Spazio, quei Segnali Misteriosi provenienti da un’altra galassia: una Civiltà Aliena sta lanciando messaggi?

Dietro i misteriosi segnali dello spazio profondo che chiamiamo fast radio burst (Frb) sembra esserci uno schema ben preciso. I ricercatori del Canadian Hydrogen Intensity Mapping Experiment, hanno per la prima volta trovato un Frb che si ripete su un ciclo regolare.

https://images.wired.it/wp-content/uploads/2017/01/05133102/1483615861_segnali-radio.jpg

Gli studiosi hanno scoperto che ogni 16.35 giorni il segnale chiamato FRB 180916-j0158 + 65, segue uno schema simile: per 4 giorni emette uno o due scoppi all’ora per poi non farsi sentire per 12 giorni. Questo modello è “un indizio importante sulla natura di questo oggetto”, scrivono i ricercatori su arXiv.

Gli scienziati non sanno ancora spiegare gli Frb. Sappiamo che si manifestano come impulsi radio transitori, con durata di pochi millisecondi. Si tratta di lampi molto luminosi provenienti da regioni del cielo esterne alla Via Lattea. L’unica cosa che sembra certa sulla loro origine è che provengono da un posto molto estremo e insolito. Da qui può nascere ogni sorta di speculazione, da una civiltà aliena che ci invia messaggi a una stella che cade in un buco nero. FRB 180916-j0158 + 65 sembra provenire da una enorme galassia a spirale, a circa 500 milioni di anni luce di distanza. Ma ci sono pochi altri indizi sui processi che potrebbero averlo generato.

Il fatto che si ripeta in un periodo prevedibile potrebbe suggerire che provenga da un sistema binario, poiché anche altri oggetti nello spazio che mostrano caratteristiche simili tendono ad essere sistemi binari. L’oggetto potrebbe essere fatto oscillare da una stella o da un buco nero e le esplosioni periodiche potrebbero indicare quello che l’oggetto sta affrontando in quei tempi. Potrebbe anche essere possibile che venti o interruzioni delle maree dal buco nero, blocchino il segnale durante i periodi di silenzio. È un mistero, su cui gli scienziati continuano a indagare.

Fonte: https://www.liberoquotidiano.it/news/scienze—tech/13564070/spazio-segnali-misteriosi-provenienti-altra-galassia-civilta-aliena-messaggi.html

Libri e varie...
CIVILTà ALIENE
Le misteriose origini delle grandi civiltà
di Roberto La Paglia

Civiltà Aliene

Le misteriose origini delle grandi civiltà

di Roberto La Paglia

Uomini e civiltà la cui memoria si perde nella notte dei tempi, terre mitiche, continenti sommersi, popoli che hanno attraversato la storia lasciandosi dietro una fitta coltre di misteri insoluti. Questi gli elementi di Civiltà Aliene, il titolo scelto da Roberto La Paglia, eclettico divulgatore siciliano, per concludere la trilogia già avviata con Archeologia Aliena ed Enigmi Sepolti, entrambi editi da Cerchio della Luna.

Ripercorrendo le vicende antecedenti al Diluvio Universale, l'autore traccia i contorni di quella parte della nostra storia che difficilmente viene raccontata e ancora meno studiata, la storia precedente la grande catastrofe che segnò l'inizio di un nuovo mondo; ma quali erano le caratteristiche ed i segreti del periodo antidiluviano?

Dal Giardino dell'Eden a Sodoma e Gomorra, dall'analisi delle nuove scoperte archeologiche alla rivisitazione degli antichi testi religiosi, ripercorrendo antiche tradizioni che oggi ci vengono riportate come racconti fantastici ma che, in realtà, rappresentano le memorie dei sopravvissuti, coloro che, scampati al Diluvio, cercarono di tramandare antiche conoscenze e vennero scambiati per divinità.

Una indagine serrata, appassionante, che niente ha da invidiare ai migliori racconti fantastici pur basandosi esclusivamente su fatti, citazioni e scenari assolutamente reali.

Alla fine di questo viaggio si avvertirà il bisogno di riconsiderare gran parte di quello che credevamo di conoscere; sarà allora che, come spesso dice l'autore, indagando il noto verrà finalmente svelato l'ignoto e avremo la possibilità di riappropriarci di quel sentimento che ha da sempre accompagnato l'evoluzione umana, la curiosità di spingersi oltre, perché la conoscenza non risiede in ciò che sappiamo ma in tutto quello che dobbiamo ancora scoprire.

...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *