Otto milioni di euro da Coca-Cola a organizzazioni scientifiche spagnole per produrre articoli allineati con le sue strategie di marketing

di Beniamino Bonardi

Una ricerca accusa Coca-Cola di finanziare studi che servono i suoi interessi commerciali e infatti la compagnia ha versato otto milioni di euro, tra il 2010 e il 2017, a decine di organizzazioni mediche e scientifiche spagnole.

Lo scrive il quotidiano El Pais, sulla base dei dati della stessa società, da cui risultano finanziamenti alla Fundación Iberoamericana de Nutrición (835 mila euro), alla Fundación Española Del Corazón (640 mila euro) e alla Fundación Española de Nutrición (567 mila euro). Nella lista compare anche la Fundación SHE (Scienza, Salute ed Educazione), che ha ricevuto 363 mila euro ed è presieduta da un prestigioso cardiologo, Valentín Fuster.

Intanto, una nuova ricerca appena pubblicata dalla rivista della European Public Health Association, sostiene che gli studi scientifici finanziati dalla Coca-Cola “servono i suoi interessi commerciali e, in molti casi, sono in contrasto con gli sforzi per migliorare la salute del popolazione”.

Lo studio calcola in 74, le organizzazioni operanti nel campo della salute, che hanno ricevuto finanziamenti da Coca-Cola tra il 2010 e il 2016. Le organizzazioni dedicate a nutrizione e cardiologia, sono quelle che hanno ricevuto il maggior sostegno finanziario. I ricercatori hanno individuato 20 articoli derivati da due progetti di ricerca, 14 dei quali sono allineati con le strategie di marketing utilizzate da Coca-Cola, ad esempio, concentrandosi sull’inattività fisica come causa principale dell’obesità, con lo scopo evidente di sviare l’attenzione da altri fattori, come appunto le bevande zuccherate.

L’epidemiologo Carlos Alberto González, dell’Istituto Catalano di Oncologia, autore della ricerca insieme a Juan Pablo Rey, dell’Università di Sydney, osserva che “Nessuno immagina un congresso della Società spagnola di Oncologia medica finanziato da Philip Morris. Eppure questo sta accadendo nel campo della nutrizione, ma non c’è consapevolezza che sia uno scandalo”.

El Pais scrive anche che fonti di Coca-Cola affermano come “in tutte le collaborazioni, l’indipendenza delle società scientifiche e delle università è totalmente garantita” e che dal 2016 queste sponsorizzazioni sono dichiarate annualmente “in un esercizio di trasparenza”.
Questo “esercizio di trasparenza” è iniziato dopo lo scandalo scoppiato nell’agosto 2015 negli Stati Uniti, in seguito a un articolo del New York Times che aveva svelato come, nel 2014, Coca-Cola avesse finanziato occultamente, con 1,5 milioni di dollari, il Global Energy Balance Network, un’organizzazione no profit molto popolare negli Stati Uniti, il cui vice-presidente, Steven N. Blair, era finito sotto accusa per un video in cui invitava a concentrarsi solo sull’attività fisica, negando l’importanza della dieta per combattere l’obesità.

Due mesi dopo, Coca-Cola pubblicò l’elenco dei destinatari di circa 120 milioni di dollari di finanziamenti concessi dalla compagnia a varie organizzazioni mediche e del campo sociale statunitensi dal 2010. Nel giugno 2016, Coca-Cola ha pubblicato anche l’elenco riguardante l’Italia, da cui risultava che nei cinque anni precedenti erano stati spesi 4,7 milioni di euro, per finanziare progetti e ricerche scientifiche a supporto della salute e del benessere e per svolgere un ruolo attivo nell’affrontare il problema dell’obesità”.

Articolo di Beniamino Bonardi

Fonte: https://ilfattoalimentare.it/spagna-coca-cola-finanziamenti.html

Libri e varie...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *