Peter Brabeck, Nestlé: l’acqua non è un diritto delle persone e va privatizzata

di Matteo Vitiello

Ebbene sì, l’acqua sarà presto privatizzata e qualsiasi forma d’approvigionamento dell’oro blu da parte di privati cittadini, sarà punita.

Peter Brabeck
Si dovranno fare i conti con una legislazione creata ad hoc per e dalle multinazionali, che vogliono comprarsi e spartirsi tutte le risorse, del pianeta, l’acqua in primis.

Certo è un cammino ancora lungo ma non poi così tanto. Basta dare un’occhiata al report del “2030 Water Resources Group”, il comitato che sta lavorando per togliere all’acqua l’attuale status di bene pubblico (di cui fa parte anche il nostrano Massimo Potenza, amministratore delegato del Gruppo Barilla), per capire che il cammino verso un regime di schiavitù e controllo, legato alla privatizzazione è ben delineato e gli obiettivi delle multinazionali ben chiari.

Da un lato l’esaurimento del petrolio e dall’altro l’aumento della popolazione mondiale, avevano fatto suonare l’allarme nella casa dei magnati del commercio internazionale e degli economisti già diversi anni fa. Così cominciarono a parlarne durante i loro forum, partorendo idee tipo “l’acqua non è un bene pubblico” e “è un vantaggio privatizzare le fonti d’acqua di tutto il pianeta”. Concetti difesi, tra i tanti, da Peter Brabeck, patron di una delle più grandi multinazionali legate al commercio di alimenti e, ovviamento, all’acqua: la Nestlé.

Libri e varie...

99% - Banche, Multinazionali, Partiti vs Cittadini

di Gianluca Ferrara

99% - BANCHE, MULTINAZIONALI, PARTITI VS CITTADINI - LIBRO
di Gianluca Ferrara

Banche, multinazionali e partiti contro i cittadini
 Dal 2016 l'1% della popolazione più ricca del pianeta gode di un patrimonio maggiore del restante 99%. Mai nella storia dell'uomo si è avuta una tale polarizzazione delle ricchezze perché mai nella storia dell'uomo si sono avuti simili grumi di potere che hanno interrotto il processo democratico.
 Poche famiglie controllano l'industria agroalimentare, i mass media, la moneta e la politica.
 Una politica che si limita a recitare il mantra del pensiero unico mercantilista invece di rappresentare i cittadini.
 Nell'inconsapevolezza generale siamo giunti ad un bivio storico di grande importanza.
 Il terrorismo, l'immigrazione, la crisi ambientale e la disoccupazione sono tutti fenomeni legati tra loro.
 99% è un libro per chi vuol comprendere in profondità il periodo che stiamo vivendo, le varie crisi che stiamo subendo ma soprattutto è un invito ad abbandonare il proprio ruolo da attore inconsapevole alla Truman Show e diventare protagonista del cambiamento....

Attenti all'acqua

Quello che dobbiamo sapere e quello che possiamo fare

di Luigi Rho

ATTENTI ALL'ACQUA
Quello che dobbiamo sapere e quello che possiamo fare
di Luigi Rho

L'importanza dell'acqua nell'organismo umano e nell'ambiente. Potabilizzazione, cloro, nitrati, piombo e inquinanti vari. Il paradosso delle acque minerali e la depurazione domestica. Un libretto dal valore inestimabile. Un aiuto concreto per all'utilizzo di acque di buona qualità....

Acqua - Se ci Chiudono il Rubinetto

Diritti e regole in condominio

di Marco Manunta

ACQUA - SE CI CHIUDONO IL RUBINETTO - LIBRO
Diritti e regole in condominio
di Marco Manunta

Diritti e regole in condominio
 In modo sempre più ricorrente dobbiamo interrogarci se "chiudere il rubinetto", per qualunque motivo, è conforme ai nostri principi etici, laici o religiosi...
 Chiusura della fornitura dell'acqua, distacco dell'utenza. Perché un'eventualità che sembrava così improbabile, dopo la conquista del servizio idrico a tutti, è diventata un problema concreto per tante persone?
 Pur vivendo in una società che si presume "evoluta", avviene infatti sempre più frequentemente che il rubinetto di casa venga chiuso dal gestore o dal condominio, provocando situazioni di grave disagio anche di lungo periodo. Oltre a coinvolgere pesantemente gli utenti interessati, il fenomeno ha evidenti ricadute sul piano igienico-sanitario di portata generale.
 Come si arriva a negare l'accesso a un bene così fondamentale?
 In anni di difficoltà economiche socialmente diffuse, i distacchi possono essere determinati dal mancato pagamento della tariffa al gestore del servizio idrico, oppure dal mancato pagamento di spese condominiali, che sono spesso del tutto diverse da quelle relative alla fornitura idrica.
 La mancata installazione del contatore individuale, obbligatorio per legge, gioca un ruolo fondamentale per l'equa ripartizione dei consumi, la certezza dei costi e la responsabilizzazione degli utenti.
 L'autore, magistrato a Milano e presidente della sezione che si occupa di condominio, spiega i meccanismi sociali e giuridici del fenomeno, a partire dall'esperienza concreta relativa ai casi in cui l'amministratore di un condominio si rivolge al giudice per ottenere l'autorizzazione al distacco dell'utenza.
 L'innegabile esistenza del diritto umano all'acqua confligge apertamente con il distacco, comunque e da chiunque eseguito: la conquista degli ultimi cento anni, ovvero garantire a tutti acqua potabile, rischia di venire vanificata dal troppo semplicistico meccanismo mercantile: prestazione del servizio contro pagamento - esclusione dal servizio in caso di impossibilità di pagare.
 Le soluzioni esistono e il libro, attraverso una documentata esposizione delle norme nazionali e internazionali, indica le strade percorribili da utenti, amministratori e operatori del diritto.
 Con il corredo dei contributi di Eugenio Correale, avvocato, direttore del Centro studi ANACI (Associazione Nazionale Amministratori di Condominio) di Milano, sui problemi della falda acquifera, e di Padre Alex Zanotelli, sulla situazione di Napoli.
 In Appendice, una selezione ragionata delle principali norme di riferimento....

La Coscienza dell'Acqua

I cristalli d'acqua rivelano l'influenza dei pensieri sulla realtà fisica - Dall'autore del best seller del New York Times "The Hidden Messages in Water"

LA COSCIENZA DELL'ACQUA  - DVD
I cristalli d'acqua rivelano l'influenza dei pensieri sulla realtà fisica - Dall'autore del best seller del New York Times "The Hidden Messages in Water"

Cosa si nasconde in un bicchiere d'acqua? Il segreto della vita.
 Secondo le straordinarie scoperte del ricercatore giapponese Masaru Emoto, l'acqua mostra di avere la particolare proprietà, assimilabile ad un nastro magnetico, di registrare gli stimoli psichici che riceve dall'ambiente. Grazie all'utilizzo della M.R.A. (Magnetic Resonance Analyzer), macchina in grado di misurare l'intensità di energie sottili chiamate in giapponese Hado, Emoto ha scoperto un singolare codice linguistico attraverso cui l'acqua rivela il peso e l'influenza di parole e pensieri.
 
 L'acqua, infatti, sottoposta a congelamento mostra nella forma dei cristalli ottenuti, l'interazione tra materia ed energia, mondo visibile e mondo invisibile. Se sollecitati da pensieri e parole positive, i cristalli si dispongano in strutture armoniche, simili ai mandala, se invece stimolati da energie psichiche negative, in strutture amorfe.
 È facile, quindi, immaginare come sul nostro corpo composto per il 75% di acqua, l'influenza di esperienze emotive positive, possa favorire un'ottimizzazione dei processi cellulari alla base della vita.
 Promotore di un nuovo progetto che invita le persone ad inviare sentimenti di amore all'acqua che scorre in zone del mondo particolarmente a rischio, Emoto, avvicinandosi alle scoperte della fisica quantistica, spiega in questo nuovo straordinario incontro italiano quanto sia proprio la coscienza di ognuno di noi a co-creare la nostra realtà fisica.
 Dicono del DVD Abitualmente pensiamo che ciò che ci circonda sia già qualcosa e che questo qualcosa esista senza la nostra intenzione. Di fatto invece dobbiamo cambiare questo nostro modo di pensare, perché persino un elettrone, come ha ammesso lo stesso premio Nobel Carlo Rubbia, ha una tendenza mentale. 
 Tutto è coscienza, e da essa il Tutto emerge come da una grande Matrix - diceva Max Planck, padre della fisica quantistica. Gli atomi non sono oggetti, ma solo tendenze.
 Partendo da questo presupposto, Emoto con le sue ricerche sulle varie forme e fasi di cristallizzazione dell'acqua arriva a strabilianti conclusioni.
 Osservatore e osservato interagiscono tra loro intelligentemente.
Si capiscono. Anzi sono tutt'uno.
 Vittorio Marchi
 fisico e ricercatore...

Qualcuno vuol darcela a bere

Acqua minerale, uno scandalo sommerso

di Giuseppe Altamore

QUALCUNO VUOL DARCELA A BERE
Acqua minerale, uno scandalo sommerso
di Giuseppe Altamore

È un momento caldo per l'acqua minerale. Mentre proseguono le inchieste della magistratura che coinvolgono alcune note marche, il ministero della Salute si appresta a sospendere le autorizzazioni di 86 aziende imbottigliatrici, perché le analisi non sono conformi con quanto previsto da un decreto del 2001.
 È una lunga storia quella delle acque minerali italiane raccontata nel libro di Giuseppe Altamore Qualcuno vuol darcela a bere: un'inchiesta che racconta come una potentissima lobby ha potuto condizionare le scelte politiche di vari governi fino ad ottenere una legislazione molto attenta alle esigenze commerciali dei produttori di acque minerali ma poco rispettosa della salute dei consumatori. Con un paradosso incredibile: esaminando attentamente il testo della legge si scopre che l'acqua di rubinetto può essere più sicura della minerale. Esistono infatti controlli e limiti più severi relativi alla presenza di sostanze tossiche nell'acqua potabile. L'arsenico, per esempio, non può superare la concentrazione di 10 microgrammi per litro, mentre chi beve acqua minerale può ritrovarsi nel bicchiere una dose fino a 5 volte superiore. Un limite addirittura più generoso di quello previsto per le acque reflue, che non possono superare i 20 microgrammi per litro.
 Il libro spiega quali interessi hanno spinto l'industria dell'acqua minerale a usare ogni mezzo per condizionare le scelte del Parlamento, fino a bloccare almeno due tentativi di riforma della normativa che regola il settore. Si racconta come un perito chimico italiano sia riuscito a far avviare una procedura d'infrazione da parte dell'Unione europea nei confronti dell'Italia per il mancato rispetto delle direttive europee in materia di tutela della salute dei consumatori e come ancora una volta l'abbiano spuntata le multinazionali dell'acqua, che sono riuscite ad aggirare le raccomandazioni dell'Organizzazione Mondiale della Sanità e perfino le severe norme del Codex alimentarius che regolano il commercio internazionale. Ma che cosa hanno da nascondere i produttori di acqua minerale? 
Che cosa rischiano i consumatori, ignari di ciò che si nasconde dentro la bottiglia? Intanto, ben due procure della Repubblica (Torino e Bari) stanno indagando sull'affaire della minerale: sono già stati operati alcuni sequestri e il ministero della Salute il 20 giugno scorso ha sospeso con un decreto l'autorizzazione per la Fiuggi di imbottigliare l'acqua della Fonte Bonifacio VIII. Il libro dedica un ampio capitolo ai rischi per la salute dei consumatori, legati soprattutto al cloro utilizzato per disinfettare l'acqua potabile....

Il Libro dell'Acqua

La storia straordinaria della più ordinaria delle sostanze

di Alok Jha

IL LIBRO DELL'ACQUA - LIBRO
La storia straordinaria della più ordinaria delle sostanze
di Alok Jha

Un libro che celebra questa sostanza fonte di Vita sulla terra, e ne descrive le caratteristiche fisiche e scientifiche.
 Praticamente tutte le nostre funzioni biologiche possono essere ricondotte al modo in cui le molecole d'acqua si attraggono e danzano tra loro.
 Ogni luogo della Terra è saturo d'acqua o è stato in qualche modo forgiato da essa.
 L'acqua è la sostanza più comune che abbiamo: la usiamo quotidianamente nelle nostre case, ci cade addosso direttamente dal cielo e si muove in continuazione sotto i nostri piedi nelle falde acquifere; ma si trova anche allo stato gassoso nell'aria che respiriamo, liquida negli oceani e nei fiumi e solida nella neve e nei ghiacciai.
 Non stupisce che proprio l'acqua sia al centro dei rituali di quasi tutte le religioni. L'acqua è anche "semplice", o almeno così crediamo: H20, una piccola molecola fatta di soli tre atomi legati tra loro a formare una microscopica V. 
 Eppure, a un esame più accurato, l'acqua risulta essere una sostanza più che mai sorprendente e straordinaria. Ad esempio si espande quando si raffredda (il ghiaccio galleggia sull'acqua), cosa che pochissime altre sostanze fanno.
 Ma non sono solo le sue caratteristiche fisiche ad essere particolari: in effetti l'acqua è lo sfondo costante della grande storia della Terra, della vita e dell'umanità, come ci racconta, con prosa ispirata e coinvolgente, Alok Jha in questo libro.
 Viene dallo spazio profondo, è una figlia del Big Bang, e si è concentrata sul nostro pianeta in maniera fortuita.
 Una volta arrivata non è più andata via e il suo costante movimento ciclico ha letteralmente dato forma al mondo....

Il grande capo della Nestlé, nell’intervista che ho pubblicato di seguito, è addirittura riuscito a dire un mucchio di bestialità, senza, ovviamente, vergogna:

la gente d’oggi pensa che tutto quello che viene dalla natura sia buono […] un buon esempio è il movimento bio, secondo il quale il cibo organico è ora il meglio. No, il cibo organico non è il meglio. Dopo aver mangiato per 15 anni cibo geneticamente modificato, ad oggi, negli Stati Uniti non c’è stato nessun consumatore che si è ammalato per aver mangiato questi alimenti. E nonostante tutto ciò, ci sono ancora tante contrarietà all’adozione di tali politiche alimentari in Europa, per paura che ci accada qualcosa. È pura ipocrisia, più d’ogni altra cosa”.

Sì, sì ragazzi, ha avuto coraggio di dire che nessun americano si è ammalato mangiando cibo geneticamente modificato e che l’alimentazione organica è pura ipocrisia. Se non bastasse, Brabeck si supera quando dichiara:

“in merito alla questione della privatizzazione dell’acqua ci sono due posizioni: la posizione delle Ong, che difinisco come estrema, secondo cui l’acqua è un bene pubblico e per cui ogni persona del pianeta, in qualità d’essere umano, ha diritto all’acqua. Dall’altra parte c’è la posizione che considera l’acqua come un bene di consumo in più e per tal ragione deve avere un valore di mercato. Io personalmente credo sia meglio dare all’acqua un valore di mercato, così sapremo tutti che ha un prezzo”.

Di seguito, potete ascoltare l’intervista (con sottotitoli in inglese) a Brabeck che, sinceramente, mi ha lasciato a bocca aperta, totalmete scandalizzato dalle parole e dai ragionamenti assurdi di questa persona, convinta che la privatizzazione di un bene pubblico quale l’acqua sia addirittura un dovere, oltre che un diritto legittimo delle multinazionali “impegnate” a trovare soluzioni all’attuale e futura crisi legata all’approvigionamento delle risorse naturali, “una soluzione ai problemi del mondo” – come ha il coraggio d’insinuare Brabeck. Questa chiamata alla responsabilità sociale, così palesemente ipocrita, esce proprio dalla bocca di uno dei fautori della devastazione di mezzo pianeta, che attraverso la propria multinazionale Nestlé, ha sfruttato le risorse naturali, ha calpestato i diritti dei lavoratori e ci ha avvelenato con i propri prodotti.

water_privatization“Privatizzare è una responsabilità delle imprese continua vaneggiando Brabeck, per poi cercare consenso con l’aiuto del classico discorso da buon samaritano “siamo nella posizione di creare posti di lavoro […]” bla bla bla, bla bla bla…

Insomma, tutti i progressi che si potrebbero mettere in atto, ad esempio portando gratuitamente l’acqua dove non c’è, non sono nemmeno considerati, anzi, il pensare all’acqua come un diritto d’ogni cittadino è ormai deriso da parte di chi la pensa come Brabeck e tra poco sarà, senza più ridere, considerato un crimine.

Non sto esagerando, pensate solo che in molti paesi è già stata proibita la raccolta d’acqua piovana da parte dei cittadini, pena multe esorbitanti. Negli Stati Uniti diverse persone sono state condannate per raccogliere acqua piovana e poi utilizzarla, previa depurazione, per uso domestico. Scandaloso, sì ma, purtroppo, realtà.

Il grande capo della Nestlé si giustifica dicendo che “quello che ci fornisce la natura non è tutto buono” ed “è necessaria una regolamentazione”, da leggere, ovviamente come privatizzazione. Tra pochi anni potrete essere multati per bere acqua da una fontana pubblica e, tra altrettanti anni, non ce ne saranno proprio più di fonti pubbliche, dovremo pagare a Nestlé o Barilla o chichessia una quota, per usufruire di tale “servizio”.

Le persone come Brabeck, a base di opportunismo, ipocrisia e strategie di persuasione di massa, continuano a fare i loro sporchi affari e decidere in sede privata il destino di ciò che è patrimonio pubblico, cercando la maniera più “efficace” di privarci dei nostri diritti.

Il processo di privatizzazione dell’acqua è allarmante e, se siete ancora degli inguaribili ottimisti, vedrete che è solo questione di tempo, cercheranno di convincerci tutti che la “loro acqua” è l’unica salubre, si autoproclameranno benefattori dell’umanità, ci venderanno “acqua purificata” e ci vieteranno di raccogliere, bere, distribuire o consumare acqua “in proprio”, perché considerata una pratica pericolosa e contraria alle leggi.

A tutto il team di criminali del Water Resourcers Group do ragione su una cosa: come ha avuto il coraggio e l’ignoranza di affermare Peter Brabeck, non tutto quello che ci fornisce la natura è buono… infatti, anch’io sono dell’opinione che il giorno in cui questa persona e tutti i membri di tale congrega di magnacci sono nati, madrenatura ci ha fatto vedere come le sia possibile partotire il peggio del peggio.

Vi lascio all’intervista, in tedesco sottotitolato in inglese, da cui ho tratto le dichiarazioni di Brabeck. Vi prego, ascoltate con attenzione cosa è capace di dire questa persona e, se avete cervello, impegnatevi a boicottare la Nestlé.

Articolo di Matteo Vitiello

Fonte: http://buenobuonogood.com/6302/peter-brabeck-nestle-lacqua-non-e-un-diritto-delle-persone-e-va-privatizzata-intervista

Libri e varie...

Nestlè non Ama i Bebè

Latte in polvere o polvere letale?

NESTLè NON AMA I BEBè
Latte in polvere o polvere letale?

Moltissimi bambini s'ammalano e muoiono nei paesi più poveri del mondo a causa dell'allattamento artificiale in situazioni inadeguate. Qui la multinazionale svizzera, con un'invadente e subdola propaganda, persiste nel promuovere il suo latte in polvere a scapito di quello materno.
 Dai tempi del ciclostile a quelli on line, le accuse alla Nestlé si ritrovano pressoché identiche e convergono nell'invito, raccolto anche in questo libro, al boicottaggio e all'estensione a macchia d'olio della controinformazione....

Qualcuno vuol darcela a bere

Acqua minerale, uno scandalo sommerso

di Giuseppe Altamore

QUALCUNO VUOL DARCELA A BERE
Acqua minerale, uno scandalo sommerso
di Giuseppe Altamore

È un momento caldo per l'acqua minerale. Mentre proseguono le inchieste della magistratura che coinvolgono alcune note marche, il ministero della Salute si appresta a sospendere le autorizzazioni di 86 aziende imbottigliatrici, perché le analisi non sono conformi con quanto previsto da un decreto del 2001.
 È una lunga storia quella delle acque minerali italiane raccontata nel libro di Giuseppe Altamore Qualcuno vuol darcela a bere: un'inchiesta che racconta come una potentissima lobby ha potuto condizionare le scelte politiche di vari governi fino ad ottenere una legislazione molto attenta alle esigenze commerciali dei produttori di acque minerali ma poco rispettosa della salute dei consumatori. Con un paradosso incredibile: esaminando attentamente il testo della legge si scopre che l'acqua di rubinetto può essere più sicura della minerale. Esistono infatti controlli e limiti più severi relativi alla presenza di sostanze tossiche nell'acqua potabile. L'arsenico, per esempio, non può superare la concentrazione di 10 microgrammi per litro, mentre chi beve acqua minerale può ritrovarsi nel bicchiere una dose fino a 5 volte superiore. Un limite addirittura più generoso di quello previsto per le acque reflue, che non possono superare i 20 microgrammi per litro.
 Il libro spiega quali interessi hanno spinto l'industria dell'acqua minerale a usare ogni mezzo per condizionare le scelte del Parlamento, fino a bloccare almeno due tentativi di riforma della normativa che regola il settore. Si racconta come un perito chimico italiano sia riuscito a far avviare una procedura d'infrazione da parte dell'Unione europea nei confronti dell'Italia per il mancato rispetto delle direttive europee in materia di tutela della salute dei consumatori e come ancora una volta l'abbiano spuntata le multinazionali dell'acqua, che sono riuscite ad aggirare le raccomandazioni dell'Organizzazione Mondiale della Sanità e perfino le severe norme del Codex alimentarius che regolano il commercio internazionale. Ma che cosa hanno da nascondere i produttori di acqua minerale? 
Che cosa rischiano i consumatori, ignari di ciò che si nasconde dentro la bottiglia? Intanto, ben due procure della Repubblica (Torino e Bari) stanno indagando sull'affaire della minerale: sono già stati operati alcuni sequestri e il ministero della Salute il 20 giugno scorso ha sospeso con un decreto l'autorizzazione per la Fiuggi di imbottigliare l'acqua della Fonte Bonifacio VIII. Il libro dedica un ampio capitolo ai rischi per la salute dei consumatori, legati soprattutto al cloro utilizzato per disinfettare l'acqua potabile....

Trappola Globale - Il Governo Ombra di Banche e Multinazionali

L'indagine Storica più approfondita e completa sull'Oligarchia che da secoli controlla il Pianeta

di Sabina Marineo

TRAPPOLA GLOBALE - IL GOVERNO OMBRA DI BANCHE E MULTINAZIONALI  - LIBRO
L'indagine Storica più approfondita e completa sull'Oligarchia che da secoli controlla il Pianeta
di Sabina Marineo

Una volta si diceva: "The sun never sets on British empire", sull'impero britannico il sole non tramonta mai.
 Oggi l'astro della perfida Albione è agonizzante, mentre, ironia della sorte, le grandi multinazionali globali nate dall'alleanza anglo-americana non hanno la più pallida idea di che significhi tramonto.
 Che cos'è la globalizzazione?
 Il frutto venefico delle cospirazioni d'importanti società segrete internazionali? La tela di ragno tessuta da grandi imprenditori, banchieri e politici? Il risultato finale di un disegno fosco, abbozzato tra Ottocento e Novecento da esponenti di logge massoniche? Un accurato piano di schiavizzazione del pianeta che culminerà con l'istituzione di un governo globale onnipotente e onnipresente? E come siamo caduti in questo tranello costruito sul potere del denaro?
 Trappola globale vi aiuterà a trovare le risposte.
 Avrei potuto scrivere un libro come tanti altri politicamente corretto. Non l'ho fatto perchè la misura è colma. Viviamo da anni in uno stato di guerra e non ce ne rendiamo nemmeno conto. E' comprensibile. Abbiamo imparato che la guerra è fatta di attacchi armati, bombe, distruzione, esodo e morte.
Sabina Marineo
 Indice PARTE PRIMA
 
 - Il fantasma dell'Europa
 - Il colore dei soldi
 - I massoni di Oxford e l'arte del saccheggio: Cecil Rhodes
 - I Rothschild, quelli dello scudo rosso
 - I Rockefeller: sotto il segno del petrolio
  PARTE SECONDA
 
 - Conflitti mondiali e rivoluzioni: cui prodest?
 - L'alba dell'esoterismo nazista
 - Chi finanziò Hitler? L'affare Warburg, Heinrich Himmler e l'apoteosi in nero
  PARTE TERZA
 
 - Le multinazionali del crimine
 - Sotto il segno della rosa
 - La guerra dei troni e gli Stati Uniti d'America
 - Il nuovo ordine mondiale: i Bonesmen di Yale
  PARTE QUARTA
 
 - A nostra insaputa
 - La piaga degli interessi bancari e le bombe dei sionisti
  PARTE QUINTA
 
 - ONU, NATO e Bilderberg: tentacoli del potere globale
 - I vampiri dell'alta finanza
 - Come salvare il pianeta?...

La Coscienza dell'Acqua

I cristalli d'acqua rivelano l'influenza dei pensieri sulla realtà fisica - Dall'autore del best seller del New York Times "The Hidden Messages in Water"

LA COSCIENZA DELL'ACQUA  - DVD
I cristalli d'acqua rivelano l'influenza dei pensieri sulla realtà fisica - Dall'autore del best seller del New York Times "The Hidden Messages in Water"

Cosa si nasconde in un bicchiere d'acqua? Il segreto della vita.
 Secondo le straordinarie scoperte del ricercatore giapponese Masaru Emoto, l'acqua mostra di avere la particolare proprietà, assimilabile ad un nastro magnetico, di registrare gli stimoli psichici che riceve dall'ambiente. Grazie all'utilizzo della M.R.A. (Magnetic Resonance Analyzer), macchina in grado di misurare l'intensità di energie sottili chiamate in giapponese Hado, Emoto ha scoperto un singolare codice linguistico attraverso cui l'acqua rivela il peso e l'influenza di parole e pensieri.
 
 L'acqua, infatti, sottoposta a congelamento mostra nella forma dei cristalli ottenuti, l'interazione tra materia ed energia, mondo visibile e mondo invisibile. Se sollecitati da pensieri e parole positive, i cristalli si dispongano in strutture armoniche, simili ai mandala, se invece stimolati da energie psichiche negative, in strutture amorfe.
 È facile, quindi, immaginare come sul nostro corpo composto per il 75% di acqua, l'influenza di esperienze emotive positive, possa favorire un'ottimizzazione dei processi cellulari alla base della vita.
 Promotore di un nuovo progetto che invita le persone ad inviare sentimenti di amore all'acqua che scorre in zone del mondo particolarmente a rischio, Emoto, avvicinandosi alle scoperte della fisica quantistica, spiega in questo nuovo straordinario incontro italiano quanto sia proprio la coscienza di ognuno di noi a co-creare la nostra realtà fisica.
 Dicono del DVD Abitualmente pensiamo che ciò che ci circonda sia già qualcosa e che questo qualcosa esista senza la nostra intenzione. Di fatto invece dobbiamo cambiare questo nostro modo di pensare, perché persino un elettrone, come ha ammesso lo stesso premio Nobel Carlo Rubbia, ha una tendenza mentale. 
 Tutto è coscienza, e da essa il Tutto emerge come da una grande Matrix - diceva Max Planck, padre della fisica quantistica. Gli atomi non sono oggetti, ma solo tendenze.
 Partendo da questo presupposto, Emoto con le sue ricerche sulle varie forme e fasi di cristallizzazione dell'acqua arriva a strabilianti conclusioni.
 Osservatore e osservato interagiscono tra loro intelligentemente.
Si capiscono. Anzi sono tutt'uno.
 Vittorio Marchi
 fisico e ricercatore...

Acqua - Se ci Chiudono il Rubinetto

Diritti e regole in condominio

di Marco Manunta

ACQUA - SE CI CHIUDONO IL RUBINETTO - LIBRO
Diritti e regole in condominio
di Marco Manunta

Diritti e regole in condominio
 In modo sempre più ricorrente dobbiamo interrogarci se "chiudere il rubinetto", per qualunque motivo, è conforme ai nostri principi etici, laici o religiosi...
 Chiusura della fornitura dell'acqua, distacco dell'utenza. Perché un'eventualità che sembrava così improbabile, dopo la conquista del servizio idrico a tutti, è diventata un problema concreto per tante persone?
 Pur vivendo in una società che si presume "evoluta", avviene infatti sempre più frequentemente che il rubinetto di casa venga chiuso dal gestore o dal condominio, provocando situazioni di grave disagio anche di lungo periodo. Oltre a coinvolgere pesantemente gli utenti interessati, il fenomeno ha evidenti ricadute sul piano igienico-sanitario di portata generale.
 Come si arriva a negare l'accesso a un bene così fondamentale?
 In anni di difficoltà economiche socialmente diffuse, i distacchi possono essere determinati dal mancato pagamento della tariffa al gestore del servizio idrico, oppure dal mancato pagamento di spese condominiali, che sono spesso del tutto diverse da quelle relative alla fornitura idrica.
 La mancata installazione del contatore individuale, obbligatorio per legge, gioca un ruolo fondamentale per l'equa ripartizione dei consumi, la certezza dei costi e la responsabilizzazione degli utenti.
 L'autore, magistrato a Milano e presidente della sezione che si occupa di condominio, spiega i meccanismi sociali e giuridici del fenomeno, a partire dall'esperienza concreta relativa ai casi in cui l'amministratore di un condominio si rivolge al giudice per ottenere l'autorizzazione al distacco dell'utenza.
 L'innegabile esistenza del diritto umano all'acqua confligge apertamente con il distacco, comunque e da chiunque eseguito: la conquista degli ultimi cento anni, ovvero garantire a tutti acqua potabile, rischia di venire vanificata dal troppo semplicistico meccanismo mercantile: prestazione del servizio contro pagamento - esclusione dal servizio in caso di impossibilità di pagare.
 Le soluzioni esistono e il libro, attraverso una documentata esposizione delle norme nazionali e internazionali, indica le strade percorribili da utenti, amministratori e operatori del diritto.
 Con il corredo dei contributi di Eugenio Correale, avvocato, direttore del Centro studi ANACI (Associazione Nazionale Amministratori di Condominio) di Milano, sui problemi della falda acquifera, e di Padre Alex Zanotelli, sulla situazione di Napoli.
 In Appendice, una selezione ragionata delle principali norme di riferimento....

99% - Banche, Multinazionali, Partiti vs Cittadini

di Gianluca Ferrara

99% - BANCHE, MULTINAZIONALI, PARTITI VS CITTADINI - LIBRO
di Gianluca Ferrara

Banche, multinazionali e partiti contro i cittadini
 Dal 2016 l'1% della popolazione più ricca del pianeta gode di un patrimonio maggiore del restante 99%. Mai nella storia dell'uomo si è avuta una tale polarizzazione delle ricchezze perché mai nella storia dell'uomo si sono avuti simili grumi di potere che hanno interrotto il processo democratico.
 Poche famiglie controllano l'industria agroalimentare, i mass media, la moneta e la politica.
 Una politica che si limita a recitare il mantra del pensiero unico mercantilista invece di rappresentare i cittadini.
 Nell'inconsapevolezza generale siamo giunti ad un bivio storico di grande importanza.
 Il terrorismo, l'immigrazione, la crisi ambientale e la disoccupazione sono tutti fenomeni legati tra loro.
 99% è un libro per chi vuol comprendere in profondità il periodo che stiamo vivendo, le varie crisi che stiamo subendo ma soprattutto è un invito ad abbandonare il proprio ruolo da attore inconsapevole alla Truman Show e diventare protagonista del cambiamento....
IL LIBRO DELL'ACQUA - LIBRO
La storia straordinaria della più ordinaria delle sostanze
di Alok Jha

Un libro che celebra questa sostanza fonte di Vita sulla terra, e ne descrive le caratteristiche fisiche e scientifiche.
 Praticamente tutte le nostre funzioni biologiche possono essere ricondotte al modo in cui le molecole d'acqua si attraggono e danzano tra loro.
 Ogni luogo della Terra è saturo d'acqua o è stato in qualche modo forgiato da essa.
 L'acqua è la sostanza più comune che abbiamo: la usiamo quotidianamente nelle nostre case, ci cade addosso direttamente dal cielo e si muove in continuazione sotto i nostri piedi nelle falde acquifere; ma si trova anche allo stato gassoso nell'aria che respiriamo, liquida negli oceani e nei fiumi e solida nella neve e nei ghiacciai.
 Non stupisce che proprio l'acqua sia al centro dei rituali di quasi tutte le religioni. L'acqua è anche "semplice", o almeno così crediamo: H20, una piccola molecola fatta di soli tre atomi legati tra loro a formare una microscopica V. 
 Eppure, a un esame più accurato, l'acqua risulta essere una sostanza più che mai sorprendente e straordinaria. Ad esempio si espande quando si raffredda (il ghiaccio galleggia sull'acqua), cosa che pochissime altre sostanze fanno.
 Ma non sono solo le sue caratteristiche fisiche ad essere particolari: in effetti l'acqua è lo sfondo costante della grande storia della Terra, della vita e dell'umanità, come ci racconta, con prosa ispirata e coinvolgente, Alok Jha in questo libro.
 Viene dallo spazio profondo, è una figlia del Big Bang, e si è concentrata sul nostro pianeta in maniera fortuita.
 Una volta arrivata non è più andata via e il suo costante movimento ciclico ha letteralmente dato forma al mondo....

Il Libro dell'Acqua

La storia straordinaria della più ordinaria delle sostanze

di Alok Jha

Un libro che celebra questa sostanza fonte di Vita sulla terra, e ne descrive le caratteristiche fisiche e scientifiche.

Praticamente tutte le nostre funzioni biologiche possono essere ricondotte al modo in cui le molecole d'acqua si attraggono e danzano tra loro.

Ogni luogo della Terra è saturo d'acqua o è stato in qualche modo forgiato da essa.

L'acqua è la sostanza più comune che abbiamo: la usiamo quotidianamente nelle nostre case, ci cade addosso direttamente dal cielo e si muove in continuazione sotto i nostri piedi nelle falde acquifere; ma si trova anche allo stato gassoso nell'aria che respiriamo, liquida negli oceani e nei fiumi e solida nella neve e nei ghiacciai.

Non stupisce che proprio l'acqua sia al centro dei rituali di quasi tutte le religioni. L'acqua è anche "semplice", o almeno così crediamo: H20, una piccola molecola fatta di soli tre atomi legati tra loro a formare una microscopica V.

Eppure, a un esame più accurato, l'acqua risulta essere una sostanza più che mai sorprendente e straordinaria. Ad esempio si espande quando si raffredda (il ghiaccio galleggia sull'acqua), cosa che pochissime altre sostanze fanno.

Ma non sono solo le sue caratteristiche fisiche ad essere particolari: in effetti l'acqua è lo sfondo costante della grande storia della Terra, della vita e dell'umanità, come ci racconta, con prosa ispirata e coinvolgente, Alok Jha in questo libro.

Viene dallo spazio profondo, è una figlia del Big Bang, e si è concentrata sul nostro pianeta in maniera fortuita.

Una volta arrivata non è più andata via e il suo costante movimento ciclico ha letteralmente dato forma al mondo.

...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*