Misteriosi fasci di luce avvistati in tutto il mondo

Misteriosi fasci di luce avvistati in tutto il mondo
In questi ultimi tempi accadono misteriosi fenomeni nei cieli di tutto il globo e spesso vediamo comparire strane sfere luminose, oggetti che cadono dal cielo, sfere incandescenti e raggi laser sparati nello spazio registrati anche dalle telecamere (canale live streaming NASA) in diretta dalla ISS. Qual è il loro significato e perché si verificano questi insoliti fenomeni?

Un esempio di ciò che sta accadendo e nessuno sa il motivo, sono le ormi famose “colonne di luce”, tipicamente osservate nelle regioni polari, ma ora sono state segnalate anche a latitudini più basse in occasione di temperature fredde. La maggior parte di questi fasci di luce sembrano essere sparati dal basso verso l’alto, generando strisce verticali di luce non molto densa. Ad esempio, nessuno è riuscito a spiegare il famoso raggio di luce che è stato visto sprigionarsi dalla punta della Piramide Kukulkan, fotografata da Hector Siliezar il 24 luglio 2009, mentre era in vacanza in Messico con la famiglia.

Kukulkan-beam2Sembra improbabile che tutte queste colonne luminose possano essere attribuite solo a dei fenomeni naturali, al malfunzionamento della fotocamera o a un problema tecnico della sensore digitale della fotocamera. Alcuni hanno avanzato l’ipotesi che la radiazione solare, interagendo con il campo magnetico terrestre, possa creare un campo di ionizzazione quando questa aderisce alle linee magnetiche del pianeta, trasformandosi cosi in ciò che vediamo come un raggio di luce, costituito appunto da particelle ionizzate cariche e che vengono trasportate dal vento solare fino nella nostra atmosfera.

beams rays

Per il fisico Slobodan Mizdrak che si interessa delle piramidi in Bosnia, asserisce che questi fasci di luce, non sono altro che fasci di energia che arrivano dall’alto verso il basso, ovvero dallo spazio, e come si avvicinano alla Terra, questi si amplificano di più aumentando la loro potenza.

Ad esempio, lo stesso Dr. Mizdrak che studia le piramidi in Bosnia, ha effettuato delle misurazioni con delle apparecchiature sulla vetta della Piramide del Sole, e per la prima volta nell’aprile 2014, ha notato che il flusso di energia venuta dall’alto era un flusso con un segnale molto potente. Lo stesso si può dire per il sistema di tunnel Ravne all’interno della piramide. Da ciò si può concludere che la Piramide del Sole in Bosnia è attiva ancora oggi. Il Flusso di energia entra nella piramide, poi si converte e si irradia nello spazio, nell’atmosfera, in tutta la valle, poi negli edifici vicini, su tutte le persone e gli oggetti distanti. Non vi è dubbio che la Piramide del Sole in Bosnia come le altri piramidi in tutto il globo, erano e sono parte di una rete di energia contenente una informazione o codice globale, un ruolo particolare per l’evoluzione della Terra e la civiltà.

portali1045

Secondo il ricercatore Massimo Fratini questi flussi di energia, di solito non sono visibili ad occhio nudo, ma effetti meteo-transitori come i temporali e fulmini, possono attivare questi flussi, diventando cosi visibili per pochissimi secondi. Questi flussi sono parte della griglia globale di energia o comunemente chiamate Ley Lines. Una volta attivate da una scarica elettrica (in questo caso un fulmine) oppure dalla radiazione solare e cosmica, questi flussi possono attivarsi di conseguenza creando ”portali magnetici o stargate”.

piramyds_stargate_beamrays2

Questi portali sono stati scoperti recentemente dalla NASA e risultano essere instabili. Sono quindi invisibili, instabili, sfuggenti e imprevedibili, tali da risucchiare anche un aereo o navi di grandi proporzioni e trasportarli in dimensioni spazio-temporali a noi sconosciuti, come accaduto nel Triangolo delle Bermude.

Articolo di Miguel Hernandez (Messico)

Fonte: Segnidalcielo.it

Libri sull'argomento
Runa Antilis di Luis Fernando Mostajo Maertens
Visitatori da Altri Mondi di Jean Prieur
Esperimenti Scientifici Non Autorizzati di Marco Pizzuti
Le Astronavi del Sinai di Zecharia Sitchin
Il Mistero Svelato di Paola Leopizzi Harris
La Bibbia non Parla di Dio di Mauro Biglino
COME HO TROVATO L'ARCA DI NOè
Storia documentata di una grande scoperta storico-archeologica
di Angelo Palego

Il libro riporta dettagliatamente, con numerose fotografie, illustrazioni e documenti, questa meravigliosa avventura.
 Angelo Palego, autore di ben 13 spedizioni sul massiccio dell'Ararat, espone nei dettagli il modo in cui, guidato dalla Bibbia e dalla sua intuizione, ha compiuto la sua straordinaria scoperta.
 I resti dell'arca di Noè, divisi in due tronconi, si trovano su un ghiacciaio a circa 4800 metri d'altezza. I ghiacci e il clima hanno consentito al legno bitumato dell'Arca di resistere per circa 5.000 anni alla naturale distruzione.
 Alcuni frammenti dell'arca, recuperati negli anni passati da altri ricercatori, dimostrano l'esistenza di questo prezioso reperto, che tuttavia appare e scompare di tanto in tanto a causa dello scorrimento dei ghiacci. I frammenti lignei a suo tempo raccolti sono stati scientificamente datati a 5000 anni fa.
 I tronconi dell'Arca sono oggi semisepolti dai ghiacci e in una posizione pressoché inaccessibile. Tuttavia, diverse fotografie eseguite dall'autore ne dimostrano la presenza, e le dimensioni concordano esattamente con quelle descritte nella Bibbia: 300 cubiti di lunghezza (circa 133 metri) per 50 di larghezza (32 metri) per 30 di altezza (13 metri). Divisa in tre piani, questa enorme "zattera", delle dimensioni di un grande palazzo, costruita in "legno resinoso" e ricoperta di pece, ha resistito per cinque millenni alle intemperie e ai terremoti, per riapparire oggi quale testimonianza della verità del racconto biblico e - secondo l'Autore - dell'esistenza e della gloria di Dio....

Come ho Trovato l'Arca di Noè

Storia documentata di una grande scoperta storico-archeologica

di Angelo Palego

Il libro riporta dettagliatamente, con numerose fotografie, illustrazioni e documenti, questa meravigliosa avventura.

Angelo Palego, autore di ben 13 spedizioni sul massiccio dell'Ararat, espone nei dettagli il modo in cui, guidato dalla Bibbia e dalla sua intuizione, ha compiuto la sua straordinaria scoperta.

I resti dell'arca di Noè, divisi in due tronconi, si trovano su un ghiacciaio a circa 4800 metri d'altezza. I ghiacci e il clima hanno consentito al legno bitumato dell'Arca di resistere per circa 5.000 anni alla naturale distruzione.

Alcuni frammenti dell'arca, recuperati negli anni passati da altri ricercatori, dimostrano l'esistenza di questo prezioso reperto, che tuttavia appare e scompare di tanto in tanto a causa dello scorrimento dei ghiacci. I frammenti lignei a suo tempo raccolti sono stati scientificamente datati a 5000 anni fa.

I tronconi dell'Arca sono oggi semisepolti dai ghiacci e in una posizione pressoché inaccessibile. Tuttavia, diverse fotografie eseguite dall'autore ne dimostrano la presenza, e le dimensioni concordano esattamente con quelle descritte nella Bibbia: 300 cubiti di lunghezza (circa 133 metri) per 50 di larghezza (32 metri) per 30 di altezza (13 metri). Divisa in tre piani, questa enorme "zattera", delle dimensioni di un grande palazzo, costruita in "legno resinoso" e ricoperta di pece, ha resistito per cinque millenni alle intemperie e ai terremoti, per riapparire oggi quale testimonianza della verità del racconto biblico e - secondo l'Autore - dell'esistenza e della gloria di Dio.

...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*