Obbligo Vaccino Antinfluenzale: Mozione di Forza Italia al voto alla Camera

di Denise Baldi

Il 22 settembre alla Camera sarà sottoposta al voto una mozione sull’introduzione dell’Obbligo del vaccino antinfluenzale.

VACCINO ANTINFLUENZALE AUMENTA IL RISCHIO DI CORONAVIRUS IL 36% DICE LO STUDIO DEL PENTAGONO | NoGeoingegneria

Già diverse regioni italiane avevano intrapreso questa strada con ordinanze che obbligavano medici, personale medico e over 65 alla vaccinazione antinfluenzale. Alle ordinanze erano susseguiti ricorsi al Tar da parte degli interessati, specialmente da parte del personale medico che, in caso di rifiuto, avrebbe subito provvedimenti connessi allo svolgimento della mansione lavorativa.

Il Tar della Regione Calabria ha recentemente accolto il ricorso di associazioni, medici e cittadini. Mentre il Tar della Regione Lazio ha respinto tre ricorsi ma ne sono già pronti altri. La proposta adesso arriverà alla Camera. Lo scorso 14 maggio Gelmini, Mandelli, Bagnasco, Bond, Brambilla, Mugnai, Novelli, Saccani Jotti (ex CdA AIFA) e Versace hanno presentato una mozione alla Camera per introdurre l’obbligo.

Nella premessa i firmatari hanno indicato le varie motivazioni che li hanno spinti a presentare questa richiesta al Governo: dati statistici sui contagi, numero dei morti annui, categorie più colpite e quelle più a rischio. Inoltre hanno riportato che a causa del Covid “risulta indispensabile raccomandare fortemente la vaccinazione anti-influenzale anche per consentire la diagnosi differenziale e facilitare la distinzione tra le due malattie” (che razza di cretinata… senza alcuna scientificità – ndr).

Libri e varie...

Su questo ultimo punto, non tutti si trovano in accordo e perfino il virologo Burioni ha ammesso che “il vaccino contro l’influenza non è tra i più efficaci. Il virus cambia ogni anno e noi dobbiamo decidere a gennaio quali ceppi includere nel vaccino che si farà a ottobre”.

Obbligo Vaccino antinfluenzale: l’impegno chiesto al Governo

La mozione proposta dai parlamentari di Forza Italia verrà discussa alla Camera il 22 settembre, proprio dopo le elezioni regionali e il referendum, e impegna il governo in dieci punti. Ne riportiamo alcuni:

Adottare iniziative per introdurre l’obbligo vaccinale gratuito (evviva… gratis ma obbligatorio! – ndr) per tutte le categorie a cui oggi è raccomandata la vaccinazione;

Adottare iniziative per introdurre l’obbligo vaccinale gratuito, attualmente previsto solo “per medici e personale sanitario di assistenza in strutture che attraverso le loro attività sono in grado di trasmettere l’influenza a chi è ad alto rischio di complicanze influenzali”, a tutti gli operatori sanitari indipendentemente dall’età;

– Estendere la raccomandazione alla profilassi vaccinale, che oggi è prevista per gli ultra sessantacinquenni, ai soggetti con più di sessant’anni;

– Investire risorse per migliorare i servizi di prevenzione sanitaria e di promozione dei programmi vaccinali. Ma anche adottare iniziative per sostenere e potenziare la ricerca scientifica.

In più dovrebbe prevedere una collaborazione di tutti gli operatori sanitari, delle istituzioni scolastiche, delle università e dei mass media (ma se sono già tutti asserviti!) per promuovere la cultura vaccinale.

Infine hanno esortato l’adozione di provvedimenti legislativi per ripristinare un livello accettabile di sicurezza sanitaria, mantenendo elevate coperture vaccinali.

Vedendo le reazioni di medici, associazioni e liberi cittadini ai provvedimenti regionali che prevedevano l’obbligo del vaccino antinfluenzale, se la mozione sarà votata favorevolmente, si muoveranno in molti per contrastarla.

Articolo di Denise Baldi – Chimica, appassionata di rimedi naturali e tutto quello che riguarda la salute in generale.

Fonte: https://www.oltre.tv/obbligo-vaccino-antinfluenzale-mozione-forza-italia/

Libri e varie...
VACCINAZIONI
Armi chimiche contro il cervello e l'evoluzione dell'uomo
di Marcello Pamio

Vaccinazioni

Armi chimiche contro il cervello e l'evoluzione dell'uomo

di Marcello Pamio

Un libro attualissimo che analizza i rischi di una pratica medica massificata e generalizzata dove non si tiene conto del singolo individuo, ma solo degli interessi che vi sono a monte. Interessi economici, ma non solo…

"Nel futuro si eliminerà l'anima per mezzo di farmaci. Come oggi si vaccinano le persone contro questa o quella malattia, così in futuro si vaccineranno i bambini con una sostanza che li renderà immuni dall'essere soggetti alla 'follia' della vita spirituale".

Ecco cosa disse durante una conferenza il 27 ottobre del 1917 lo scienziato e filosofo Rudolf Steiner sui vaccini. Il libro inizia dalla definizione di "arma chimica" data dalle Nazioni Unite e passa poi alla nascita del CDC, il Center for Disease Control and Prevention l'ente governativo che interviene per primo in tutti i casi di epidemie, e che magicamente possiede più brevetti vaccinali al mondo…

Per comprendere pienamente la strategia vaccinale è fondamentale sapere come avviene la sperimentazione clinica dei farmaci in generale e dei farmaci pediatrici. Oggi pochi sanno che i bambini sono delle cavie inconsapevoli perché almeno il 70% dei farmaci pediatrici viene testato solo su adulti e non sui bambini. Per i vaccini è ancora peggio. Viene sottolineato che i farmaci (tra cui i vaccini) sono una delle prime cause di morte al mondo occidentale.

Cosa contengono i vaccini? Centinaia di sostanze chimiche, tra cui agenti patogeni virali o batterici, metalli tossici, antibiotici, frammenti di DNA di feti umani abortiti e DNA animale, oltre ad altre sostanze protette da brevetti e segreti industriali. Tutta questa chimica cosa può provocare nel corpo in formazione di neonati?

Secondo gli esperti niente perché i vaccini sono considerati i farmaci più sicuri che esistano. La realtà come sempre è assai lontana. Quindi i vaccini sono così voluti e imposti dal Sistema non tanto per sconfiggere le malattie infettive e proteggere i bambini dalle stesse, ma per bloccare e/o impedire l'evoluzione delle coscienze.

...

Un commento

  1. Riccardo Cantamessa

    la salute è una condizione privata e non può essere imposta, se succedesse, vuol dire che siamo ritornati ad un sistema peggiore della dittatura (fascista) di Mussolini e questo non è un Paese Democratico; la condizione assolutamente più grave è che la Chiesa Bergogliana appoggia tale condizione, dal momento che Bergoglio invita a seguire le indicazioni governative!!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *