Perchè Macron si deve “impossessare” di Leonardo? Perchè non ha nient’altro…

di Guido da Landriano

4 maggio: l’Acte 25, cioè la venticinquesima settimana di protesta in Francia, è attesa in tono minore dato che il grosso, per questa settimana, si è avuto con il primo maggio.

Nel mondo moderno, dove le notizie scompaiono in 24 ore, 25 settimane di proteste, di prime pagine dei giornali, hanno la sua ricaduta ed in questo ha avuto la sua parte una gestione dell’ordine pubblico francamente demenziale. Nel video qui sotto, la Polizia getta sampietrini e prende a sberle la gente…

Il tutto in un allegro clima di totale impunità, perchè nessuno può toccare l’unico potere, quello repressivo. Il tutto infarcito da fake news, come quella di un’incursione dei Gilet Gialli all’interno di un ospedale denunciata dal ministro degli interni  Castaner, rivelatasi poi completamente falsa o quasi, con retromarcia ministeriale.

Macron è solo: alla fine il suo gabinetto si è rivelato insufficiente. Il fatto di aver voluto fondare un proprio partito, fatto di neofiti e di transfughi, da un lato gli ha fornito una struttura politica malleabile e composta di “yesman”, ma dall’altro lo ha isolato personalmente nel quadro politico. Avere la metà del parlamento composto da “sagome di cartone” non significa avere l’appoggio del paese, se no anche Caligola avrebbe potuto svuotare la stalla ed occupare il Senato di Roma. Macron è apatico e dividente, incapace di creare consenso, ed ora sempre più solo.

Il fatto che un partito giovanile, che vorrebbe rappresentare il futuro, con tutti i media a favore, si trovi ad essere a testa a testa con quello che è un vecchio partito di opposizione, che mai ha avuto una briciola di potere, è indicativo della sua totale impopolarità. Alla fine “rischia” di avere gli stessi seggi della Le Pen.

Infatti, la sua approvazione è minima, ecco perchè deve impossessarsi di qualche simbolo, come Leonardo: il suo governo, il suo gruppo di potere, non ha nulla, proprio niente, da mostrare. Non c’è un risultato economico serio, un risultato sociale rilevante… niente, ed allora, come d’abitudine, si rapina, in questo caso culturalmente, il vicino più debole, l’Italia.

Ci si prende Leonardo da Vinci, ma si elimina l’insegnamento dell’Italiano. Si fa una campagna per le arance spagnole, ma ci si dimentica di quelle italiane. Una strategia arrogante, uguale a quella applicata al suo paese e che avrà lo stesso impatto.

Articolo di Guido da Landriano

Fonte: https://scenarieconomici.it/perche-macron-si-deve-impossessare-di-leonardo-perche-non-ha-nientaltro/

COME PARLA IL TUO CANE
E come tu puoi parlare con lui
di Simone Dalla Valle

Come Parla il Tuo Cane

E come tu puoi parlare con lui

di Simone Dalla Valle

Una buona comunicazione, aperta, rispettosa e partecipe, è alla base di qualsiasi rapporto e quindi anche di quello con i nostri cani.

Poiché "saper comunicare non significa saper farsi obbedire", Simone Dalla Valle ha scelto di dedicare il suo nuovo libro al "linguaggio" dei cani, per metterci nelle migliori condizioni di comprenderli e di farci comprendere da loro.

Con la sua inconfondibile capacità divulgativa, e con un apparato di immagini molto ricco, ci illustra e ci spiega come comunicano i cani attraverso mimiche, posture e suoni, senza trascurare il fondamentale aspetto delle marcature e degli odori. Analizzando sia le interazioni tra cani sia quelle tra cane e uomo, Simone Dalla Valle sfata molti luoghi comuni, ci aiuta a evitare le incomprensioni più frequenti e ci insegna a "leggere" correttamente i nostri amici a quattro zampe.

Perché ogni passeggiata, ogni gioco, ogni percorso di educazione ma anche ogni pomeriggio sul divano, ogni imprevisto e persino la visita dal veterinario possa essere un'esperienza condivisa e, per questo, più serena e gioiosa per noi e per il nostro amico a quattro zampe.

Quando il nostro cane sbadiglia e sbatte le palpebre, non lo fa solo perché ha sonno: potrebbe essere un segnale di ansia e di stress... A differenza di noi umani, i cani raramente si fissano negli occhi quando si incontrano: per fare conoscenza preferiscono di gran lunga annusarsi... Non è vero che il cane è contento ogni volta che scodinzola: il cane scodinzola quando è eccitato, quindi anche quando si sente minacciato e si prepara ad aggredire. ..Così come non è vero che ogni volta che i cani si rincorrono o fanno la lotta stanno giocando...

...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *