuove leggi.
In questo nuovo sistema, definito "Matrix" come nel famoso film, l'uomo diventa solo una semplice pila di alimentazione. Non siamo più in grado di controllare la realtà e le informazioni che vi circolano, ma siamo completamente sottomessi al sistema: siamo semplici cellule di Matrix, che è padrone della nostra energia e della nostra coscienza.
Cosa possiamo fare? Come facciamo a liberarci da questa trappola?
In questa sua nuova straordinaria opera, Vadim Zeland, ci spiega come diventare lucidi , una volta per tutte! La soluzione si trova in una dimensione insolita, lì dove la metafisica incontra il quotidiano. Per capire quello che normalmente sfugge alla logica, è necessario depurarsi fisicamente, in senso letterale, la coscienza e la percezione: bisogna liberarsi di tutti gli stereotipi mentali che ci impone la società.
Titolo originale: Живой Трансерфинг
NB. Il testo è pubblicato solo in lingua Russa e in lingua Italiana con Macro Edizioni, attualmente non esistono altre pubblicazioni.
Anteprima Transurfing Vivo - Oltre i Confini della Matrix LIBRO di Vadim Zeland
"Negli ultimi otto-dieci anni sono alla ricerca della felicità, del successo e della festa della vita. Dopo aver iniziato a leggere i suoi libri, ho trovato quello che stavo cercando e i primi due mesi era tutto meraviglioso, la vita era diventata magnifica, ero diventato profondamente sicuro di poter scegliere una qualsiasi variante.
Ho capito il significato dell'unità dell'anima e della ragione e il mio potenziale energetico era al massimo. Grazie ai suoi libri sono passato a un nuovo lavoro. Tuttavia dopo un po' è successo qualcosa, la festa è finita nonostante io seguissi i suoi consigli continuamente, tanto da averli resi abitudinari.
Ora non è più come prima: l'importanza interna ed esterna oscillano continuamente, io cerco di trovarmi sempre in uno stato di consapevolezza ma non riesco in alcun modo a ridurre l'importanza; il timore verso il futuro è aumentato, tutto mi sfugge di mano, non posso fare nulla che valga la pena di fare, sento un peso nell'anima... È come se mi trovassi in coma profondo.
La negatività mi si inccolla addosso, nonostante io faccia regolarmente esercizio fisico, presti attenzione ai canali energetici e mi nutra di cibi sani e gustosi, che in realtà non mi procurano alcun piacere. Esisteranno dei metodi di programmazione del subconscio che aiutino a uscire da questo stato oppressivo?".
Continua a leggere - Anteprima Transurfing Vivo - Oltre i Confini della Matrix LIBRO di Vadim Zeland

Il Transurfing vivo è il Transurfing apocrifo
Il libro Il Transurfing apocrifo (Apokrifičeskij Transerfing), edizioni Eksmo, 2010 è uscito in Russia qualche mese prima del presente Transurfing Vivo.
Quest'ultimo ne è una versione riveduta e ampliata. Ha ottenuto una forte risonanza tra i lettori e ha scatenato un'animata discussione.
 


Continua a leggere -  "Il Transurfing vivo è il Transurfing apocrifo"



Indice del libro
- Capitolo I - Ci siamo risvegliati in un'altra realtà
- 
Capitolo II - Il fine: un percorso o un punto d'arrivo?
- Capitolo III - Il Credodell'Arbitro
- Capitolo IV - Il mondo dei sogni
- Capitolo V - Buongiorno, compagni cyborgs! 
- Capitolo VI - I parassiti della coscienza
- Capitolo VII - Parliamo di sesso 
- Capitolo VIII - Un bicchier d'acqua
- Capitolo IX - La seconda civiltà 
- Capitolo X - Un passo fuori dai ranghi
- Capitolo XI - La meccanica dell'invecchiamento
- Capitolo XII - Una minaccia occulta 
- Capitolo XIII - I parassiti del corpo
- Capitolo XIV - Gli architetti della "matrix"
- Capitolo XV - L'acqua viva 
- Capitolo XVI - Un diapason di cristallo
- Capitolo XVII - L'aria viva
- Capitolo XVIII - E ancora "Avanti nel passato"
- Capitolo XIX - L'arretramento del processo di invecchiamento
- Capitolo XX - Un Sapere non per tutti 
- Capitolo XXI - Il cibo vivo
- Capitolo XXII - L'energia d'intenzione
- Capitolo XXIII - L'intenzione di salute
- Allegato 1 - Principi di base per aumentare il potenziale energetico
- Allegato 2 - Ricette sistematizzanti
- Allegato 3 - Fatti poco conosciuti
- Allegato 4 - Domande inevitabili
- Allegato 5 - Le caratteristiche distintive dei vegetali e dei prodotti di origine vegetale
- Allegato 6 - Intervista personale 
- Allegato 7 - Glossario dei termini 
- Bibliografia

Curiosità sul Transurfing: come ne parla la traduttrice
La traduttrice Vera Bani delle edizioni italiane ci racconta la sua scoperta del Transurfing e una chiave di lettura utile a comprendere meglio cosa Vadim Zeland ci vuole trasmettere con le sue opere.
Sette anni fa, mentre passavo in rassegna gli scaffali di una piccola libreria vicino a casa, i miei occhi caddero su una serie di volumetti, cinque, semplicissimi, di colore rosso cardinale. Quando ne presi uno in mano, apprezzai il disegno stilizzato centrale, scuro, quasi ipnotizzante, e solo in seguito, alzando gli occhi verso il titolo e il nome dell'autore, ripescai nella memoria uno strano termine che solo poco tempo prima avevo sentito nominare da un "coach" cui mi ero rivolta per aiuto. 
Continua a leggere - Curiosità sul Transurfing: come ne parla la traduttrice...

Lo Specchio del Pensiero

di Nicola Zegrini

LO SPECCHIO DEL PENSIERO
di Nicola Zegrini

"...Un romanzo imprevedibile, capace di rapire il lettore fino a portarlo dentro la storia, al punto di renderlo protagonista della ricerca.
 Religione e fede, fisica quantistica e archeologia fanno da cornice ad una narrazione ricca di misteri e colpi di scena.
 Un viaggio nell'incontro dei Maya e le loro profezie, nelle tradizioni egizie, nel concetto di Dio e dell'esistenza, raccontando anche di sette nascoste fino alle riflessioni più intime dell'anima..."
 "Egitto 2014, le profezie del profeta biblico Enoch sembrano trovare conferma: la grande piramide ha portato alla luce il tesoro che custodiva, lo Zed, la torre idolatrata dagli antichi egizi, con al suo interno delle tavole scritte in una lingua cuneiforme simile alla sumera e all'accadica.
 Il protagonista Fabio Ferrari riceve l'incarico di tradurre quei testi e, durante il suo lavoro, che si svolge non senza problemi, tra cui omicidi e fughe mozzafiato, scopre che quel testo potrebbe consistere nei famosi Libri della conoscenza che un antica leggenda egizia dice essere opera del dio Thot. Scopre anche che Thot dagli antichi greci era identificato con Ermete Trismegisto, ovvero il padre dell'alchimia, il filosofo dal quale hanno attinto tutti i più grandi pensatori del mondo antico come Platone e Aristotele e che è stato studiato con interesse da tutti i grandi artisti del rinascimento italiano.
 Per fuggire da chi vuole sottrargli quelle tavole Fabio si ritrova a Roma e si accorge di come Michelangelo Buonarroti abbia raffigurato nella Cappella Sistina alcuni dei concetti chiave di questo pensiero. Patrick Graz e Albert Vilieri, due studiosi arrivati dall'America per salvarlo, gli spiegano che quei concetti che ha da poco appreso sono alla base della più moderna e controversa tra le scienze ovvero la Fisica quantistica.
 Di Ritorno in Egitto i tre si accorgono di come lo Zed sia relazionato con la coscienza umana e di come, grazie ad esso, si potrà scampare la catastrofe profetizzata per il 2012 e per gli anni a venire."...

Lo Specchio del Cuore

Unyo Mystica I - Discorsi sul Mistico Sufi Hakim Sanai

di Osho

LO SPECCHIO DEL CUORE
Unyo Mystica I - Discorsi sul Mistico Sufi Hakim Sanai
di Osho

Osho commenta il poema "Hadiqua, il giardino cintato della verità".
Hakim Sanai, poeta di corte del XII secolo, al seguito di un sultano persiano, è in viaggio verso l'India. Ad un certo punto, nei pressi di un giardino, una musica eterea ed un canto sublime li obbligano a fermarsi. Incontrano così un mistico sufi, noto come un ubriacone: Lai Kur. Quell'incontro trasforma Sanai: accade una trasmissione immediata della fiamma della consapevolezza che lo risveglia e lo spinge ad abbandonare il sultano e viaggiare in solitudine, per assorbire l'evento. 
 
"Hakim Sanai: questo nome è per me dolce come il miele, dolce come un nettare. Hakim Sanai è unico, unico nel mondo del Sufismo. Nessun altro Sufi è riuscito a raggiungere simili altezze di espressione e tali profondità di penetrazione. Hakim Sanai è riuscito a fare praticamente l'impossibile. Hakim Sanai è riuscito ad afferrare la vera anima del Sufismo. Libri come questi non vengono scritti, nascono; nessuno li può comporre. Non sono costruiti nella mente, dalla mente; vengono dall'aldilà. Sono un dono. Nascono misteriosamente, nello stesso modo in cui nasce un bambino o un uccello, oppure una rosa. Vengono a noi, sono doni." Osho
 
ALCUNI ESTRATTI
 
Dal primo capitolo: Come misurare l'amore?
 
Nessuno è mai arrivato a Dio attraverso la ragione: quella non è la soglia che si apre su di lui, è il muro che ne impedisce l'incontro. La ragione è perfettamente in grado di conoscere ciò che è superficiale, ma non è in grado di tuffarsi negli abissi; è solo in grado di nuotare in superficie. La ragione è perfettamente in grado di affrontare il viaggio verso l'esterno, ma è completamente impotente rispetto al viaggio interiore. Come misurare l'amore? Come misurare la consapevolezza? In quel caso è presente ciò che non è misurabile; se insisti nel voler usare solo la ragione per conoscerlo, rimarrai ignorante rispetto a ciò che non è misurabile. In questo caso, rimarrai ignorante rispetto alla realtà del divino.
 
Dal secondo capitolo: Il centro e la circonferenza
 
Nessuno può esistere senza un centro. La vita è impossibile senza un centro; forse non ne sei consapevole, ma questa è un'altra storia. Non deve essere creato, ma soltanto riscoperto. E ricorda: non sto dicendo 'scoperto', sto dicendo 'riscoperto'. Il figlio, nel grembo della madre, rimane perfettamente consapevole del centro. Il bambino nel grembo della madre è al centro, vibra nel centro, palpita al centro. Nel grembo della madre, il bimbo è il centro, non ha ancora una circonferenza: è soltanto essenza, non ha ancora una personalità. L'essenza è il centro, ciò che è la tua natura, ciò che è dato dall'esistenza. La personalità è la circonferenza, ciò che viene coltivato dalla società: non è data dall'esistenza. Deriva dall'educazione, non dalla natura.
 
Dal terzo capitolo: Ama te stesso
 
Pensi di conoscere la donna che ami? Pensi di conoscere tuo marito? Pensi di conoscere tuo figlio, solo perché l'hai portato in grembo per nove mesi, pensi di conoscerlo? Credi soltanto di conoscerlo; ogni bambino è un mistero, non sai nulla di lui: il bambino è misterioso quanto l'intera esistenza. Non conosci la donna che ami. Come potresti, visto che non hai ancora conosciuto te stesso. La donna potrebbe esserti molto vicina, ma non potrà mai esserti tanto vicina quanto tu lo sei a te stesso. Ecco perché dico che, se non ami te stesso, non sarai in grado di amare nessun altro al mondo.
 
Dal quarto capitolo: Il bisogno di un Maestro
 
Ne hai bisogno perché non sei ancora capace di permettere alla vita di essere il tuo Maestro. Perché non sai come ascoltare, come imparare. Perché sei incapace di apprendere, ecco perché hai bisogno di un Maestro. Il bisogno nasce dalla tua incapacità di sentire, dalla tua ottusità. Se sei intelligente è sufficiente la vita. Il Maestro è solo un inizio: ti insegnerà come ascoltare, ti insegnerà come essere aperto. Ti darà amore, così che ti possa riscaldare; sei diventato troppo freddo. Quando ti sarai riscaldato un po', non ti occorrerà più: la vita intera sarà il Maestro.
 
Dal quinto capitolo: Il fiume e le sponde
 
La vita esiste attraverso la dualità. L'intero processo della vita dipende da polarità opposte. La vita è come un fiume: perché possa esistere occorrono due sponde. Il fiume non può esistere senza due sponde che lo sostengono, così come un uccello non può volare senza due ali e tu non puoi camminare senza due gambe. La vita ha bisogno della dualità. La troverai ovunque, finché non arriva l'Assoluto. L'Assoluto, il Supremo - lo puoi anche chiamare Dio - supera la dualità, la trascende, ma a quel punto la vita scompare, e tu diventi invisibile. In quel caso non avrai forma né nome: sarai andato al di là. Questo è il nirvana.
 
Dal sesto capitolo: La serietà è una fuga da se stessi
 
Tutti prendono la vita seriamente perché tutti sono assolutamente vuoti. Facendo la persona seria nascondi il tuo vuoto, facendo il serio puoi fingere. Con la serietà stai soltanto fuggendo dalla solitudine presente dentro di te, dal nulla che hai dentro di te. Non riesci a ridere, non ti senti a tuo agio, perché ogni volta che ti senti a tuo agio diventi consapevole del vuoto che c'è in te. Devi essere serio. Con la serietà resti aggrappato alla superficie; se ti rilassi, inizierai a tuffarti profondamente nel tuo essere... e lì incontrerai la paura. Le persone sono serie per un motivo ben preciso. Il motivo è questo: non vogliono guardarsi in faccia. E la serietà conferisce loro anche una certa dignità, soddisfa l'ego. Se fai la persona seria, tutti penseranno che devi essere importante. La serietà porta con sé un tono di importanza. Le persone importanti sono molto serie: non vedrai mai i santi ridere.
 
Dal settimo capitolo: Celebrare l'esistenza
 
Un Sufi non evade, non fugge dalla realtà, non fa parte del suo modo di agire. È assolutamente contrario a qualsiasi fuga. Crede nella celebrazione del mondo, nel celebrare l'esistenza, nel celebrare la vita. È il fondamento stesso del Sufismo sostenere che il creatore può essere raggiunto soltanto attraverso la creazione. Non devi rinunciare alla sua creazione per raggiungerlo; anzi, se rinunci alla sua creazione, non potrai mai raggiungerlo. Rinunciando alla sua creazione, indirettamente rinunci al creatore stesso. Il Sufi non fugge dal mondo, ma arriva un momento in cui il mondo scompare e si dissolve. Il Sufi vive nel mondo e scopre che non c'è alcun mondo, esiste soltanto Dio....

La Vita Ti Ama

7 pratiche spirituali per guarire la tua vita

di Louise Hay , Robert Holden

LA VITA TI AMA
7 pratiche spirituali per guarire la tua vita
di Louise Hay
                                  ,                          Robert Holden

La vita ti ama e tu hai il potere dentro di te per creare a tua volta una vita che ami.
 "La vita ti ama" è una delle affermazioni più amate di Louise Hay. È il pensiero del cuore che rappresenta la sua vita e il suo lavoro. Insieme, Louise e Robert Holden analizzano il vero significato di "la vita ti ama", ovvero che la vita non è una cosa che capita a te, ma per te. Scavano a fondo e con sincerità nel potere dell'amore, nella natura benevola della realtà, nell'universo amichevole fino al centro di chi siamo veramente.
 La vita ti ama è ricco di ispirazione e utili meditazioni, preghiere ed esercizi. Louise e Robert presentano una filosofia pratica basata su sette principi spirituali. Le tematiche chiave trattano di:
 
 - Il principio dello specchio – metti in pratica l'amore per sé
 - Afferma la tua vita – guarisci la paura di base dell'ego
 - Segui la gioia – fidati della tua guida interiore
 - Perdona il passato – riprenditi la tua innocenza originaria
 - Esprimi gratitudine adesso – coltiva la fiducia di base
 - Impara a ricevere – resta indifeso e aperto
 - Guarisci il futuro – scegli l'amore al posto della paura
 - Viviamo in un universo amichevole?
 - C'è una bontà di fondo nel grande disegno della vita?
 - C'è uno scopo superiore per la tua vita?
  La vita ti ama e un viaggio alla scoperta della persona che sei: esplora il tuo rapporto con il mondo, pone domande profonde sulla natura della realtà. Negli ultimi anni la scienza ha imparato a vedere il mondo con occhi nuovi. Per esempio, adesso sappiamo che gli atomi non sono minuscole particelle separate, ma espressioni dell'energia universale. In realtà un universo di separatezza non è mai esistito. Tutto fa parte del tutto. Ognuno di noi fa parte di un'Unità più grande.
 Al livello più profondo, il nostro scopo nella vita consiste nell'essere uno specchio amorevole del mondo. Il nostro obiettivo non è solo lasciare che la vita ci ami, ma amarla a nostra volta. Siamo qui per amare il mondo. Se ognuno di noi lo facesse un pochino di più, il mondo non sarebbe un luogo tanto spaventoso.
 Interagiamo con le stelle, fra noi e con tutta la creazione. Esplorare la consapevolezza della creazione è la nuova frontiera della scienza. Louise Hay crede da sempre che l'unità elementare della creazione non sia l'atomo, bensì l'amore. Quest'amore non è qualcosa di sentimentale. Non si tratta solo di un'emozione: è il principio creatore che genera la danza della vita. È universale. È intelligente. È benevolo. Siamo tutti un'espressione di quest'amore. Rappresenta la nostra vera natura.
 La vita ti ama parla di un amore incondizionato ed è composto da una parte teorica e da esercizi pratici. La spiritualità di Louise è pragmatica, e la filosofia di Holden si applica alla vita quotidiana.
 Da qui il sottotitolo del libro: 7 pratiche spirituali per guarire la tua vita. I capitoli sono sette e ognuno si conclude con la descrizione di una pratica spirituale, che ti aiuterà a trasformare la teoria in esperienza. Il quarto capitolo (Perdona il passato) rappresenta proprio il centro dell'indagine di Louise e Holden: ogni esperienza – buona o cattiva, felice o triste, amara o dolce – ti offre l'opportunità di lasciarti amare dalla vita. Inoltre il Principio dello Specchio ti mostra perché soffri e come puoi attivare un processo di guarigione, come blocchi te stesso e come puoi liberarti dal risentimento e dalla paura. È la chiave dell'amore verso te stesso e anche del lasciarti amare dalla vita. Comprendere come funziona il Principio dello Specchio dona la consapevolezza necessaria per fare buone scelte nelle tue relazioni, nel lavoro e nella vita in generale.
 La vita è profondamente assertiva. Siamo un'espressione della creazione e la vita vuole che diamo spazio al nostro Sé Incondizionato, che è la nostra vera natura. Ci siamo convinti che giudicare significhi vedere, ma è vero il contrario: si può vedere solo quando si smette di giudicare.
 La paura di non essere degni d'amore unita all'abitudine di giudicare noi stessi ci porta a vivere qualcosa che gli autori definiscono mito dell'inadeguatezza, che si esprime in un monologo interiore depotenziante e deprimente. La buona notizia è che possiamo superare il mito dell'inadeguatezza se siamo disposti a riappropriarci della verità sostanziale: Io sono degno d'amore.
 "Vedi ciò con cui ti identifichi. Non vediamo le cose come sono, ma come siamo noi. Meno ami te stesso, più rendi difficile agli altri amarti. Più ami te stesso, più noti quanto sei amato" scrive Louise.
 Louise Hay non ritiene che ci siano pensieri positivi o pensieri negativi. I pensieri sono sempre neutri. È il modo in cui gestiamo i nostri pensieri a essere positivo o negativo. "Un'affermazione è un nuovo inizio" dice. Il dono dell'adesso è che ci offre sempre l'opportunità di ricominciare da capo. Ogni adesso è un invito a lasciar andare il passato. Ogni adesso è un modo per migliorare la tua vita. Ogni adesso ha un regalo per noi, se solo guardiamo con più attenzione.
 Il principio dell'è già qui ci ricorda qual è la nostra vera natura e qual è la natura della realtà. Ci insegna che in questo mondo bisogna guardare oltre le apparenze. Anche quando predomina la paura, c'è amore. Anche quando percepisci scarsità, c'è abbondanza. Anche quando vivi nel conflitto, c'è pace. Anche quando sei solo, c'è aiuto. Anche quando sei confuso, sei guidato. Tutto quello che ti serve è qui, ed è qui adesso. Ecco perché Louise ci incoraggia sempre a pregare e ad affermare usando il tempo presente, così:
 "Sono disposto a lasciare che la vita mi ami oggi.
Tutto ciò che ho bisogno di sapere mi viene rivelato.
Accetto con gratitudine tutto il bene che c'è nella mia vita adesso.
Rinuncio ora a qualsiasi forma di lotta e sono in pace.
La mia guarigione sta già avvenendo.
Adesso accetto e apprezzo la vita di abbondanza che l'universo mi offre."
 "Il messaggio che voglio trasmettere ai nostri lettori è questo: La vita ti ama così come sei, e vuole che tu faccia lo stesso" dice Louise. "Siamo su questo Pianeta per imparare ad amare incondizionatamente, e il primo passo consiste nell'accettare e amare noi stessi."...

Il Viaggio della Vita

La grazia e la forza dell'universo femminile

di Osho

IL VIAGGIO DELLA VITA
La grazia e la forza dell'universo femminile
di Osho

Mai come ora il mondo è stato così instabile e fragile nella sua "materialità".
 Per quanto si cerchi di farlo durare, appare sempre più realistico che non potrà resistere tanto a lungo. Le molte cose a cui ci aggrappiamo sembrano sempre più effimere, il tempo utilizzato nello sforzo di realizzare sogni e speranze appare sprecato e il disincanto accompagna i continui tentativi tesi a dare concretezza a qualcosa di oltremodo volubile, di "mercuriale".
 Come dice Osho: "Noi cerchiamo di fermare ciò che per sua natura non può fermarsi, cerchiamo di trattenere ciò che deve continuare a fluire, ciò che deve necessariamente continuare a muoversi, perché il movimento costituisce la sua natura intrinseca. Stiamo cercando di afferrare qualcosa che per sua natura non può essere afferrato; inseguiamo il mondo come chi cerca di prendere in mano il mercurio, che invece si diffonde ovunque".
 Da questa comprensione iniziale Osho suggerisce un viaggio che è interiore, qualcosa che accade, via via che si procede nella lettura, quasi il testo fosse un sentiero propedeutico che porta a raggiungere le proprie radici interiori e ad attivare quella fonte di energia vitale che ci unisce all'esistenza, alla sorgente esistenziale che si trova proprio dentro di noi, purtroppo oltremodo ignorata e disattesa. E al tempo stesso apre anche a cognizioni che permettono di alzare gli occhi verso l'alto e che aiutano il seme della nostra consapevolezza a fiorire.
 Ma non è una fuga dalla realtà, quella che Osho consiglia, anzi, è lui stesso a chiarire: "Un'intensa esperienza del mondo è parte essenziale della ricerca del divino: il mondo non è il contrario del divino, bensì lo scenario della sua ricerca; se comprendi questa verità, la tua prospettiva cambierà drasticamente!".
 "L'universo non è insensibile nei tuoi confronti; non è vero che all'esistenza non importa nulla di te: è interessata a te, quanto tu lo sei a lei!
 Finché rimani distante dall'esistenza, lei rimarrà distante da te, ma via via che ti avvicini a lei, anche lei si avvicinerà a te.
 Se l'abbracci, ti abbraccerà;
 se ti muovi con coraggio verso di lei,
 risponderà con la stessa intensità."
Osho...
RACCONTI DEI SAGGI DELL'INDIA - LIBRO
di Martine Quentric-seguy

Se si desidera conoscere qualcosa di più sulla saggezza indiana non potete perdere questi 25 racconti.
 È sulle rive del Gange che questi racconti trovano la loro sorgente: dèi, demoni, animali sacri, mendicanti e sovrani, tutti hanno una storia e tutti si cercano... Martine Quentric-Séguy vive in India ed è stata per anni discepola di un grande maestro del Vedanta.
 Questi 25 racconti ci fanno percorrere, in un ordine tradizionale, tutte le basi dell'insegnamento vedico....

Racconti dei Saggi dell'India

di Martine Quentric-seguy

Se si desidera conoscere qualcosa di più sulla saggezza indiana non potete perdere questi 25 racconti.

È sulle rive del Gange che questi racconti trovano la loro sorgente: dèi, demoni, animali sacri, mendicanti e sovrani, tutti hanno una storia e tutti si cercano... Martine Quentric-Séguy vive in India ed è stata per anni discepola di un grande maestro del Vedanta.

Questi 25 racconti ci fanno percorrere, in un ordine tradizionale, tutte le basi dell'insegnamento vedico.

...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*