Sempre meno Liberi, sempre più Controllati, sempre più Malati…

Un appello disperato di medici, scienziati e ricercatori dal titolo “Il 5G è un crimine contro l’umanità, fermatelo sia dalla terra che dallo spazio!” fu inviato nell’anno 2018 alle organizzazioni ONU, OMS, Consiglio dell’Unione Europea ed ai vari Governi Nazionali.

https://www.tecnoandroid.it/wp-content/uploads/2019/11/5G-radiazioni-killer.jpg

L’appello riportava le seguenti parole: “Le società di telecomunicazioni di tutto il mondo, con il supporto dei governi, entro i prossimi due anni dovrebbero implementare la rete wireless di quinta generazione (5G). Sarà un cambiamento sociale senza precedenti su scala globale. Avremo case ‘intelligenti’, imprese ‘intelligenti’, autostrade ‘intelligenti’, città ‘intelligenti’ e auto a guida autonoma.

Praticamente tutto ciò che possediamo e compriamo, dai frigoriferi alle lavatrici, dai cartoni per il latte, dalle spazzole per i capelli e i pannolini per bambini, conterrà antenne e microchip e sarà connesso in modalità wireless a Internet. Ogni persona sulla Terra avrà accesso immediato a comunicazioni wireless ad altissima velocità, anche nelle foreste pluviali, nel mezzo dell’oceano e nell’Antartico.

Se i piani del settore delle telecomunicazioni per il 5G si realizzeranno, nessuna persona, nessun animale, nessun uccello, nessun insetto e nessuna pianta sulla Terra sarà in grado di evitare l’esposizione, 24 ore al giorno, 365 giorni all’anno, a livelli di radiazione a radiofrequenza che saranno decine o centinaia di volte più intensi di quanto irradiato oggi, senza alcuna possibilità di fuga da nessuna parte sul pianeta“.

Voci allarmanti dal mondo della scienza

Dagli USA, arriva l’intervista shock di Martin Pall, professore emerito di biochimica della Washinghon State University di Portland. Il professor Pall, noto per essere tra i più accreditati studiosi al mondo di elettrosensibilità ed interazioni uomo-campi elettromagnetici ha detto:Prevedo grandi catastrofi ecologiche e incendi, perché le piante soggette ai campi elettromagnetici sono più infiammabili. Possiamo essere certi che il 5G comporterà un numero di pulsazioni di gran lunga maggiore dei campi elettromagnetici attuali. Si tratterà di pulsazioni particolarmente potenti e rischiose. Potremmo avere vaste epidemie e vedere l’insorgere di 4 tipi di cecità: cataratta, distacco della retina, glaucoma e degenerazione maculare. Ci si aspetta inoltre danni ai reni. Se il 5G sarà realizzato secondo i piani stabiliti, tra 5 o 7 anni l’umanità sarà estinta“.

Collegamento tra Covid-19 e 5G: sono davvero tutte fake news?

Se non ti è ancora chiaro che il 5G sia un crimine contro l’umanità, veniamo anche a questa ulteriore considerazione. Sempre il Prof. Martin Pall spiega il possibile nesso Coronavirus-5G, focalizzandosi sulla molecola proteica del canale di calcio (VGCC), le cui eliche agiscono come sensore di tensione ai cambiamenti elettrici attraverso la membrana plasmatica. E’ stato dimostrato che le frequenze esacerbino la replicazione virale, la diffusione o la letalità della malattia!

Un altro studio compiuto da Ronald Neil Kostoff, laureato all’Università di Princeton in Scienze Aerospaziali e Meccaniche, autore di oltre 200 articoli peer-reviewed (tra cui lavori su Parkinson, Sclerosi Multipla, Alzheimer e SARS) e ricercatore impegnato a monitorare i pericoli delle irradiazioni elettromagnetiche, affronta direttamente i pericoli del wireless associandoli all’esacerbazione della pandemia di Coronavirus.

Secondo Kostoff, con l’irradiazione permanente e ubiquitaria dell’elettrosmog, ci troviamo a vivere nel più grande esperimento medico non etico della storia dell’umanità, considerato che nessuno ha espresso il proprio consenso a far parte di un test planetario condotto a cielo aperto, con un vero e proprio bombardamento multi-frequenziale permanente.

Parlando di elettrosmog, pandemie e Coronavirus, citando come riferimento bibliografico ben 38 studi internazionali, Kostoff dichiara poi come sia ormai comprovato il fatto che il wireless abbassi le naturali difese del sistema immunitario, esponendo maggiormente le persone – evidentemente già accerchiate da altri agenti ambientali immuno-neurotossici – all’esposizione di virus e malattie.

E il Coronavirus, come già successo sempre in Cina con la SARS, non sarebbe altro che l’ennesima riprova della vulnerabilità di un organismo indebolito, anche e soprattutto dalla pericolosa sommatoria di 5G, 4G, 3G, 2G e Wi-Fi.

Riferimenti: https://oasisana.com

Rivisto da Conoscenzealconfine.it

Fonte: https://www.wildnaturesoul.com/it/5g-crimine-contro-lumanita/

Libri e varie...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *