Quando il dono diventò la base dell’economia

di Marino Niola

Chi fa regali alla fine ci guadagna sempre… e non solo in gratitudine. Perché il dono è un investimento sul futuro. Un contratto a lungo termine. 

A insegnarcelo non è stato nessun guru dell’economia, ma gli aborigeni delle isole Trobriand, che del dare a piene mani, hanno fatto un’arte della convivenza, nonché la base della loro dottrina politica. Anticipando, e di fatto ispirando, le teorie contemporanee del convivialismo e dell’antiutilitarismo.


Bronislaw MalinowskiA scoprire i segreti di questa economia della generosità è stato, giusto un secolo fa, Bronislaw Malinowski, il celebre antropologo polacco,
professore alla London School of Economics, che, per uno scherzo del destino, si trovava in Australia per studiare gli aborigeni, quando scoppiò la prima guerra mondiale. Come suddito dell’impero austroungarico, e quindi cittadino di un paese nemico, gli sarebbe toccato l’internamento in un campo. Ma il giovane Bronislaw riuscì a convincere le autorità australiane a confinarlo nell’arcipelago delle Trobriand, oggi isole Kiriwina, dal quale non c’era pericolo che fuggisse. Ma in compenso avrebbe potuto continuare le sue ricerche sugli usi e costumi delle tribù di questi atolli corallini che si trovano nel Pacifico occidentale, tra la Nuova Guinea e le isole Salomone.

Il 1915 fu un annus horribilis per l’Europa, ma per l’antropologia fu un anno fortunato. Perché appena mise piede su quelle spiagge, dove il vento mormora tra le palme, Malinowski fu subito colpito da un’usanza che ai suoi occhi di occidentale nutrito di economia politica, sembrava priva di qualsiasi logica. Gli indigeni affrontavano traversate oceaniche lunghissime e piene di pericoli a bordo delle loro piroghe per portare doni agli abitanti di isole lontane. Una generosità incomprensibile e un coraggio ai limiti dell’incoscienza, visto che a viaggiare su quelle acque tempestose e infestate di squali era una bigiotteria senza valore. Collane e braccialetti di conchiglia. Cose futili e non beni necessari. E, come se non bastasse, questi monili da poveri venivano regolarmente rigirati da coloro che li avevano ricevuti agli abitanti dell’isola più vicina. Che a loro volta li indossavano un po’ di tempo per farsi belli e poi prendevano il mare per andare a farne omaggio agli abitanti di altre terre. Creando così un circuito di scambi che chiamavano kula.

Aborigene delle Isole Trobriand

Aborigene delle Isole Trobriand


Apparentemente un circolo vizioso per cui il cadeau, prima o poi, finiva per tornare nelle mani del primo proprietario
. Un po’ come certi regali, riciclati di Natale in Natale, che alla fine tornano al mittente come un boomerang. Ma per i Trobriandesi questa sorta di sbolognamento sistematico era un valore aggiunto. Perché ogni passaggio di mano in mano caricava il dono di prestigio. Per dirla con parole nostre, ne impreziosiva il pedigree. Che stava in buona parte in un plusvalore relazionale. Come certi diamanti leggendari di cui si sciorina sistematicamente la cronologia di coloro che li hanno posseduti.

Il caso trobriandese, raccontato da Malinowski nel suo capolavoro “Gli argonauti del Pacifico occidentale”, divenne subito un rompicapo per gli economisti che non riuscivano a trovare senso in un comportamento tanto irrazionale. Così alla fine molti esponenti di questa scienza che noi moderni ci ostiniamo a ritenere esatta – e che i Greci, con maggior prudenza, definivano semplicemente “governo della casa” (da oikos abitazione e nomia regola) – conclusero che si trattava di un’assurdità.

TrobriandesiUn comportamento da tribù primitiva, economicamente immatura che, incapace di calcolare costi e benefici, sprecava il tempo a fare regali, per di più senza guadagnarci nulla. Ma l’imperturbabile polacco non fece una piega e restituì colpo su colpo, sbattendo in faccia agli scettici la soluzione del rebus, l’algoritmo segreto che governava quella strana giostra di regali e regalini. In realtà la ragione di quella fatica, apparentemente inutile, non stava nel valore d’uso degli oggetti, bensì nel loro valore di scambio. Che si fondava soprattutto sulle alleanze e partnership prodotte da quel circuito di reciprocità. Il dono insomma funzionava come un contratto sociale, facendo di tante popolazioni straniere, lontane e potenzialmente nemiche, un vero e proprio sistema, ordinato e coordinato. Una federazione che metteva in moto una rete di relazioni sovralocale. Dalla quale non si usciva mai. Infatti i Trobriandesi dicevano con orgoglio che «l’appartenenza al kula è per sempre».

Questa sorta di mercato globale primitivo era insomma capace di connettere genti e paesi separati da migliaia chilometri di mare, a dispetto dei loro fragili mezzi. Basti pensare che nelle capanne dei cacciatori di teste della Nuova Guinea indonesiana e delle isole Molucche, sono state trovate preziose porcellane cinesi d’epoca Ming. Insomma lo scambio di doni era una pensata geniale per fare uscire quelle isole dal loro isolamento e farne un solo grande arcipelago.

Il che in fondo vale anche per noi, utilitaristi disincantati, quelli che “nessuno ti regala niente per niente”. E si vede chiaramente in momenti come il Natale. Con la sua girandola di doni e controdoni, che non a caso gli americani chiamano big swap, il grande scambio. Un circuito cerimoniale che tiene in equilibrio reciprocità e gratuità, generosità e socialità, obbligo e piacere. Col risultato di riaffermare il principio dell’utile, ma proiettandolo su un piano più generale, e soprattutto meno egocentrico. Perché quel che regaliamo oggi ci verrà restituito in qualche modo con gli interessi. E non necessariamente da chi ha ricevuto.

Come dire che il dono è la forma più sottilmente disinteressata del profitto, perché è l’origine stessa del legame sociale, il gesto primario, incondizionato e gratuito che fa uscire l’individuo da se stesso e lo lega agli altri in una rete che assicura scambio protezione, solidarietà. E di conseguenza anche guadagno. Non è un caso che le religioni nascano tutte da un dono fatto al dio. E che il dio ricambia. Ecco perché, perfino il nostro Natale consumistico, continua ad essere animato da quell’energia collettiva messa in moto dallo spirito del dono. Che anche se per pochi giorni all’anno, fa di quelle isole che noi siamo un solo arcipelago. La pubblicazione dello studio del 1915, ispirò le teorie contemporanee dell’antiutilitarismo.

* L’ANTROPOLOGO Bronislaw Malinowski ( 1884- 1942) pubblicò il saggio “Le isole Trobriand” nel 1915 e nel 1922 “Argonauti del Pacifico occidentale”.

Fonte: http://ricerca.repubblica.it/repubblica/archivio/repubblica/2015/12/17/quando-il-dono-divento-la-base-delleconomia49.html

Libri sull'argomento
 di Jörg Fengler
 di Heinz Grill
 di Jean Finot
Sei Unico! di Mari Ruti
 di Alan Fox
Finalmente ho Perso il Lavoro! di Marco De Biagi
Libri e varie...

Dal Denaro al Donare, l’Anagramma del Cambiamento

Una proposta economica in chiave olistica

di Giovanni Maccioni

DAL DENARO AL DONARE, L’ANAGRAMMA DEL CAMBIAMENTO
Una proposta economica in chiave olistica
di Giovanni Maccioni

Quali sono le cause della crisi economica, ambientale e spirituale della nostra società?
 Partendo dai bisogni dell’uomo e dallo sviluppo della civiltà attraverso economia, tecnologia, cultura e politica, si fa luce sul grande problema presente, ovvero noi stessi e le nostre strutture di pensiero. Questi vincoli mentali ci impediscono di mettere a frutto le nostre potenzialità e quindi di permetterci un balzo evolutivo epocale.
 In queste pagine si propone un sistema basato sul dono e sulle risorse reali, utile per ritrovare ciò che già ci appartiene: benessere, felicità e pace....

Dare è Ricevere, Ricevere è Dare (eBook)

Il significato profondo della Gratitudine e del Donare secondo i più grandi maestri della crescita personale

di Elena Ionita

DARE è RICEVERE, RICEVERE è DARE (EBOOK)
Il significato profondo della Gratitudine e del Donare secondo i più grandi maestri della crescita personale
di Elena Ionita

Una raccolta di frasi sulla Gratitudine e il Donare dagli autori bestseller della crescita personale che hanno venduto milioni di copie nel mondo!
 Oltre al testo l'ebook contiene
 
 - Galleria di immagini: una ricca selezione fotografica accompagna le frasi raccolte
 - Audio delle frasi: per leggere e ascoltare le più belle parole sul Dare e il Ricevere
 - Box di approfondimento: con una breve biografia e link a video degli autori citati
 - 10 wallpapers: da scaricare e usare come sfondo per computer, con le frasi e le immagini più significative della raccolta
 - 2 poster con le più belle frasi dell'ebook: per avere un oggetto da tenere nella zona che preferisci della tua casa o al lavoro, che ti ricordi il valore della Gratitudine e del Donare. Ogni poster misura 70x100 cm ed è nel formato adatto per la stampa di alta qualità
 - Piano del Dare e del Ricevere: un elegante foglio da stampare e compilare ogni mese, inserendo ciò che hai intenzione di dare e ciò che speri di ricevere nel periodo da te scelto
 - Piano del Dare e del Ricevere da regalare: un elegante foglio da stampare e regalare a un'altra persona per comunicarle ciò che le darai e cosa speri di ricevere da lei nel periodo da te scelto
  Elena Ionita, NLP coach e spiritual trainer, raccoglie le frasi più significative sulla Gratitudine e il Donare dei maestri della Legge di Attrazione del pensiero e degli autori bestseller di crescita personale.
 Il segreto di queste frasi - il tuo segreto - è attivare e mantenere vivo il pensiero che porta abbondanza e ricchezza a te e a chi ti sta intorno.
 Qualunque sia la tua condizione attuale, raggiungerai una vita di ricchezza e abbondanza. Quello che ora semini, raccoglierai; la vita che vivrai è quella per cui ora già stai ringraziando e, così facendo, stai creando.
 Perché leggere questo ebook
 
 - Per imparare a costruire un atteggiamento positivo, costruttivo e di autentico amore incondizionato
 - Per capire il valore profondo della Gratitudine e del Donare e portarlo nella tua vita
 - Per avere a portata di mano parole che attivano la Legge di Attrazione del pensiero e conducono verso l'abbondanza, la ricchezza e l'amore
 - Per portare queste frasi e il loro significato a chi ti sta accanto e dare messaggi propositivi di abbondanza e amore
 - Per conoscere gli autori più importanti per la tua crescita personale, autori bestseller di tutti i tempi
  A chi si rivolge l'ebook
 
 - A chi vuole crearsi un progetto di vita che rispecchi i suoi obiettivi
 - A chi desidera raggiungere abbondanza, benessere e ricchezza
 - A chi vuole conoscere il segreto del successo di uomini comuni, diventati uomini e donne di successo come Rhonda Byrne e Anthony Robbins
 - A chi vuole avvicinarsi alle opere dei più noti autori di crescita personale che hanno venduto milioni di copie nel mondo
  C'è un regalo esclusivo per te! Acquista "Dare è Ricevere, Ricevere è Dare (eBook)" e avrai in omaggio:
 Un Poster Digitale in formato JPG - "Un pensiero positivo per i clienti de Il Giardino dei Libri". 
 Riceverai una email con il link da cui scaricare l'omaggio....

Le Fate ci Insegnano... la Generosità

di Aleix Cabrera, Rosa M. Curto

LE FATE CI INSEGNANO... LA GENEROSITà
di Aleix Cabrera, Rosa M. Curto

Una favola dedicata ai valori che arricchiscono la nostra vita, raccontata in modo semplice e delicato, piena di magia e con illustrazioni bellissime.

 Egolina, la protagonista di questo racconto, impara che il possesso delle cose materiali, al quale tanto teneva, è niente, se non si hanno amici e occasioni per condividerle. Allontanare le persone per egoismo, ci rende soli e tristi, ogni cosa è veramente più buona e più bella solo se si può dividere con chi abbiamo vicino: segreti, sogni e sorrisi.
 Al termine del libro, inoltre, trovate tanti approfondimenti, notizie e curiosità sulla natura, i fiori, i frutti e il magico mondo delle fate!
 Età di lettura: da 5 anni....

L'Arte di Dare e Ricevere

Ritrovare il potere di chiedere e il coraggio di donare - Manuale di equilibrio psico-energetico

di Patricia Spadaro

L'ARTE DI DARE E RICEVERE
Ritrovare il potere di chiedere e il coraggio di donare - Manuale di equilibrio psico-energetico
di Patricia Spadaro

L’arte di dare e ricevere esprime il senso di libertà, appagamento ed equilibrio che entrambe queste azioni comportano. La felicità che trasmettono nasce unicamente dal loro essere in equilibrio.
 Grazie agli spunti concreti per sapere quando è il caso di dire no, capire se occorre chiedere aiuto, affrontare i propri sentimenti e imparare a essere “i nostri migliori amici”, L’arte di dare e ricevere porta alla luce le dinamiche alla base di situazioni stagnanti e dimostra come la vera realizzazione di sé risieda nell’armonia da raggiungere nel gioco degli opposti, che in realtà sono solo due facce della stessa medaglia.
 Imparando a riportare equilibrio tra i bisogni personali, quelli della vita, della famiglia e del lavoro, impariamo anche a dare e ricevere, liberando così tutto il nostro potenziale.
 
 - Appagare se stessi onorando i propri bisogni interiori
 - Trovare l’equilibrio e saper porre i giusti limiti
 - Donare se stessi e onorare il proprio cuore
 - Accettare i propri sentimenti e trovare la vera libertà
 - Celebrare se stessi ampliando le proprie possibilità
  La nostra cultura ci insegna che dare agli altri è un dovere, se vogliamo essere visti come persone degne. Al tempo stesso, la vita di oggi ci spinge a un’esistenza superficiale nella quale tutti cercano di prendere il più possibile. In entrambi i casi, si tratta di un sabotaggio che mettiamo in atto contro noi stessi, contro la nostra vita personale, professionale e persino contro la nostra salute.
 Non si tratta dunque di viziarsi o voltare le spalle a chi ci chiede aiuto, ma di sviluppare rispetto verso il proprio sé e, di conseguenza, imparare a dare, comunicando questo rispetto anche agli altri....

I Pawnee

I pacifici indiani delle pianure dei bisonti

di George Hyde

I PAWNEE
I pacifici indiani delle pianure dei bisonti
di George Hyde

L'autore ripercorre la storia dei Pawnee, originari dei territori dell'attuale Oklahoma e stanziatisi fin dal XVII secolo nella regione dell'odierno Nebraska, attraverso le loro tradizioni orali, le  testimonianze e i documenti dei bianchi e le ricerche degli archeologi. Un popolo diverso rispetto alle tribù settentrionali delle pianure, nomadi e guerriere, di Sioux e Cheyenne, che viveva di agricoltura e di caccia in villaggi stabili e con un'organizzazione politica e religiosa alquanto sviluppata.
 I Pawnee appartengono al ceppo culturale e linguistico Caddo, una famiglia di indiani che conduceva un'esistenza parzialmente sedentaria nelle grandi pianure a ovest del fiume Missouri.
  ...

Iniziazione al Mondo degli Aborigeni

di Claretta Orlandi

INIZIAZIONE AL MONDO DEGLI ABORIGENI
di Claretta Orlandi

L'Autrice propone, in chiave fantastica e poetica, il mondo e le leggi che regolavano la vita degli aborigeni australiani. I rappresentanti di questo antico popolo erano pittori, scultori, musicisti e maghi, e basavano la loro esistenza, in modo particolare, sulle leggi dell'amore, del rispetto per i simili e per il territorio.
 "Il cerchio prende perché il punto dà. La materia è ricca se lo spirito è ricco, e lo spirito non accumula e conservca ma dona e condivide. È nello scambio che tutto cresce, fiorisce, si vivifica ...". Lo scopo del saggio è quello di far comprendere che le Leggi Universali, se condivise da tutti gli esseri umani, indipendentemente dal giardino in cui vengono "piantate",danno sempre buoni frutti.
 La speranza è quella di creare nuovi spazi culturali ed ambientali per questa minoranza etnica, degna del più grande rispetto....
DAL DENARO AL DONARE, L’ANAGRAMMA DEL CAMBIAMENTO
Una proposta economica in chiave olistica
di Giovanni Maccioni

Quali sono le cause della crisi economica, ambientale e spirituale della nostra società?
 Partendo dai bisogni dell’uomo e dallo sviluppo della civiltà attraverso economia, tecnologia, cultura e politica, si fa luce sul grande problema presente, ovvero noi stessi e le nostre strutture di pensiero. Questi vincoli mentali ci impediscono di mettere a frutto le nostre potenzialità e quindi di permetterci un balzo evolutivo epocale.
 In queste pagine si propone un sistema basato sul dono e sulle risorse reali, utile per ritrovare ciò che già ci appartiene: benessere, felicità e pace....

Dal Denaro al Donare, l’Anagramma del Cambiamento

Una proposta economica in chiave olistica

di Giovanni Maccioni

Quali sono le cause della crisi economica, ambientale e spirituale della nostra società?

Partendo dai bisogni dell’uomo e dallo sviluppo della civiltà attraverso economia, tecnologia, cultura e politica, si fa luce sul grande problema presente, ovvero noi stessi e le nostre strutture di pensiero. Questi vincoli mentali ci impediscono di mettere a frutto le nostre potenzialità e quindi di permetterci un balzo evolutivo epocale.

In queste pagine si propone un sistema basato sul dono e sulle risorse reali, utile per ritrovare ciò che già ci appartiene: benessere, felicità e pace.

...

Un commento

  1. Ho letto il libro di Malinowski nel corso di un ormai lontano esame di sociologia all’università e da allora la kula mi affascina. È importante per capire che il valore di qualcosa può essere misurato anche in altri modi.
    L’idea che solo il denaro possa misurarlo è una distorsione del nostro sistema!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*