Piacenza, 7 Carabinieri arrestati nella “Caserma degli orrori”: torture e droga

di Valentina Errante

Sette carabinieri arrestati e una caserma sotto sequestro. È un’inchiesta a tratti senza precedenti quella condotta dalla Procura della Repubblica di Piacenza e che ha portato all’emissione di diverse ordinanze di custodia cautelare per i militari di una caserma della Compagnia di Piacenza.

Piacenza, arrestati 7 carabinieri: "Reati impressionanti" - Reggiosera

Almeno sei i militari arrestati, alcuni già in carcere altri agli arresti domiciliari. I reati contestati andrebbero dallo spaccio, all’estorsione fino alla tortura. Ai carabinieri sono state sequestrate ville con piscina, automezzi e conti correnti. Dalle indagini è risultato che i militari avevano un tenore di vita sproporzionato rispetto alle loro possibilità. Un appuntato aveva “atteggiamenti da Gomorra”, raccontano gli inquirenti. Ai domiciliari è finito il comandante della stazione Levante.

Ai sei carabinieri, fa sapere il Comando Generale dell’Arma, è stata “immediatamente disposta la sospensione dall’impiego nei confronti dei destinatari del provvedimento giudiziario, nonché la contestuale valutazione amministrativa dei fatti per adottare, con urgenza, rigorosi provvedimenti disciplinari a loro carico”. Intanto dal comando generale dei carabinieri arriva il “totale sostegno all’autorità giudiziaria”. “I gravissimi episodi oggetto di indagine – aggiunge il comando generale – sono ulteriormente aggravati dall’incommensurabile discredito che gettano sull’impegno quotidianamente assicurato dai carabinieri al servizio dei cittadini e a tutela della legalità”. 

“Schiaffoni come in Gomorra e false certificazioni per uscire durante il lockdown”

“Quello che la procura deve chiedersi e che deve chiedersi anche l’Arma, è come sia stato possibile che un appuntato dei carabinieri con un atteggiamento in stile Gomorra abbia acquisito tutto questo potere”. Lo ha detto la pm Grazia Pradella nel corso della conferenza stampa in procura sull’indagine che ha coinvolto la caserma dei carabinieri Levante, di via Caccialupo a Piacenza. Abbiamo poi il rilascio di false attestazioni da parte del pubblico ufficiale finalizzata al trasporto dello stupefacente in periodo covid. Questo signore firma e controfirma un’autocertificazione per permettere allo spacciatore di muoversi verso la Lombardia per procacciarsi lo stupefacente, dicendo se ti fermano fai vedere che sei stato già controllato dai carabinieri della caserma e ci mette il timbro“. 

Articolo di Valentina Errante

Rivisto da Conoscenzealconfine.it

Fonte: https://www.ilmessaggero.it/italia/piacenza_carabinieri_arrestati_oggi_22_luglio_2020_caserma_sequestrata_spaccio_estorsione_tortura-5361299.html

Libri e varie...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *