Noia a mille e cibo a casa con i robot, la Cina in 2 scatti al tempo del virus

di Maria Elena Viggiano

Le ripercussioni economiche che la Cina dovrà affrontare a seguito dell’epidemia del coronavirus sono indubbie. Secondo l’Oxford Economics, le stime di crescita per il primo trimestre del 2020 saranno inferiori al 4% e per il resto dell’anno è previsto un 5,6%. Prima del virus si parlava del 6%.

Risultato immagini per food delivery in Cina coronavirus

Si tratta di un colpo durissimo e di prendere consapevolezza che il “sogno cinese”, di essere un paese sempre più forte economicamente e al centro del mondo, subirà una battuta di arresto. Il presidente Xi Jinping ha deciso di prendere delle misure mai adottate in precedenza per il contenimento dell’epidemia: quarantena per 60 milioni di cinesi ed oltre 700 milioni di persone in isolamento a causa di restrizioni dei viaggi.

Nel giro di pochi giorni sono cambiate le abitudini dei consumatori cinesi: dal cibo alla cultura, dall’esercizio fisico all’intrattenimento. La ricerca della parola “noia” ha avuto una impennata del 626% sul sito Weibo, così come la domanda sui motori di ricerca: “Come occupare il tempo a casa?”. L’uso di internet è stata la risposta, molti imprenditori hanno compreso che il digitale poteva diventare l’unico modo per continuare a fare affari e rimanere in contatto con i propri clienti. In Cina si parla di una crescita esponenziale del food delivery e di cambi di comportamento di consumo del cibo e nelle procedure di consegna – dichiara Valentina Pontiggia, direttore dell’Osservatorio eCommerce B2c del Politecnico di Milano. Si è passati da ordini mono-pasto, poiché il pranzo ordinato online viene di solito consumato da soli, a ordini più consistenti considerando le famiglie costrette a limitare i propri spostamenti”.

Così se a dicembre le previsioni delle vendite tramite e-commerce in Cina erano di 2.328 trilioni di dollari nel corso del 2020 i numeri saranno perfino più alti. Meituan, una delle principali aziende cinesi di consegne di cibo, ha incrementato gli ordini di quattro volte rispetto allo stesso periodo dello scorso anno. In aumento anche le vendite online per il reparto alimentare di JD.com che registrano un +215% così come la catena francese Carrefour ha segnato un +600% per le consegne di cibo. L’altro problema era poi la necessità di limitare il contatto diretto tra cliente e fattorino nella fase di consegna.

“Dalle catene di ristorazione (McDonald’s, KFC, Pizza Hut) alle piattaforme di food delivery, tutti hanno optato per l’opzione di consegna contactless sull’uscio di casa o in un altro luogo indicato – racconta Samuele Fraternali, ricercatore senior dell’Osservatorio eCommerce B2c. Parallelamente in Cina si sta lavorando anche alle consegne tramite robot, soprattutto nelle aree più a rischio“. Meituan e Jd.com hanno deciso di effettuare consegne attraverso droni o veicoli a guida autonoma. L’uso dei robot è stato adottato anche da alcuni ospedali per il trasporto di forniture medicali e già si pensa ai possibili sviluppi di queste tecnologie per automatizzare alcuni processi del settore pubblico.

I cinesi hanno reagito alla quarantena anche impegnando il proprio tempo in una serie di attività diverse dal solito. La cucina è diventata un luogo di incontro e di conforto, sono state inventate nuove ricette e regole per la preparazione del cibo che poi sono state condivise online. In aumento il tempo trascorso su internet che da 6,1 ore è passato a 7,3 di media giornaliera e l’utilizzo dei media tradizionali come la televisione. I video dei trainer, sono stati utili per fare esercizi fisici in casa e sono diventati argomento di chat di gruppo su WeChat, piattaforma di messaggistica istantanea.

Articolo di Maria Elena Viggiano

Fonte: https://www.econopoly.ilsole24ore.com/2020/03/06/cibo-virus-quarantena/

Il Giardino dei Libri: "Al Giardino dei Libri siamo operativi e spediamo regolarmente tutti gli ordini come sempre, anche in questo periodo".
LA TERAPIA ANTIACIDA PER LA CURA DEI TUMORI
di Stefano Fais

La Terapia Antiacida per la Cura dei Tumori

di Stefano Fais

Questo libro presenta in maniera chiara e dettagliata la terapia antiacida per la cura dei tumori, un metodo di cura dei tumori basato su tantissime evidenze scientifiche raccolte dal 2004 dal dott. Stefano Fais (ricercatore medico e Direttore del Reparto Farmaci Anti-Tumorali dell'Istituto Superiore di Sanità) e dal suo gruppo di ricerca. 

Il Dott. Fais propone un percorso terapeutico alcalinizzante contro i tumori. Anche l'interpretazione dell'origine del cancro viene mutata: è l'ambiente organico e cellulare che predispone cellule già esistenti a mutare e proliferare e non la malignità di alcune cellule che si impongono su altre.

ISTRUZIONE PREVENDITA: questo libro uscirà il 21 Gennaio, ma puoi acquistarlo in prevendita già da oggi. Se il tuo ordine è superiore ai 29 € le spese di spedizione sono gratuite, se invece il tuo ordine è inferiore ai 29 € puoi usufruire del vantaggio delle spese di spedizione ridotte a € 2,90. Acquistando il libro in prevendita ti assicuri in Omaggio il video mp4 da scaricare "Intervista a Stefano Fais". Il libro ti sarà spedito a casa il 21 Gennaio. Il Video potrai vederlo immediatamente subito dopo l'ordine del libro: riceverai tramite email il link da cui potrai scaricare il video.

L'autore, in maniera chiara e dettagliata, spiega:

  • qual è l'attuale terapia dei tumori;
  • perché ogni paziente va considerato per la propria personale vita vissuta e non solo per lo stadio della sua malattia;
  • la correlazione che c'è tra tumori e acidità;
  • cos'è il trattamento antiacido e le evidenze scientifiche che provano che funziona;
  • perché i tumori sono malattie e non condanne a morte.

Altrettanto chiare e significative sono le molte testimonianze di pazienti – e anche di suoi colleghi – che Fais ha inserito per dare un segno tangibile di come può e dovrebbe essere l'approccio di un medico verso chi vive questa patologia.

"Nella sua analisi eseguita con uno sguardo veramente panoramico, Fais non concede sconti ad alcune basi teoriche, alle applicazioni, ai farmaci, all'industria farmaceutica e alle leggi del profitto. E ripensa, alla luce dei risultati, alle speranze accese e disattese, all'operato e allo stato d'arte della più difficile tra le attività di ricerca umane."

"Quando il mondo intero procede nella direzione della ricerca del bersaglio molecolare, dell'identificazione di molecole che distinguono un tumore dall'altro e se possibile un paziente dall'altro, io scrivo e parlo di un aspetto comune a tutti i tumori, cioè l'acidità presente nell'ambiente tumorale. Scrivo e dico che tale acidità seleziona cellule che sanno vivere in un ambiente così ostile e che per viverci contribuiscono ulteriormente ad acidificare l'ambiente tumorale". Dall'Introduzione

 

 

REGALO ESCLUSIVO
solo per chi acquista "La Terapia Antiacida per la Cura dei Tumori"
sul Giardino dei Libri

Intervista a Stefano Fais
Video mp4 da scaricare - Durata 57 minuti

Gli argomenti trattati nel video:

I tumori sono acidi e questo li isola dal resto del corpo, anche dalla chemioterapia
Il "magic bullet" (il proiettile magico) nei tumori non esiste
Tumore alla mammella: il caso dei farmaci tossici da sospendere
I tumori hanno molto più cose in comune che cose che li distinguono
PSA alta significa veramente tumore alla prostata?
Perché il "Progetto Genoma" ha sostanzialmente fallito
Perché i tumori sono acidi
La chemioterapia è nata come arma di guerra
Il medico deve aiutare il paziente a curarsi da solo
PNEI: una scienza che parla del nostro corpo
I tumori sono malattie e non sentenze di morte
Le testimonianze nel libro "La terapia antiacida per la cura dei tumori"
La testimonianza di un medico guarito dal tumore

Riceverai un email con il link dal quale potrai
scaricare il video mp4.

OMAGGIO

...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *