Segre Critica Governo Meloni: “Coi No Vax sarei stata Molto più Severa”

di Cesare Sacchetti

La senatrice a vita Liliana Segre ha parlato a Napoli contro l’attuale governo per la scelta di reintegrare in anticipo i sanitari non vaccinati.

La domanda è questa: come può chi è stato vittima di persecuzioni razziali durante la seconda guerra mondiale augurarsi che altri cittadini vengano discriminati ed emarginati in base agli stessi identici principi che portarono alle discriminazioni degli anni 40?

Chi dovrebbe essere un esempio per testimoniare di non ripetere quanto accaduto in passato, è diventato paradossalmente il modello per coloro che hanno replicato tali discriminazioni infami nel presente.

Liliana Segre non esisteva fino a 6-7 anni fa. I media mainstream l’hanno letteralmente catapultata alla ribalta nazionale non tanto per la storia della sua persecuzione, ignorata dagli stessi media fino a pochi anni prima.

Occorreva un “simbolo” da poter scagliare contro i sovranisti e contro coloro che erano e sono saturi del degrado nel quale il liberalismo ha trascinato l’Italia. Attraverso tale simbolo, chiunque osasse e osi criticate le parole di Liliana Segre, anche le più vergognose, veniva e viene bollato con la falsa accusa di antisemitismo.

A questo serve Liliana Segre… A null’altro.

Articolo di Cesare Sacchetti

Fonte: https://t.me/cesaresacchetti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.