“Men in black” (M.I.B.): chi sono gli “Uomini in Nero”?

Alcuni ricercatori sono convinti che gli “Uomini in Nero” siano extraterrestri, che interverrebbero per proibire la denuncia di fatti orribili, perpetrati in combutta col Governo.

Essi rapirebbero individui per esperimenti sulla razza umana di inaudita ferocia. Roberto Pinotti (noto ufologo), sul n. 211 del “Giornale dei Misteri”, riporta la teoria di John Lear, che ha effettuato delle missioni per conto della CIA e che, tra l’altro, è figlio di William P. Lear, ex candidato al Senato per lo Stato del Nevada. Spiega Pinotti che, secondo la teoria di John Lear, gli extraterrestri effettuerebbero, sui soggetti rapiti, tutta una serie di esperimenti:

  • II controllo biologico del soggetto rapito, tramite l’inserimento di un dispositivo di 3 millimetri attraverso la cavità nasale nel cervello…
  • Imprimere suggestioni post-ipnotiche per realizzare una specifica, forse anche eccessiva attività, per un periodo di tempo che va dai 2 ai 15 anni seguenti. Le migliori menti scientifiche non sono state in grado di determinare la natura di tale attività.
  • Uccidere alcuni soggetti per utilizzare i corpi come fonte di materiale biologico, specificatamente cibo.
  • Uccidere alcuni individui che, per i “Grigi” (razza aliena molto avanzata denominata EBE cioè Entità Biologiche Extraterrestri e detti Grigi per il colore della loro pelle) rappresentano una minaccia al proseguimento della loro attività.
  • Effettuare esperimenti di ingegneria genetica.
  • Fecondare femmine umane ed abbreviarne la gravidanza per assicurarsi le creature nate dall’incrocio delle 2 razze.
Libri e varie...

Gli Uomini in Nero porterebbero avanti, secondo questa teoria, un programma di disinformazione e di censura, per coprire la foro infiltrazione in centri chiave di potere politico e per nascondere i loro mostruosi esperimenti con gli abitanti della Terra. A tal proposito, Pinotti, in un interessante articolo dal titolo “L’uomo che sapeva troppo”, scrive: “I Men in black erano… a detta di Albert k. Bender (ufologo, fondatore di un noto  gruppo di ricerca in campo ufologico, in seguito contattato da tre uomini in nero che gli avrebbero rivelato verità terribili sulle attività di certi alieni e dei loro scopi, cosa che trasformò la sua vita in un incubo) esseri extraterrestri operanti, sulla Terra. ( …)”.

Gli extraterrestri di Bender non erano i “fratelli cosmici” preoccupati per il nostro futuro e desiderosi di aiutarci a salvarci dall’autodistruzione. Gli esseri rivelatisi all’ufologo, al contrario, gli si erano presentati come emissari di una vera e propria struttura operativa aliena in mezzo a noi, avente finalità non certo altruistiche. Anzi. ( … ). L’aspetto fisico di queste creature era orribile per noi”.

Dopo averli visti come erano in realtà, Bender li descrive abbastanza simili, al “naturale”, al cosiddetto “mostro di Flatwooods” (foto sopra), con tutta una serie di effetti secondari non particolarmente gradevoli per gli umani (ad esempio, l’acre odore solforoso associato alle loro manifestazioni ). Esseri non umani, estremamente evoluti dal punto di vista tecnologico e mentale, e anatomicamente del tutto diversi da noi” ( Alieni, n. 9, ottobre 1997).

Altri sostengono che i MIB siano, in realtà, agenti governativi. Pierluigi Sandonnini scrive: “negli USA, i testimoni più razionali presumono che gli uomini in nero che li hanno visitati facessero parte dello staff dei servizi di sicurezza dell’Air Force”. “A dire la verità, in circa metà dei casi, sia negli USA che nel Regno Unito, gli uomini in nero avrebbero cercato di provare ai testimoni di avere una identità istituzionale. Solo che nessuna organizzazione governativa ha mai confermato che questi strani visitatori fossero propri agenti (I Misteri, n. 18, gennaio/febbraio 1997 ).

Libri e varie...

Ad onor del vero, però, c’è ancora un’altra ipotesi sui M.I.B. Ecco quanto racconta ancora, al riguardo, Sandonnini: Tra il 1965 e il 1967 ci fu una nuova ondata di attività degli uomini neri negli USA. John Keel ne scrisse abbondantemente nei suoi libri ‘Operazione Troian Horse’ e ‘The Mothman Prophecies’. In molte città dell’Ohio e dell’ovest Virginia, furono viste strane luci e entità aliene in numero allarmante, così come si verificarono visite da parte di uomini in nero“.

Keel stesso confessa esperienze di incontri notturni con queste entità. Egli sviluppò una propria visione, diciamo così “eretica”, secondo la quale non sarebbero alieni su astronavi a far visita ai testimoni, bensì si tratterebbe di manifestazioni demoniache …

John Lear e Milton W. Cooper, inoltre, hanno denunciato fatti davvero sconvolgenti e, cioè, che il nostro pianeta è sotto il potere di un misterioso “Governo Ombra”, che, in grande segretezza, controlla il narcotraffico, propaga malattie come l’Aids a fini sperimentali e di controllo e compie altre efferatezze. Nel New Mexico e nel Nevada esisterebbero basi segretissime dove verrebbero stilati questi atroci programmi.

Chi è venuto in contatto con gli uomini in nero li ha sempre descritti in questo modo: “individui tutti vestiti di nero e con occhiali scuri; il tutto contrasta con la camicia di un bianco latteo”. Dunque, sarebbero i misteriosi M.I.B. non solo a “suicidare” ma anche, a scatenare improvvisa follia, infarti letali, malattie o incidenti mortali agli studiosi di ufologia e anche a semplici testimoni che, direttamente o indirettamente, avevano scoperto pericolosi segreti sugli alieni?

Per chi non fosse ancora soddisfatto dai fatti appena narrati e dalle ipotesi proposte, ecco ancora un altro mistero che va a sommarsi ai tanti non ancora sufficientemente spiegati… Che legame esiste tra la data di nascita della moderna ufologia e molti casi di decessi inspiegabili? Non sono pochi infatti i personaggi rilevanti nel settore ufologico, sia per il loro contributo che per le loro scoperte, morte o scomparse proprio il 24 Giugno, chiaro richiamo allo stesso giorno e mese del 1947, che ricorda lo storico avvistamento di Kenneth Arnold:

– Frank Scully, giornalista e scrittore americano, morto il 24 giugno del 1964,

– i contattisti inglesi Arthur Bryant e Richard Church, scomparsi misteriosamente il 24 giugno del 1967,

– Willy Ley morto il 24 Giugno 1969,

– l’archeologo spaziale francese Robert Charroux, deceduto il 24 giugno del 1978,

e molti altri nomi potrebbero aggiungersi a questo inquietante elenco; sono tutte delle coincidenze oppure sottili avvertimenti?

Tratto da: “Ufologia Occulta” di Roberto La Paglia – Edizioni Cercio della Luna

Rivisto da Conoscenzealconfine.it

Fonte: https://www.silverland.info/documenti/uomini-in-nero-m-i-b/

Libri e varie...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *