Rigenera il fegato con il Cardo Mariano

Il Cardo Mariano libera da scorie e tossine il nostro organismo quando è affaticato e rinnova i tessuti logorati dagli eccessi di cibo.

Questa bella pianta delle “Composite”, usata fin dal Medioevo, deve il suo nome a una tenera leggenda: le macchie bianche che costellano le foglie inferiori, disposte a stella, sarebbero state formate dalle gocce di latte cadute dal seno della Madonna mentre allattava il piccolo Gesù.

Il cardo mariano cresce ovunque nel bacino mediterraneo, svettando i fiori piumosi color ametista sul lungo gambo fibroso. Usato fin dall’Alto Medioevo, il cardo mariano entra in tutti gli erbari come rimedio per le fitte al cuore e all’addome, contro le emorragie e i crampi infantili.

Il suo regno è però quello dei disturbi epatici, grazie a un componente attivo, la “silimarina”, che stimola il rinnovamento dei tessuti del fegato e si dimostra efficacissima anche negli avvelenamenti acuti causati dai funghi velenosi. Il suo effetto rigenerante sul fegato rende il cardo mariano prezioso, soprattutto nei mesi freddi così faticosi per l’organismo.

A chi serve il cardo mariano

  • a chi soffre di cirrosi o epatite;
  • durante o dopo l’assunzione prolungata di farmaci di sintesi;
  • a chi consuma molto alcool;
  • ai fumatori irriducibili.

Come si usa il cardo mariano

Prendi 20 gocce di tintura madre di cardo cariano tre volte al giorno, mezz’ora prima dei pasti. Nei disturbi cronici del fegato, meglio evitare la tintura alcolica e sostituirla con le capsule di estratto secco. Oppure con una tazza di decotto, da prendere dopo i pasti: far bollire 10 g di cardo mariano (pianta intera) in 200 g d’acqua per 10 minuti. Filtrare e bere subito.

Il cardo mariano è benefico anche per il pancreas

Tra le varie specie di cardi, ce n’è una che entra in cucina, la “Cynara Cardunculus”. Popolarissimo in Piemonte, dove è protagonista della bagna caoda, questo gustoso ortaggio dai fusti carnosi, di sapore simile al carciofo, ma più delicato, condivide con i suoi parenti selvatici i benefici effetti su fegato e pancreas.

Chi non soffre di particolari disturbi ma vuole dare una sferzata d’energia ai suoi organi può inserirlo nella dieta, al posto del cardo mariano. Lo si cucina in vari modi: brasato, stufato, impanato a mo’ di cotoletta vegetale o nella classica versione piemontese, risulta sempre delizioso.

Fonte: https://www.riza.it/benessere/erbe-e-fitoterapia/2664/rigenera-il-fegato-con-il-cardo-mariano.html

Libri e varie...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *