Soros e la Moralità… intermittente

George Soros: “Io non posso preoccuparmi delle conseguenze sociali derivanti da quello che faccio. Come competitor io devo competere per vincere”.

Nel 2018, il Financial Times sceglie come uomo dell’anno, il miliardario e filantropo americano di origini ungheresi, George Soros.

La scelta, spiega il quotidiano economico della City, è politica: “Di solito scegliamo la persona dell’anno solo in base agli obiettivi raggiunti, stavolta l’abbiamo scelta anche per i valori che rappresenta: Soros è l’alfiere riconosciuto della democrazia liberale e della società aperta, idee attaccate sistematicamente dai populisti“.

Eppure Soros è additato ovunque nel globo, presso una certa opinione pubblica, come l’origine di tutti i mali, l’uomo che in virtù dei suoi soldi (e responsabile delle speculazioni degli anni Novanta sulla lira e sulla sterlina) ha il potere di manovrare l’opinione pubblica di Europa, Americhe, Paesi sperduti della sconfinata Asia, formare e far cadere governi, decidere recessioni e causare improvvisi crolli di Borsa, spostare carovane di migranti da un continente a un altro, svuotare addirittura quei continenti per riempirne altri (Mosè si era limitato a separare le acque per un fugace passaggio).

Libri e varie...

A dimostrazione del suo “elevato livello morale” ecco, dunque, una breve intervista di qualche anno fa:

Giornalista: “Negli ultimi 2 anni lei è stato accusato del dissesto finanziario di Thailandia, Malesia, Giappone, Indonesia e Russia.”

Soros: “Esatto, tutte quelle che ha menzionato.”

Giornalista: “Lei è, dunque, così potente?”

Soros: “No, io credo ci sia un grande equivoco. Io fondamentalmente sono lì per fare soldi. Io non posso preoccuparmi delle conseguenze sociali derivanti da quello che faccio. Come competitor io devo competere per vincere. Come essere umano, sono preoccupato per la società in cui vivo.”

Giornalista: “Con quale Soros sto parlando ora? Quello immorale o quello morale?”

Soros: “E’ la stessa persona. È la stessa persona, delle volte, impegnata in attività immorali e che nel resto del tempo prova ad essere morale.”

NO COMMENT!

Soros: la moralità intermittente

#Soros ci parla della sua moralità intermittente.E a ben guardare come va il mondo, risulta chiaro il motivo per cui l'abbiano nominato Uomo dell'Anno.(https://m.facebook.com/story.php?story_fbid=2116826221710884&id=146055288787997)Pietro Ratto – BoscoCeduo.it

Pubblicato da BoscoCeduo – La pagina di Pietro Ratto su Domenica 23 dicembre 2018

Riferimenti: https://www.ilsole24ore.com/art/george-soros-persona-dell-anno-perche-scelta-financial-times-AE0ODN2G

Rivisto da Conoscenzealconfine.it

Fonte: https://www.facebook.com/BoscoCeduo/videos/2265917950098443/

Libri e varie...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *