Pertini: “l’UE ha il solo scopo di fare dell’Europa occidentale il campo di sfruttamento della finanza americana”

Ormai a tutti è noto che l’Unione Europea e gli organismi derivanti dal Piano Marshall non sono l’espressione spontanea della volontà e delle esigenze dei popoli europei, bensì sono stati artificiosamente creati con lo scopo politico di fare d’un gruppo di nazioni europee uno schieramento in funzione antisovietica, e con lo scopo economico di fare dell’Europa Occidentale un campo di sfruttamento della finanza americana”.

Sandro Pertini

Sandro Pertini

Frase sorprendente, che è stata pronunciata da Sandro Pertini nel 1949, all’alba di quel piano Marshall (dal nome del segretario di Stato Usa che lo annunciò il 5 giugno 1947) con cui gli Stati Uniti iniziavano ad esportare, in un’Europa distrutta, il loro modello economico e sociale al fine di sottometterla e colonizzarla. Pertini, compreso questo, ritirò anche la sua adesione dal manifesto di Ventotene, ovvero al progetto di Europa unita, scritto da Altiero Spinelli, Ernesto Rossi ed Ursula Hirschmann, tra il 1941 ed il 1944, durante il loro confino sull’isola di Ventotene. Il manifesto si diversificava ovviamente dal progetto di Pan-Europa del Conte Kalergi, che nel 1922 immaginava un’Europa a conduzione tecnocratica e non un’Europa in cui un Parlamento sovrano, eletto a suffragio universale, determinasse le politiche comuni.

Cosa comprese dunque Pertini già nel 1949? Che tra il dire ed il fare c’era di mezzo il mare… Nello specifico c’era di mezzo l’interesse dei poteri economici americani, che già alla fine della seconda guerra mondiale erano così forti e strutturati da creare un vero e proprio potere politico con mire di controllo e dominio globale. Il piano Marshall, fin dal suo esordio, avviava un vero e proprio processo di trasformazione strutturale delle economie europee, di cui svilupparono i consumi e la dipendenza dall’estero, piuttosto che una vera e propria ricostruzione industriale e produttiva che avrebbe dato forza ed autonomia al vecchio continente. Tutto ciò con la chiara idea di colonizzarci.

Il piano però dovette essere rapidamente abbandonato perché la minaccia sovietica iniziava a farsi pesante, ciò avvenne nel 1951. Con il senno di poi è chiara la ragione del cambio di strategia, avvenuto in esclusiva chiave antisovietica. Era necessaria una nuova impostazione: prima della colonizzazione definitiva del continente bisognava disattivare il nemico comunista altrimenti i Paesi europei avrebbero potuto strizza l’occhio ad est. L’azione antisovietica possibile era logicamente solo quella che passava per l’abbandono delle politiche del piano, dunque era quella di fornire al vecchio continente una legislazione fortemente tutelante dei più deboli, al fine di battere il Comunismo, dove esso avrebbe dovuto essere più forte, nel sociale e nel lavoro. Ciò implicava necessariamente dare forza produttiva all’Europa, renderla una potenza libera.

Quello che ovviamente era efficace in chiave anti sovietica però lo diveniva anche in chiave anti americana. Caduto il muro non si poteva lasciare che l’Europa proseguisse nella direzione intrapresa, diveniva pericoloso per gli interessi della finanza americana proseguire su questa strada, l’Europa non avrebbe avuto più ragioni per essere subalterna. Così si è ripartiti con una nuova strategia di aggressione del vecchio continente da parte della finanza americana. Ecco che in quest’ottica, l’Europa unità è diventata, come avrebbe dovuto esserlo fin dal piano Marshall, solo un metodo più semplice di controllo di un vasto territorio, risultando molto più facile imporre la propria influenza con una leadership europea unica, piuttosto che imporla ad una pluralità di nazioni sovrane.

Ciò che Pertini intuì era dunque il percorso che aveva preso l’Unione fin dai suoi albori, quando era solo un pensiero, percorso che poi è diventato evidente e via via più chiaro con il Trattato di Maastricht e quell’insieme di regole che ha definitivamente fatto dell’Europa il campo di sfruttamento della finanza americana. Dopo il grande sviluppo delle democrazie europee, appunto al fine di evitare che i nostri Paesi passassero al comunismo, il lavoro per la finanza americana era diventato ben più complesso, era difficile far tornare indietro le democrazie senza quella che Mario Monti definirebbe “una crisi visibile e conclamata”. Tale crisi, escludendo l’invasione militare dell’Europa che non avrebbe avuto il consenso dell’opinione pubblica americana, poteva essere causata solo con mezzi non comprensibili alle masse. Ecco quindi il ruolo dei parametri di convergenza europei (3% deficit/pil, ecc…), essi sono perfetti per causare la fine dell’indipendenza e della sovranità delle nazioni europee, senza che le opinioni pubbliche nazionali possano capire con precisione quanto sta accadendo.

D’altronde, proprio come diceva ancora Pertini, un uomo senza lavoro, che vive nella misera, non può essere certamente considerato libero. Questo comporta che esso non sarà neppure un uomo in grado di capire la sua condizione e reagire ad un nemico così occulto, subdolo e purtroppo per noi strategicamente molto preparato.

Tutto questo avviene oggi, alla luce del sole…

Fonte: http://scenarieconomici.it

Libri sull'argomento
Risvegliati... e Adesso cosa Facciamo? di Alberto Medici, Monia Benini
Il Cerchio Perfetto di Francesca Romana Orlando
La Via del Denaro di Salvatore Tamburro
I Maestri Invisibili del Nuovo Ordine Mondiale di Enrica Perucchietti, Leo Lyon Zagami
Mi Fido di Te di Gea Scancarello
I Rothschild e gli Altri di Pietro Ratto
MANUALE PRATICO DI PSICOMAGIA
Consigli per guarire la tua vita
di Alejandro Jodorowsky

Manuale Pratico di Psicomagia

Consigli per guarire la tua vita

di Alejandro Jodorowsky

In questo manuale è possibile apprendere le reali istruzioni per l'utilizzo della psicomagia, ovvero di una forma di auto-terapia che consiste nel mettere in pratica numerosi atti simbolici, utili a superare, una volta per sempre, i problemi più disparati di fronte ai quali ci si trova durante il percorso della propria vita.

Quando si vivono momenti particolarmente difficili, in una quotidianità piena di affanni, l'unica cosa da fare è agire! Non serve a nulla piangersi addosso o aspettare che qualcun altro cambi le cose. Soltanto noi possiamo migliorare la nostra condizione.

Nel suo libro, Alejandro Jodorowsky consiglia delle particolari tecniche rituali che aiutano l'individuo ad acquisire maggiore consapevolezza delle proprie capacità per riuscire, di conseguenza, a superare la maggior parte degli ostacoli quotidiani.

Jodorowsky ha già anticipato nei suoi libri La danza della realtà e Psicomagia la base teorica di questa tecnica di guarigione.

Nel libro Manuale pratico di psicomagia, però, l'autore entra maggiormente nel merito di determinate problematiche e suggerisce per ciascuna delle soluzioni pratiche. Nello specifico analizza in ottanta punti le possibili criticità nella vita di un individuo, dai problemi più comuni a quelli più complessi, e mette insieme più di trecento consigli su come esorcizzare le negatività e tutti i pensieri ostili che condizionano l'esistenza, mettendo semplicemente in pratica delle azioni psicomagiche, ovvero azioni simboliche e rituali che aiutano ad acquisire maggiore fiducia in se stessi.

Raggiunta tale fiducia, tutto risulta più facile da superare: vincere la dipendenza da alcool, fumo o droga; affrontare le paure e vincerle; sentirsi maggiormente valorizzati in quanto esseri umani, in base al proprio genere e rispetto agli altri membri della propria famiglia; affrontare la morte di un neonato; curare le verruche o i mali d'amore; superare i problemi di coppia, sessuali o professionali, e molto altro ancora.

...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *