Se l’inquinamento raggiunge il cervello…

di Dario Scacciavento

L’Alzheimer e altre malattie neurologiche si spiegherebbero con l’accumulo di metalli pesanti nel nostro cervello. Lo spiega uno studio sulle nanoparticelle ritrovate nei tessuti cerebrali di chi abita nelle città inquinate.

Inquinamento ambientale e danni al cervello

L’inquinamento continua a mietere vittime e a farci ammalare. Una morte su quattro a livello mondiale è causata da fattori di rischio ambientale. Sono 12,6 milioni le morti attribuibili all’inquinamento ambientale. Solo in Europa, nel 2012, l’inquinamento ha provocato 1,4 milioni di decessi prematuri.

Gli scienziati continuano a indagare i rapporti tra inquinamento e malattie degenerative, e scoprono verità sempre più inquietanti. Il ferro ed altri metalli contenuti nei gas di scarico delle auto, una volta respirati possono infatti raggiungere il cervello. Lo ha scoperto uno studio dell’università di Lancaster, pubblicato dalla rivista Pnas, che ha trovato nei campioni analizzati le stesse particelle che alcuni studi legano alla comparsa dell’Alzheimer.

I ricercatori hanno analizzato campioni di tessuto cerebrale di 37 persone: 29 abitanti di Città del Messico, una delle città più inquinate al mondo, di età tra 3 e 85 anni, e il resto di residenti a Manchester, di età compresa tra 62 e 92 anni, in alcuni casi malati di patologie neurodegenerative.

Tutti contenevano grandi quantità di nano-particelle di ossidi di ferro, della stessa forma sferica di quelle che si creano con la combustione, mentre quelle derivanti dal ferro presente naturalmente nell’organismo hanno forma di cristalli. Inoltre, in misura minore sono state trovate tracce di altri metalli, come il platino, contenuti nelle marmitte catalitiche. “E’ estremamente preoccupante – ha commentato Barbara Maher, l’autrice principale dello studio. Quando si studia il tessuto si vedono le particelle distribuite fra le cellule, e quando si fa l’estrazione, ci sono milioni di particelle in un singolo grammo di tessuto. Sono un milione di opportunità di creare danno. Queste sostanze sono un pericolo per la salute, per patologie come l’Alzheimer”.

Articolo di Dario Scacciavento

Fonte: http://www.terranuova.it/News/Crescita-interiore/Se-l-inquinamento-raggiunge-il-cervello

Libri e varie...

Come Difendersi dai Metalli Pesanti

di Luca Fortuna

COME DIFENDERSI DAI METALLI PESANTI
di Luca Fortuna

Il numero di persone che soffre di intolleranza o di intossicazione da minerali
è in continuo e costante aumento. Se è vero che i metalli sono
essenziali per il nostro metabolismo, finché sono presenti nelle giuste
quantità, è altrettanto vero che il loro accumulo provoca danni molto
seri: un eccesso di rame è responsabile di cefalee e mal di testa
recidivanti; il cadmio provoca una scarsa mobilità degli spermatozoi e
sterilità maschile; cromo, berillio, arsenico, vanadio, rame e nichel,
sono genotossici, causano mutazioni nel DNA, favorendo l'insorgenza dei
tumori.
I metalli tossici, non essendo biodegradabili, penetrano in maniera
insidiosa nel nostro organismo attraverso cibi, bevande, cosmetici,
vestiti, vernici e altri prodotti di uso quotidiano; l'aria, l'acqua e
la terra sono veicoli di trasmissione.
La conoscenza dei metalli pesanti, dei pericoli connessi alla loro
esposizione, dei sintomi che sono comunemente associati, delle analisi
da effettuare, delle terapie necessarie per rimuoverli e delle norme
comportamentali per ridurre i rischi di accumulo, è di fondamentale
importanza per preservare al meglio lo stato di benessere psico-fisico.
Il libro è diviso in due parti, una prima panoramica generale sui
metalli pesanti, le fonti, il loro ruolo biochimico e le indicazioni su
come difendersi dall'intossicazione; una seconda dedicata alle schede
dei singoli metalli pesanti, ai loro utilizzi, agli effetti che
producono sul corpo e sull'ambiente e a come difendersi dalla loro
azione nociva....

Zeolith Med - Detox - Zeolite in Polvere

120 g - 40 giorni di trattamento

ZEOLITH MED - DETOX - ZEOLITE IN POLVERE
120 g - 40 giorni di trattamento

Lo specialista nella disintossicazione quando si è fuori casa
 per la disintossicazione naturale
 tramite il legame di mercurio, piombo, cadmio, ammonio e istamina
 Zeolite MED® è un bioregolatore naturale per tutta la famiglia a scopo di prevenzione, di terapia e accompagnamento della cura
 Zeolite MED ® è facile da usare è ben tollerato dall'organismo grazie ai suoi composti naturali.
 Tramite il legame (adsorbimento) di ammonio, metalli pesanti (mercurio, piombo, cadmio) e istamina, così come grazie all'effetto ostacolante della crescita di batteri (Pseudomonas aeruginosa, Escherichia coli, Staphylococcus aureus) e funghi (Candida albicans, Aspergillus brasiliensis)
 Zeolite MED® può essere usato per alleggerire il carico del fegato tramite la detossicazione del tratto intestinale.
 Indicazione terapeutica Zeolite MED® può essere utilizzato per la prevenzione e l'alleviamento dei sintomi relativi alle seguenti patologie:
 
 - Allergie
  p.es. Rinite allergica, Vomito, Diarrea, Congiuntivite, Dermatite atopica, Dermatite da contatto, Orticaria, Asma
 
 - Intolleranze alimentari
  p. es. Sindrome del Leaky Gut
 
 - Intolleranza all'Istamina
  p.es. Problemi di digestione, Mal di testa, Stati di esaurimento, Eritema, Prurito, Eczema, Problemi di respirazione, Edema
 
 - Malattie del fegato
  p.es. Burnout, Depressioni, Disturbi del sonno, Epatite, Steatosi epatica, Cirrosi epatica
 
 - Malattie della parte alta degli organi digestivi
  p.es. Infiammazioni nella bocca e gola, Disturbi cronici di stomaco, Bruciore di stomaco
 
 - Malattie causate da inquinamento di metalli pesanti
  p.es. Malattie neurodegenerative, Sterilità, Ipertensione, Aritmie cardiache, Depressione
 
 Per l'alleggerimento dopo terapie di antibiotici o chemioterapie
  Regolarità, Frequenza e Tempi d'utilizzo  Modo d'uso: un cucchiaino mezzo bicchiere d'acqua, un quarto d'ora lontano dai pasti due o tre volte al di 

 La regolarità nell'utilizzo influenza l'efficacia, mentre interruzioni la possono diminuire.
 Individuate semplicemente qui sotto l'arco di tempo adatto a voi.
 Secondo Karl Hecht, Dr. med. Dr. med. abil. Prof. per Neurofisiologia emerito Prof. per fisiologia sperimentale e clinico patologica alla Charité / Università di Humbold di Berlino, si consigliano le seguenti ore del giorno:
 
 - ore 6 – 8
 - ore 13 – 15
 - ore 18 – 20
 - per la cura notturna: ore 22
  Dosaggio e Durata del trattamento Se non diversamente prescritto dal vostro terapeuta, una cura dovrebbe coprire almeno un arco di 40 giorni o anche di più. Vi preghiamo di iniziare con una frequenza di utilizzo di una volta al giorno.
 
 - per il dosaggio giornaliero consultare il proprio medico
  In caso di necessità potete aumentare lentamente la frequenza fino a due, al massimo tre volte al giorno.
 Nel caso di trattamento di bambini siete pregati di consultare il vostro terapeuta prima di utilizzare Zeolite MED® in dosaggio adeguato.
 Interazione con altri medicinali Dopo l'assunzione di medicinali si consiglia di rispettare un intervallo di tempo di almeno due ore. Evitare bibite alcoliche o contenenti caffeina e acidi come succo di pompelmo, arance, limone e ananas.
 Effetti collaterali
 Raramente si possono manifestare forme di stitichezza, come conseguenza dell'assunzione di una dose insufficiente di liquidi. Questo effetto dipende dal dosaggio e può essere evitato tramite un rifornimento sufficiente di liquidi e la riduzione del dosaggio. In caso di stitichezza si consiglia di aumentare il rifornimento di liquidi e di abbassare il dosaggio e, in caso, di consultare il terapeuta....

Coriandolo - Estratto Idroalcolico

In caso di aerofagia, problemi digestivi, astenia

CORIANDOLO - ESTRATTO IDROALCOLICO
In caso di aerofagia, problemi digestivi, astenia

  In caso di aerofagia, problemi digestivi, astenia

Consigli d'uso: 3-4 gocce  per ogni 10 kg di peso in un bicchiere di acqua 2/3 volte al giorno

L'estratto idroalcolico o tintura madre è il modo più antico e conosciuto di conservare e utilizzare le proprietà delle piante.
Il suo utilizzo è consigliato nei disturbi acuti, dove si ottengono buoni risultati in poco tempo.
Estrarre le virtù delle piante con alcool biologico e acqua vitalizzata (sistema Cosmoonda) permette ai nostri preparati di essere meglio assimilati dal sistema energetico corpo e di intervenire in modo profondo ed efficace.
Per offrirvi come sempre il meglio raccogliamo le piante a mano e solo nel periodo balsamico e negli orari di massima forza vitale. Appena raccolte le mettiamo a macerare in alcol biologico e acqua vitalizzata per almeno tre settimane. Durante il periodo di macerazione, l'estratto è scosso regolarmente per migliorare il processo estrattivo.
L'Estratto idroalcolico è ideale per stimolare le forze dell'organismo in modo veloce ed incisivo.
Come si usano
Noi consigliamo gli estratti idroalcolici principalmente quando l'organismo ha bisogno di uno stimolo forte per superare un disturbo acuto. Negli altri casi normalmente si ottengono risultati migliori con i gemmoderivati.
Dosaggio: Consigliamo 3-4 gocce per ogni 10 Kg di peso in mezzo bicchiere d'acqua, da 2 a 4 volte al giorno. I momenti migliori sono la mattina a digiuno e la sera prima di coricarsi oppure 5-10 minutti prima dei pasti.
Un altro buon metodo di assunzione è di sciogliere 8-12 gocce per ogni 10 kg di peso corporeo in un litro d'acqua e berla a sorsi nella giornata, lontano dai pasti.
In caso di assunzione prolungata consigliamo di prendere il prodotto solo per 5 giorni della settimana e fare 2 giorni di pausa.
Avvertenza: Non usare il prodotto in presenza di un allergia a uno degli ingredienti (alcol e la relativa pianta). Un'allergia solo al polline della pianta non costituisce controindicazione....

Disintossicarsi dai Metalli Pesanti

La guida completa per difendersi da un killer silenzioso

di Carla Massidda

DISINTOSSICARSI DAI METALLI PESANTI - LIBRO
La guida completa per difendersi da un killer silenzioso
di Carla Massidda

Un manuale completo sui pericoli dei metalli pesanti: quali cibi e prodotti evitare e quali invece ricercare, come riconoscere ed evitare il pericolo, come vivere meglio.
Ogni giorno insieme al cibo ingeriamo minime dosi di metalli pesanti, che insieme a quelle presenti nell'aria inquinata e nei prodotti (cosmetici, saponi…) che utilizziamo possono raggiungere una soglia pericolosa per il benessere dell'organismo, provocando intolleranze e allergie.
Ma se il cibo è la principale causa del problema, è ancora il cibo quello che ci può aiutare, se sappiamo di quali alimenti fidarci.
Proprio questo insegna il testo di Carla Massidda, comprensivo di una parte analitica, in cui si spiega dove sono presenti i metalli che ci intossicano, e di una parte pratica, che insegna come fare per aiutare il nostro corpo a liberarsene, depurarsi e disintossicarsi.
Utili elenchi e tabelle aiutano a ricordare le sostanze da evitare e ci indicano le informazioni da controllare sulle etichette prima di acquistare i prodotti.
Dalla quarta di copertina
Negli ultimi decenni si è dedicata un'attenzione crescente agli effetti negativi dell'inquinamento e dell'impiego di sostanze nocive nei processi di produzione industriale.
L'esposizione ai metalli pesanti tocca non solo l'uomo, ma tutto ciò che lo circonda. L'accumulo di essi nel corpo umano è spesso causa di disfunzioni a carico di vari organi, che possono degenerare in patologie talvolta anche molto gravi. Naturalmente non possiamo vivere sotto una campana di vetro, ma possiamo cercare di limitare il danno, riducendo l'esposizione e adottando alcune semplici regole capaci di difenderci da questi killer insidiosi e silenti.
Questo manuale, rivolto a tutti coloro che vogliono migliorare la qualità della propria vita, individua le varie fonti di intossicazione, indica le specifiche alimentari e fitoterapiche utili per disintossicarsi, ed è completato da tre dizionari di agevole consultazione....

Disintossicarsi dai Metalli Pesanti

La guida completa per difendersi da un killer silenzioso

di Carla Massidda

DISINTOSSICARSI DAI METALLI PESANTI
La guida completa per difendersi da un killer silenzioso
di Carla Massidda

Un manuale completo sui pericoli dei metalli pesanti: quali cibi e prodotti evitare e quali invece ricercare, come riconoscere ed evitare il pericolo, come vivere meglio.
Ogni giorno insieme al cibo ingeriamo minime dosi di metalli pesanti, che insieme a quelle presenti nell'aria inquinata e nei prodotti (cosmetici, saponi…) che utilizziamo possono raggiungere una soglia pericolosa per il benessere dell'organismo, provocando intolleranze e allergie. Ma se il cibo è la principale causa del problema, è ancora il cibo quello che ci può aiutare, se sappiamo di quali alimenti fidarci.
Proprio questo insegna il testo di Carla Massidda, comprensivo di una parte analitica, in cui si spiega dove sono presenti i metalli che ci intossicano, e di una parte pratica, che insegna come fare per aiutare il nostro corpo a liberarsene, depurarsi e disintossicarsi. Utili elenchi e tabelle aiutano a ricordare le sostanze da evitare e ci indicano le informazioni da controllare sulle etichette prima di acquistare i prodotti.
Perché si accumulano metalli pesanti nel nostro organismo?
"Il bioaccumulo avviene principalmente attraverso due meccanismi insidiosi.
Nel primo caso, accumuliamo metalli perché il corpo non riesce a detossinarsi autonomamente, a causa di disfunzioni organiche o per sovraesposizione all'allergene.
Nel secondo caso, accumuliamo metalli per un principio di compensazione e adattamento, che si attua quando i minerali vitali scarseggiano e il corpo li sostituisce con il metallo avente funzione simile, collocandolo nei siti di legame degli enzimi e dei sistemi enzimatici.
In questo caso le funzioni vitali e metaboliche procedono, ma gli organi coinvolti non funzionano correttamente e nel tempo alterano le proprie strutture e le funzioni biologiche, fino a degenerare dando origine a svariate patologie. Un esempio è dato dal piombo che sostituisce il calcio nel cervello, il cadmio che sostituisce lo zinco e l'alluminio che sostituisce il magnesio.
Questo meccanismo di compensazione diventa un'arma a doppio taglio, poiché per emergenza, è il nostro stesso organismo che consente l'ingresso ai suoi nemici e li posiziona proprio nelle componenti più vitali e indispensabili."...

Organic Chlorella - 300 Compresse

Clorella organica - no ogm - senza glutine - vegan

ORGANIC CHLORELLA - 300 COMPRESSE
Clorella organica  -  no ogm - senza glutine - vegan

Integratore a base di Chlorella, 
microalga verde unicellulare di acqua dolce
 ricchissima di clorofilla. 

E' proprio la clorofilla, di cui l'alga Chlorella è in assoluto il cibo più ricco, ad agire profondamente nelle dinamiche di disintossicazione dell'organismo, pulizia dell'intestino e risanamento della flora batterica, eliminazione di residui tossici (insetticidi, concimi chimici e metalli pesanti) dal fegato e dai tessuti.
Migliora inoltre le condizioni dei diabetici e degli asmatici, rivitalizza il sistema vascolare migliorando le vene varicose, favorisce la cicatrizzazione dei tessuti (ottima dunque anche in caso di ulcere o emorroidi), elimina gli odori dal corpo, riduce il dolore da infiammazioni e permette l'assorbimento del calcio.
Ideale in menopausa. Molto ricca di ferro (consigliata nelle anemie e per regolarizzare il flusso mestruale), zinco, zolfo, fosforo ed altri minerali come il magnesio.
Efficace nel trattamento delle affezioni respiratorie, sinusite, rinite, mal di gola, tonsille infiammate.
Il sistema speciale di rompere la parete cellulare a bassa temperatura e in condizioni di illuminazione scarsa, consente ai nutrienti (proteine, Betacarotene o vitamina A, vitamine del gruppo B anche la B12 tanto difficile da recuperare in natura, vitamina C, vitamina E, clorofilla) di rimanere intatti e disponibili per l'assorbimento.
Come risultato, assumendo giornalmente Organic Chlorella, si avverte un miglioramento della salute globale e del benessere, un aumento dell'energia, un potenziamento del sistema immunitario, inoltre favorisce la disintossicazione.
Ingredienti 100% Clorella di coltivazione biologica.
Non contiene sale, coloranti, conservanti, glutine, soia, grano, lieviti, OGM, ingredienti di origine animale.
 La confezione da 300 compresse sono di 200 mg cadauna
- Suggerimenti per il consumo: Non somministrare al di sotto dei 12 anni di età e in caso di gravidanza o allattamento.

Dose consigliata - etichetta italiana: assumere 15 tavolette da 200 mg al giorno ( pari a 3 g)...
LA TERAPIA CHELANTE - LIBRO
Disintossicarsi dai Metalli Tossici
di Fiamma Ferraro

Un metodo scientificamente provato per prevenire gli effetti nocivi dei metalli pesanti e delle tossine presenti nell'ambiente e curare i danni da essi provocati alla nostra salute
Per la prima volta un libro che parla in maniera completa della Terapia Chelante. Questa efficace e scientificamente provata terapia ha la scopo di disintossicare il nostro organismo dall'accumulo di metalli pesanti e tossici.
L'inquinamento di questo tipo è infatti sempre più profondo: dall'aria all'acqua, dai cibi alle otturazione dentali, nell'ambiente in cui viviamo si trovano sempre più particelle per noi nocive. Le tossine che assimiliamo quotidianamente, e che si accumulano nel nostro corpo nel corso degli anni, possono scatenare o aggravare numerose malattie e accelerare il normale processo di invecchiamento.
Come possiamo quindi riconoscere i metalli tossici? Dove si trovano? 
C'è una differenza tra i metalli pesanti e tossici?
Agiscono da soli o abbinati e potenziati da altre sostanze nocive?
Siamo veramente a rischio? Possiamo prevenire le intossicazioni? 
Sono a rischio anche i bambini? Il rischio è uguale per tutti?
Quali sono le manifestazioni cliniche? Esistono test diagnostici?
La dott.ssa Fiamma Ferraro, esperta di terapia chelante, risponderà a tutte queste domande in questa straordinaria opera presentando le misure di prevenzione e le terapie dirette a liberare il nostro corpo del carico di metalli ed altri elementi tossici che tutti, con il passare degli anni, inevitabilmente accumuliamo.
"Viviamo in un mondo tossico, ma non dobbiamo per forza vivere anche in un corpo tossico"
Fiamma Ferraro
Indice
Premessa colloquiale: la realtà non-fantascientifica
Introduzione da non perdere!
Parte Prima - La presenza di metalli tossici e altre tossine nell'ambiente che ci circonda e i problemi da ciò derivanti
- Metalli "pesanti" e "tossici": definizioni e delucidazioni
- Dimensioni di un problema non quantificabile
- Utilizzi e ubiquità dei metalli tossici
- "Chi bella e profumata vuole apparire, deve soffrire"… triste ma vero
- Intossicazioni da metalli tossici nella storia… che continua
- Esposizioni occupazionali
- Metalli tossici killer: colpevoli o innocenti? Cosa ci dimostra la letteratura scientifica?
- Danni per la salute derivanti dalla presenza di metalli tossici nell'ambiente

Parte Seconda - I "protagonisti": metalli tossici e altre tossine
- I metalli tossici: eccone alcuni
- La doppia faccia dei metalli pesanti
- Sostanze chimiche nocive
- La radioattività

Parte Terza - Sintomatologia e problematiche attribuibili a intossicazioni croniche da metalli tossici
- Sintomi e diagnosi potenzialmente riconducibili a un'intossicazione cronica da metalli tossici
- Meccanismi di tossicità
- Alcuni problemi di salute in cui potrebbe essere notevole il ruolo dei metalli
- I metalli tossici sono come il prezzemolo e certi politici
- La psiconeuroimmunologia
- Filo conduttore di sintomi vaghi e aspecifici
- Sintomatologia e problematiche da intossicazioni croniche da metalli tossici in età pediatrica
- Test per diagnosticare un'intossicazione cronica da metalli tossici

Parte Quarta - Il trattamento delle intossicazioni da metalli tossici: la terapia chelante
- La chelazione
- La storia della terapia chelante: l'EDTA
- TERAPIA CHELANTE
- Terapia chelante con EDTA
- Altre forme di somministrazione di EDTA
- Notizie più recenti sull'EDTA
- Sostanze chelanti sintetiche diverse dall'EDTA
- Agenti naturali con effetto chelante
- Sostanze naturali chelanti con effetto più blando
- La sudorazione: disintossicazione e chelazione per via diretta verso l'esterno
- Ideazione di un protocollo chelante personalizzato e valutazione delle modalità terapeutiche
- Quali potrebbero essere i sintomi attribuibili a una terapia chelante/disintossicante?
- Quale dovrebbe essere il ruolo di un buon medico, sia per gli adulti che per i bambini?

Parte Quinta - Riflessioni, consigli e conclusioni
- I puntini sulle "i": chi potrebbe trarre beneficio da una terapia chelante?
- La prevenzione viene prima della cura: è possibile evitare i metalli tossici?
- Consigli pratici per la quotidianità

Ulteriori riferimenti scientifici e bibliografici
Indice analitico
L'Autrice
Anteprima "La Terapia Chelante" di Fiamma Ferraro
L'esposizione ai metalli tossici viene generalmente classificata in base alla sua durata in giorni.
Le modalità che l'esposizione così definita può assumere sono:
- acuta — da 1 a 14 giorni 
- intermedia — da 15 a 354 giorni 
- cronica — maggiore di 365 giorni
Continua a leggere: > Anteprima "La Terapia Chelante" di Fiamma Ferraro
Estratto dal libro "La Terapia Chelante" di Fiamma Ferraro
Ssono rimasta esterrefatta quando, vedendo una mia amica-compagna di studi medici all'Università che dava al suo bambino numerose compresse contro l'acidità di stomaco, le avevo chiesto: "Ma lo sai che queste compresse contengono alluminio?" e mi ero sentita rispondere: "E allora? Che problema c'è?".
Si è trattato dell'ultima goccia che mi ha indotta a sacrificare numerose nottate
 per riuscire a scrivere presto questo libro!
Ebbene, proprio questo testo potrebbe riservarvi delle brutte sorprese, in quanto non solo i metalli tossici si trovano anche nei posti più insospettati e inimmaginabili, ma possono aggravare, se non addirittura causare, un gran numero di malattie.
Grazie al cielo ci sono comunque dei modi per difendersi, e questo libro vi spiegherà come prevenire, limitare e trattare i danni da metalli tossici e altri veleni diffusi nell'ambiente.
Per continuare a leggere clicca qui: > Estratto dal libro "La Terapia Chelante"...

La Terapia Chelante

Disintossicarsi dai Metalli Tossici

di Fiamma Ferraro

Un metodo scientificamente provato per prevenire gli effetti nocivi dei metalli pesanti e delle tossine presenti nell'ambiente e curare i danni da essi provocati alla nostra salute

Per la prima volta un libro che parla in maniera completa della Terapia Chelante. Questa efficace e scientificamente provata terapia ha la scopo di disintossicare il nostro organismo dall'accumulo di metalli pesanti e tossici.

L'inquinamento di questo tipo è infatti sempre più profondo: dall'aria all'acqua, dai cibi alle otturazione dentali, nell'ambiente in cui viviamo si trovano sempre più particelle per noi nocive. Le tossine che assimiliamo quotidianamente, e che si accumulano nel nostro corpo nel corso degli anni, possono scatenare o aggravare numerose malattie e accelerare il normale processo di invecchiamento.

Come possiamo quindi riconoscere i metalli tossici? Dove si trovano?
C'è una differenza tra i metalli pesanti e tossici?

Agiscono da soli o abbinati e potenziati da altre sostanze nocive?

Siamo veramente a rischio? Possiamo prevenire le intossicazioni?
Sono a rischio anche i bambini? Il rischio è uguale per tutti?

Quali sono le manifestazioni cliniche? Esistono test diagnostici?

La dott.ssa Fiamma Ferraro, esperta di terapia chelante, risponderà a tutte queste domande in questa straordinaria opera presentando le misure di prevenzione e le terapie dirette a liberare il nostro corpo del carico di metalli ed altri elementi tossici che tutti, con il passare degli anni, inevitabilmente accumuliamo.

"Viviamo in un mondo tossico, ma non dobbiamo per forza vivere anche in un corpo tossico"
Fiamma Ferraro

Indice

Premessa colloquiale: la realtà non-fantascientifica

Introduzione da non perdere!

Parte Prima - La presenza di metalli tossici e altre tossine nell'ambiente che ci circonda e i problemi da ciò derivanti

  • Metalli "pesanti" e "tossici": definizioni e delucidazioni
  • Dimensioni di un problema non quantificabile
  • Utilizzi e ubiquità dei metalli tossici
  • "Chi bella e profumata vuole apparire, deve soffrire"… triste ma vero
  • Intossicazioni da metalli tossici nella storia… che continua
  • Esposizioni occupazionali
  • Metalli tossici killer: colpevoli o innocenti? Cosa ci dimostra la letteratura scientifica?
  • Danni per la salute derivanti dalla presenza di metalli tossici nell'ambiente

Parte Seconda - I "protagonisti": metalli tossici e altre tossine

  • I metalli tossici: eccone alcuni
  • La doppia faccia dei metalli pesanti
  • Sostanze chimiche nocive
  • La radioattività

Parte Terza - Sintomatologia e problematiche attribuibili a intossicazioni croniche da metalli tossici

  • Sintomi e diagnosi potenzialmente riconducibili a un'intossicazione cronica da metalli tossici
  • Meccanismi di tossicità
  • Alcuni problemi di salute in cui potrebbe essere notevole il ruolo dei metalli
  • I metalli tossici sono come il prezzemolo e certi politici
  • La psiconeuroimmunologia
  • Filo conduttore di sintomi vaghi e aspecifici
  • Sintomatologia e problematiche da intossicazioni croniche da metalli tossici in età pediatrica
  • Test per diagnosticare un'intossicazione cronica da metalli tossici

Parte Quarta - Il trattamento delle intossicazioni da metalli tossici: la terapia chelante

  • La chelazione
  • La storia della terapia chelante: l'EDTA
  • TERAPIA CHELANTE
  • Terapia chelante con EDTA
  • Altre forme di somministrazione di EDTA
  • Notizie più recenti sull'EDTA
  • Sostanze chelanti sintetiche diverse dall'EDTA
  • Agenti naturali con effetto chelante
  • Sostanze naturali chelanti con effetto più blando
  • La sudorazione: disintossicazione e chelazione per via diretta verso l'esterno
  • Ideazione di un protocollo chelante personalizzato e valutazione delle modalità terapeutiche
  • Quali potrebbero essere i sintomi attribuibili a una terapia chelante/disintossicante?
  • Quale dovrebbe essere il ruolo di un buon medico, sia per gli adulti che per i bambini?

Parte Quinta - Riflessioni, consigli e conclusioni

  • I puntini sulle "i": chi potrebbe trarre beneficio da una terapia chelante?
  • La prevenzione viene prima della cura: è possibile evitare i metalli tossici?
  • Consigli pratici per la quotidianità

Ulteriori riferimenti scientifici e bibliografici
Indice analitico
L'Autrice

Anteprima "La Terapia Chelante" di Fiamma Ferraro

L'esposizione ai metalli tossici viene generalmente classificata in base alla sua durata in giorni.

Le modalità che l'esposizione così definita può assumere sono:

- acuta — da 1 a 14 giorni 
- intermedia — da 15 a 354 giorni 
- cronica — maggiore di 365 giorni

Continua a leggere: > Anteprima "La Terapia Chelante" di Fiamma Ferraro

Estratto dal libro "La Terapia Chelante" di Fiamma Ferraro

Ssono rimasta esterrefatta quando, vedendo una mia amica-compagna di studi medici all'Università che dava al suo bambino numerose compresse contro l'acidità di stomaco, le avevo chiesto: "Ma lo sai che queste compresse contengono alluminio?" e mi ero sentita rispondere: "E allora? Che problema c'è?".

Si è trattato dell'ultima goccia che mi ha indotta a sacrificare numerose nottate
per riuscire a scrivere presto questo libro!

Ebbene, proprio questo testo potrebbe riservarvi delle brutte sorprese, in quanto non solo i metalli tossici si trovano anche nei posti più insospettati e inimmaginabili, ma possono aggravare, se non addirittura causare, un gran numero di malattie.

Grazie al cielo ci sono comunque dei modi per difendersi, e questo libro vi spiegherà come prevenire, limitare e trattare i danni da metalli tossici e altri veleni diffusi nell'ambiente.

Per continuare a leggere clicca qui: > Estratto dal libro "La Terapia Chelante"

...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*