Obbligo di Mascherina a scuola… lo Stop del Consiglio di Stato!

di Francesco Cerisano

Il Consiglio di Stato apre una breccia sull’obbligo della mascherina in classe. E chiede al Governo di fare chiarezza.

Bambini e mascherine a scuola, quelle in uso sono a norma o no? - Nostrofiglio.it

Il Consiglio di stato chiede al governo di chiarire quali evidenze scientifiche abbiano portato a introdurre nei dpcm (a partire da quello del 3 novembre 2020 fino all’ultimo del 14 gennaio), l’obbligo di usare dispositivi di protezione delle vie respiratorie durante le lezioni in presenza. Lo aveva chiesto il Tar Lazio, interpellato dai genitori di una bambina altoatesina, e lo ha ricordato anche palazzo Spada nel decreto (n.304/2021) con cui il presidente della terza sezione, Franco Frattini, ha disapplicato, limitatamente alla minore, l’obbligo di usare la mascherina in classe.

I genitori della bambina, che non soffriva di nessuna patologia pregressa (perché in questo caso sarebbe stata di diritto esonerata dall’indossare la mascherina in classe) avevano dimostrato, certificati medici alla mano, problemi di ossigenazione dovuti all’uso prolungato dei dispositivi di protezione durante tutto l’orario di lezione. Problemi aggravati dal fatto che in classe non era disponibile un saturimetro che consentisse agli insegnanti di verificare eventuali sopravvenuti problemi respiratori negli alunni e intervenire ai primi segnali di difficoltà.

In attesa che sulla vicenda torni a esprimersi il Tar Lazio (in sede cautelare nella camera di consiglio già fissata per il prossimo 10 febbraio), il Consiglio di stato ha ritenuto non possa essere imposto alla minore l’uso della mascherina durante l’orario scolastico, “essendo il pericolo di affaticamento respiratorio, in mancanza di una costante verificabilità con saturimetro, troppo grave e immediato”.

La decisione di palazzo Spada non ha valore erga omnes (applicandosi solo al caso singolo) ma potrebbe ispirare analoghi ricorsi in tutta Italia, portando di fatto a una disapplicazione dell’obbligo di proteggere le vie respiratorie in classe, negli istituti di ogni ordine e grado. Non solo. Il decreto dell’ex ministro Frattini, ricorda a palazzo Chigi come sia “ampiamente decorso” il termine di 15 giorni fissato dal Tar per depositare la documentazione giustificativa richiesta.

“Il 29 dicembre il governo ha prodotto una relazione riepilogativa dei motivi che hanno portato a inserire nel dpcm l’obbligo di mascherina per gli alunni del primo ciclo di istruzione, ma senza indicare studi clinici per motivarne la fondatezza”, osserva il legale dei genitori ricorrenti, l’avvocato Francesco Scifo, che in precedenza aveva curato anche il ricorso dei genitori di un bambino sardo per gli stessi motivi.

“Le caratteristiche fisiche dei minori di 12 anni sono tali da non poter essere trattate alla stregua di quelle degli adulti”, osserva. “Nella relazione, l’esecutivo ha citato un report dell’agenzia federale degli Stati Uniti per la prevenzione e il controllo delle malattie (Centers for disease control and prevention) in cui si dice chiaramente che l’uso delle mascherine a scuola ha la stessa importanza di altre misure di prevenzione quali il distanziamento, il lavaggio costante delle mani e la regolare pulizia e igienizzazione delle superfici”, lamenta il legale.

In vista dell’udienza al Tar del 10 febbraio, palazzo Chigi sarà quindi chiamato a integrare la documentazione prodotta integrandola con una valutazione preventiva di impatto da parte del Comitato tecnico scientifico. “Il Cts deve chiarire i possibili effetti dell’uso delle mascherine sulla psiche e sul sistema cardiocircolatorio dei minori di 12 anni“, conclude Scifo.

Articolo di Francesco Cerisano

Fonte: https://www.italiaoggi.it/news/obbligo-di-mascherina-lo-stop-del-cds-2505585

Libri e varie...
LO SCONTRO DELLE CIVILTà E IL NUOVO ORDINE MONDIALE
Il futuro geopolitico del pianeta nell'analisi più discussa di questi anni
di Samuel P. Huntington

Lo Scontro delle Civiltà e il Nuovo Ordine Mondiale

Il futuro geopolitico del pianeta nell'analisi più discussa di questi anni

di Samuel P. Huntington

Questo libro ha una genesi curiosa e affascinante, che può spiegare il suo enorme impatto sul pubblico americano (sei edizioni in quattro mesi, best seller anche in Germania) e sul dibattito politico negli USA e nel mondo intero.
Nel 1993 la prestigiosa rivista "Foreign Affairs" pubblica un articolo dal titolo Lo scontro delle civiltà, firmato da Samuel P. Huntington. Il saggio suscita un enorme dibattito, paragonabile solo a quello suscitato da Mr. X (George Kennan), quando negli anni Quaranta tracciò le linee fondamentali della politica americana contro l'URSS e in definitiva diede inizio alla Guerra Fredda.

In questi ultimi tre anni Samuel P. Huntington ha ampliato la sua indagine e sviluppato la sua ipotesi strategica, e meglio precisato e approfondito le sue tesi. Il frutto di questo lavoro è un volume di ampio respiro, che si trova da mesi al centro dell'attenzione dei massimi esperti di relazioni internazionali e dei media di tutto il mondo. In Italia, "la Repubblica" gli ha già dedicato un'intera pagina (a firma di Romano Giachetti), ne hanno parlato tutti i più importanti organi di stampa. Huntington prende le mosse da una constatazione.

Sotto la spinta della modernizzazione, la politica planetaria si sta ristrutturando secondo linee culturali. I popoli e i paesi con culture simili si avvicinano. Le alleanze determinate da motivi ideologici o dai rapporti tra le superpotenze lasciano il campo ad alleanze definite dalle culture e dalle civiltà. I confini politici vengono ridisegnati affinché coincidano con quelli culturali... Le comunità culturali stanno sostituendo i blocchi della Guerra Fredda e le linee di faglia tra civiltà stanno diventando le linee dei conflitti nella politica globale.

Ma quali sono le grandi civiltà che stanno entrando in conflitto nello scenario globale? Da un lato naturalmente c'è il modello americano. Ma quali sono gli altri protagonisti? Qual è il peso della potenza militare e quale quello della potenza economica in questa partita per la supremazia mondiale? Che ruolo può avere l'Europa? Quale sarà il peso dell'Asia, dal Giappone al gigante cinese alle economie emergenti?

E' questo il filo conduttore del grande scenario tracciato dallo studioso americano, nel primo approfondito tentativo di comprendere l'evoluzione della politica estera dopo l'89 e il crollo del modello bipolare.

...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *