Mantenere il proprio Equilibrio Mentale

equilibrio-mentaleIl caos della quotidianità, i ritmi stressanti della vita, il peso del giudizio, sono tutti fattori che conducono molte persone ad una forma di disadattamento al vissuto quotidiano, il classico ‘mal d’essere’ che induce una sofferenza personale soggettiva. Questa perdita del proprio equilibrio mentale è riscontrabile in quattro forme diverse, osservando i comportamenti delle persone e il loro modo di fare è possibile riconoscere il loro disagio, il loro isolamento e la loro depressione. Ecco perché è importante riconoscere sin da subito quando una persona, o noi stessi, sta andando incontro ad un disagio nei confronti del quotidiano, della vita, e di ciò che la circonda. Un intervento di supporto, di valutazione delle cause, può sicuramente favorire il recupero di un’integrità e di un equilibro mentale che è fondamentale per affrontare nel migliore dei modi il cammino della vita . Analizziamo ora queste quattro forme di disadattamento.

Il primo modo è “dissociazione dal mondo”. La persona disadattata si chiude sempre più in se stessa, fino a non volere più contatti con nessuno. Alle estreme conseguenze, finisce per parlare da sola con se stessa, creando anche numerosi personaggi immaginari con cui dialogare. Personaggi ovviamente che le daranno sempre ragione, indicazioni e anche consigli. Per inciso, ritrovarsi a parlare da soli non è certamente una patologia, ma come più frequentemente accade è un modo come un altro per liberarsi da repressioni e frustrazioni. Se però la cosa diventa ossessiva, e quasi senza sosta, siamo di fronte ad un vero e proprio caso di schizofrenia.

Il secondo modo possiamo definirlo “fuga dal mondo”. Anche in questo caso si ha un allontanamento del proprio Io da ogni forma di relazione sociale; e a lungo andare ciò può portare ad una vera e propria depressione. L’individuo si sente colpevole, si sente un fallito, si auto-accusa di tutto e può arrivare perfino al suicidio, o per mezzo di un gesto estremo, o per mezzo di una dipendenza tossica.

La terza forma riscontrabile è “la maniacalità. L’individuo inizia a credere di essere un eroe, di avere poteri paranormali, di poter compiere imprese titaniche, di sentirsi in diritto di proclamare di essere un Dio e così via. Se l’autostima non è bilanciata, si corre il rischio di cercare di vincere le proprie sensazioni di fallimento, proclamandosi migliori di tutti gli altri. E’ l’estremo opposto dell’Io che si nasconde, e come tutti sanno, i due estremi alla fine si toccano sempre.

La quarta strategia del disadattato è quella chiamata minimalismo. Che cosa vuol dire? Lo dice la parola stessa, ridurre tutto al minimo, all’essenziale, ogni novità e ogni cambiamento fanno paura; ci si sente sicuri solo nel proprio guscio e si rifiutano le nuove esperienze. E’ più importante il sopravvivere che il vivere. Sentirsi in una botte di ferro, protetti da ogni seppur minimo rischio, piuttosto che tuffarsi nell’avventura dell’esistenza. Ecco perché educare se stessi alle novità, alla creatività e al cambiamento, è molto importante per difendere il proprio equilibrio mentale.

La massima latina “mens sana in corpore sano” (mente sana in corpo sano) ci spiega come un corpo sano e in salute aiuta la mente a dare il meglio di sé, ma è anche vero il contrario, cioè che una mente sana si specchia in un corpo sano. Infatti, è ormai provato che uno stato emotivo negativo, di disagio, può essere l’origine di una malattia fisica, ma è anche vero che l’insorgere di uno stato emotivo positivo, di accettazione, può portare alla guarigione. Diventa quindi fondamentale mantenere uno stato di equilibrio mentale ed emozionale, affinché si possa sfruttare al meglio tutte le potenzialità della macchina biologica umana. E’ importante tenere sotto controllo la nostra mente, affinché non sia turbata da troppi pensieri, paure ed angosce…ma per questo basta semplicemente impegnarsi, con amore e volontà verso se stessi e mai rimandare a domani quel che si può fare oggi, e come disse il saggio: “quel che si può fare oggi, mi raccomando, fallo subito!”.

È bene essere consapevoli del fatto che il nostro benessere è frutto dalla cura quotidiana che dedichiamo a piccoli aspetti concreti. Poche e semplici regole per realizzare il buon vivere nel quotidiano. Una persona equilibrata, con una mente equilibrata, è in grado di valutare il proprio grado di benessere e di segnare una direzione personale alla propria vita. Viviamo un’epoca in cui erroneamente ci viene insegnato a vivere in competizione, accade già in età infantile, a scuola, dove da alunni siamo in competizione per raggiungere il miglior voto, per essere i migliori della classe. Lo stesso accadrà successivamente nel mondo del lavoro.

E’ tempo invece di consolidare il senso di sicurezza di sé, ma soprattutto di recuperare la capacità di relazione con l’altro. Il segreto dell’equilibrio è nascosto nella cura di sé, e nell’armonia della relazione con l’altro. La nostra esistenza deve essere focalizzata sulla capacità di amore, di voglia di stare con gli altri; deve contemplare la forza di seduzione e l’efficacia nella comunicazione, bisogna alimentare spirito di collaborazione e di aiuto verso il prossimo. Imparare a trovare il giusto equilibrio nella nostra vita è la migliore cura che esista, e il mantenimento di questo equilibrio evidenzia il grado di amore che abbiamo verso noi stessi.

La mente può essere sia fonte di schiavitù sia fonte di libertà. La mente ti porta all’inferno, ma può anche condurti in paradiso. Dipende da come viene usata. Un giusto uso della mente porta alla meditazione, un uso sbagliato alla follia. La mente in se stessa non è né un nemico né un amico. Tu puoi fartene un nemico o puoi fartene un amico. Dipende da te, da quella parte di te che è nascosta dietro la mente. Se puoi fare della mente il tuo strumento, il tuo schiavo, essa diventa il passaggio attraverso il quale raggiungi l’assoluto. Se invece tu diventi lo schiavo e permetti che essa sia padrone, allora ti porterà all’angoscia e all’oscurità assolute.” Osho

Fonte: http://www.tragicomico.it/equilibrio-mentale/

Libri sull'argomento
Curare la Mente, Guarire il Dolore di John E. Sarno
 di Angelo Bona
Come ci condiziona il Modello Familiare di Antonio Bertoli
Guarisci il Tuo Corpo di Louise L. Hay
Finalmente ho Perso il Lavoro! di Marco De Biagi
Lo Specchio del Tempo - Libro + CD audio di Brian Weiss
DIGIUNO SECCO
Gli ultimi sviluppi della digiunoterapia in Russia
di Sergej Filonov

Digiuno Secco

Gli ultimi sviluppi della digiunoterapia in Russia

di Sergej Filonov

Hai mai sentito del digiuno secco? In questo libro il Dott. Sergej Filonov spiega in modo semplice questa terapia e alcune modalità per metterla in pratica.

Con linguaggio accessibile Filonov accompagna il lettore in un percorso avvincente alla scoperta dei tanti esempi di digiuno secco presenti in natura per arrivare a dimostrare che questo metodo, apparentemente d’avanguardia, affonda in realtà le sue radici nella notte dei tempi, trattandosi di un espediente incorporato da madre natura nel corso dell’evoluzione delle specie animali.

L’autore, forte della sua esperienza trentennale di cura in questo campo, si sofferma ad infrangere i miti diffusi sul tema e illustra dettagliatamente:

  • i meccanismi che il digiuno secco innesca e potenzia nell'organismo: acidosi, autofagia, autolisi e altri;
  • in presenza di quali patologie è consigliabile ricorrere al digiuno secco;
  • i vantaggi del digiuno secco rispetto agli altri tipi di digiuno;
  • l’algoritmo per una corretta pratica di digiuno secco in condizioni domestiche a partire dalla pulizia dell’intestino, per esempio con enteroadsorbimento tossinico.

L’efficacia del digiuno secco nella lotta contro gravi malattie dipende dal fatto che esso contribuisce a rinvigorire il sistema immunitario, permettendo all'organismo di sviluppare in breve tempo nei fluidi corporei le più alte concentrazioni di sostanze biologicamente attive: ormoni, cellule immunocompetenti, immunoglobuline e anticorpi.

Rispetto al digiuno idrico, quello secco risulta inoltre più valido perché accelera i meccanismi di depurazione (un giorno di digiuno secco corrisponde a tre giorni di digiuno idrico) e perché agisce mediante un processo diverso e più radicale: durante un digiuno secco, senza acqua esogena, non ha luogo alcuna “lavatura” delle tossine ma piuttosto un processo di bruciatura delle tossine “nella propria fornace”. Ogni singola cellula innesca una reazione termica. In tali circostanze muoiono le cellule patologiche e sopravvivono le cellule più forti, le più sane, ed esse per sopravvivere a tali estreme condizioni sono costrette a sintetizzare acqua endogena, di qualità eccellente e purissima, priva delle informazioni portate nel nostro corpo dall'ambiente esterno. Meccanismi simili non avvengono in alcuno degli altri tipi di digiuno praticati a fine terapeutico.

...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *