Nuova scoperta avvalora la teoria della vita dopo la morte

20140117-183453.jpgNEW YORK (WSI) – Negli ultimi anni la fisica sta assistendo a una piccola rivoluzione, con gli scienziati che hanno iniziato a interpretare la coscienza come una cosa effettiva, al pari di un solido, un liquido o un qualsiasi oggetto.

Una rivisitazione di una controversa teoria sulla sopravvivenza della coscienza dopo la morte, sostiene che questa derivi dai livelli più profondi del cervello, dalle attività che avvengono all’interno dei neuroni cerebrali.

Su Wall Street Italia avevamo già parlato di una teoria suggestiva riguardante la vita che non terminerebbe con la morte del nostro corpo, ma invece andrebbe avanti per sempre, tramite la nostra coscienza. Ora grazie alla scoperta dell’esistenza di vibrazioni quantistiche nei microtubuli presenti all’interno dei neuroni cerebrali, pubblicata dalla rivista ‘Physics of Life Reviews’, un team di studiosi è riuscito in qualche modo ad avvolare l’ipotesi suggestiva del dottore di biogenetica ed esperto di fisica quantistica Robert Lanza, prima ancora di quella effettuata 20 anni fa da Stuart Hameroff e Roger Penrose.

Anirban Bandyppadhay, dottorando del National Instituite di Scienze Naturali a Tsukuba, in Giappone, e ora al MIT di Boston, a capo della squadra autrice della nuova scoperta, suggerisce che le onde cerebrali EEG derivano da profonde vibrazioni microtubulari e, che da un punto di vista pratico, modificando queste vibrazioni si potrebbero migliorare una serie di condizioni mentali, neurologiche e cognitive.

I microtubuli sono i principali componenti dello scheletro strutturale delle cellule. La teoria, chiamata “orchestrated objective reduction” (“Orch OR”), era stata proposta per la prima volta a metà degli Anni 90 proprio da Roger Penrose, eminente fisico matematico, e dall’anestesista Stuart Hameroff. I due osservarono che le vibrazioni quantiche nei microtuboli sono “orchestrate” da ingressi sinaptici e memorizzati in microtuboli.

La teoria è stata duramente criticata, in quanto il cervello veniva considerato troppo “caldo, umido e rumoroso” per processi quantistici apparentemente così delicati. L’evidenza, tuttavia, ha poi dimostrato il contrario, prendendo come esempi la fotosintesi delle piante, il cervello degli uccelli quando navigano, il nostro senso dell’olfatto e i microtubuli cerebrali.

La scoperta suggerisce inoltre che i ritmi EEG derivano dai livelli più profondi delle vibrazioni microtubolari. Inoltre l’anestesia, che cancella in modo selettivo la coscienza risparmiando le attività del cervello non coscienti, agirebbe attraverso microtubuli nei neuroni cerebrali.

Hameroff e Penrose scrivono che “l’origine della coscienza riflette il nostro posto nell’universo, la natura della nostra esistenza. La domanda da farsi è: la coscienza si è evoluta da complessi calcoli tra i neuroni del cervello o invece è la coscienza stessa, in qualche modo, a starci sempre “accanto”, come il guscio di una tartaruga e come sostengono gli approcci spirituali?

“Queste domande potenzialmente aprono un vaso di Pandora, ma la nostra teoria ospita entrambi i punti di vista, suggerendo che la coscienza deriva da vibrazioni quantiche in microtubuli (polimeri di proteine all’interno dei neuroni del cervello), che gestiscono le funzioni neuronali e sinaptiche e che collegano i processi cerebrali a processi di auto-organizzazione”.

Potrebbe questa ancora misteriosa entità – la coscienza – sopravvivere nell’universo anche dopo la morte fisica del corpo e del cervello?

Dopo 20 anni di scetticismo e controversi studi a ripetizione, gli ultimi risultati arrivano alla conclusione che i bit quantistici, o anche “qubits”, di cui tratta la teoria Orch OR, sono percorsi elicoidali in reticoli microtubolari.

I risultati permettono di respingere le critiche mosse sin qui, e la conclusione è che la coscienza gioca un ruolo attivo intrinseco nell’universo.

Fonte: http://ununiverso.altervista.org/blog/nuova-scoperta-avvalora-la-teoria-della-vita-dopo-la-morte/

Libri sull'argomento
La Bobina di Tesla di George Trinkaus
Neuro Quantistica di Ermanno Paolelli
L'Acqua che Guarisce di Masaru Emoto, Jurgen Fliege
Manuale di Lettura del Pensiero di Erik Jan Hanussen
Accedi al Codice del tuo Cervello - Volume 3 di Riccardo Tristano Tuis
Mente e Cellule di John E. Upledger
ALIENI: UN MISTERO FRA NOI
Storie di messaggi, avvistamenti e incontri
di Enrico Ruggeri

Alieni: un Mistero fra Noi

Storie di messaggi, avvistamenti e incontri

di Enrico Ruggeri

Siamo soli nell'universo? Entreremo mai in contatto

con forme di vita provenienti da mondi lontani?

Come cambierebbe la nostra esistenza se potessimo

comunicare e interagire con razze aliene?

 

Fin dagli albori della Storia, gli uomini si pongono queste domande. A scatenarle non sono solo l'immensità del cielo e la magnificenza delle notti stellate, ma soprattutto innumerevoli circostanze anomale che si sono verificate nei secoli e nei cinque continenti. Come vanno interpretate le rappresentazioni di navicelle spaziali nei resti della civiltà Maya? Che cosa c'è dietro il "culto del cargo", la venerazione di imponenti mezzi di trasporto metallici diffusa presso popolazioni arretrate e isolate in Oceania e a Tahiti? Chi pratica i giganteschi cerchi nel grano, il più recente dei quali, a Chibolton in Inghilterra, riporta informazioni lanciate nello spazio più di vent'anni prima da un radiotelescopio americano? Ma i segni inesplicabili non si fermano qui.

Tante persone hanno avuto il coraggio di raccontare – esponendosi spesso all'accusa di mitomania – incontri più o meno ravvicinati con creature mai viste prima sulla Terra.

Durante la fortunata trasmissione tv Mistero, Enrico Ruggeri ha affrontato tutti questi argomenti e ha raccolto anche drammatiche testimonianze dirette, come quella di Giovanna che ha riferito di essere stata violentata ripetutamente dagli alieni.

In questo libro Ruggeri approfondisce il tema, ricostruendone la storia da tempi remoti fi no a oggi, raccontando la nascita dell'ufologia e presentando casi sconvolgenti. Il tutto si lega e si spiega in un'unica chiave: lo spazio è ancora un mistero per noi, e proprio per questo non possiamo evitare di interrogarci su quello che ci può riservare e sulle opportunità che ci offre.

 

...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *