“Moriranno più persone a causa della Crisi economica che per il Virus stesso”

di Gavin Jones

Le imprese italiane contano gli alti costi del blocco da Coronavirus…

Risultato immagini per crollo pil italia

“La decisione giusta è quella di rimanere a casa”, ha detto il primo ministro Giuseppe Conte, quando ha imposto il blocco lunedì scorso. La maggior parte degli italiani sta seguendo il suo consiglio, con strade e piazze abbandonate su e giù per il paese di 60 milioni di persone.

Secondo l’economista Lorenzo Codogno, la produzione giornaliera nella terza economia della zona euro, è inferiore di circa il 15% rispetto ai livelli normali. Il ministro dell’Economia Roberto Gualtieri, ha avvertito mercoledì di una “caduta significativa” del prodotto interno lordo quest’anno.

Libri e varie...

Dietro le cifre ci sono migliaia di aziende che rischiano la chiusura quando la loro vitale liquidità quotidiana si prosciuga, sollevando enormi dubbi sulla promessa di Gualtieri che “nessuno perderà il lavoro” a causa dell’epidemia.

“Se andrà avanti così, smetterò”, ha detto Franco Giovinazzo, che gestisce Spazio Caffe nel centro di Roma, guardando vassoi di cibo non consumato, durante quella che era una frenetica ora di pranzo. “Se non vendi un paio di scarpe oggi, saranno comunque buone da vendere tra un mese. Ma cosa posso fare con questo? Devo buttare via tutto”.

Risultato immagini per caduta Pil

“I prossimi tre mesi saranno terribili”, afferma Antonio Marzo, proprietario di Indaco Project, che produce software e hardware per l’automazione del lavoro nella città di Bologna. “I clienti non stanno spendendo perché temono che tutto si fermi e non possiamo nemmeno visitarli perché hanno paura del virus”, ha aggiunto, aggiungendo che se la situazione non migliora entro un mese, potrebbe dover inviare il personale a casa con una retribuzione ridotta.

Tuttavia, circa l’89% degli italiani sostiene la repressione del governo, perché terrorizzata dai media. Per le aziende di ogni tipo, mantenere la liquidità per pagare fatture, affitti e salari è la massima priorità per rimanere a galla. “Le imprese stanno esaurendo l’ossigeno”, ha detto Massimo Carboniero, proprietario di Omera, azienda produttrice di presse meccaniche e idrauliche nel Veneto. Mario Monfreda, proprietario del vicino ristorante Larys, è ancora più drastico. “Questo causerà povertà e miseria”, dice. “Moriranno più persone a causa della crisi economica che questo causerà, rispetto al virus stesso”.

Articolo di Gavin Jones

Fonte originale: https://www.reuters.com/article/us-health-coronavirus-italy-business-idUSKBN20Z1CM

Fonte: https://www.maurizioblondet.it/piu-persone-moriranno-a-causa-della-crisi-economica-che-per-il-virus-stesso/

Libri e varie...
MASSONI
Società a Responsabilità illimitata. La Scoperta delle Ur-Lodges
di Gioele Magaldi, Laura Maragnani

Massoni

Società a Responsabilità illimitata. La Scoperta delle Ur-Lodges

di Gioele Magaldi, Laura Maragnani

Da JFK a papa Giovanni, da Margareth Thatcher a Deng Xiao Ping, da Barack Obama a Vladimir Putin, ecco come le segretissime ur-lodges massoniche si contendono il governo del mondo.

Sedetevi e fate un bel respiro: qui trovate storia, nomi e obiettivi dei massoni al potere in Italia e nel mondo, raccontati da autorevolissimi insider del network massonico internazionale, che per la prima volta aprono gli archivi riservati delle proprie superlogge (Ur-Lodges). Le liste che leggerete sono sconvolgenti. Lo sapevate che Angela Merkel e Vladimir Putin sono stati iniziati alla stessa Ur-Lodge, la Golden Eurasia? E che l'Isis è manipolato da superfratelli assolutamente indifferenti all'Islam?

Da Barack Obama a Xi Jimping, da Mario Draghi a Giorgio Napolitano, da Christine Lagarde a Pier Carlo Padoan, passando per Gandhi, Reagan, Mandela, Agnelli, Clinton e Blair, ecco i grembiulini che hanno segnato la storia del Novecento e dei primi anni Duemila.

Tra le Ur-Lodges neoaristocratiche, che vogliono restaurare il potere degli oligarchi, e quelle progressiste, fedeli al motto Liberté Égalité Fraternité, è in corso una guerra feroce. L'ultimo atto è già iniziato, come rivela Magaldi per la prima volta, con la rottura della "pax massonica" stilata nel 1981: il patto "United Freemasons for Globalization".

Una rilettura esplosiva del Novecento nei suoi momenti più drammatici – la guerra fredda, gli omicidi dei fratelli Kennedy e di M.L. King, gli attentati a Reagan e a Wojtyla – arrivando fino al massacro dell'11 settembre 2001 e all'avanzata dell'Isis in questi giorni. Il primo volume di una trilogia che offre un'inedita radiografia del potere.

...

Un commento

  1. In effetti hanno sbagliato tutto dall’inizio e secondo il mio pensiero è stata tutta una strategia voluta. Se non si torna a una nazione sovrana in tutto e per tutto sarà una catastrofe.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *